The Raveonettes – Magnolia, Milano. 1 Novembre 2014

Postato il

01

Articolo di Giovanni Lepori

Il concerto di The Raveonettes è uno di quelli che avevo programmato da tempo. Inzialmente l’appuntamento era fissato per Venerdí 31 Ottobre al Covo Club di Bologna ma, a causa dei soliti inconvenienti lavorativi, mi tocca rinviare ritrovandoli fortunatamente la sera dopo al Magnolia a Milano.
È una tipica serata autunnale della bassa lombarda: umidità, nebbia e un navigatore che mi fa girare per l’intera area di Lambrate facendo si che io arrivi al club verso le 22 e 30, perdendomi colpevolmente gli italiani Abiku, incaricati di aprire il concerto della band danese.

02
Riconosco subito le note di Endless Sleeper con la quale Sune Rose Wagner e Sharin Foo aprono il loro concerto: i due, accompagnati da un batterista turnista, iniziano timidamente il loro live cercando di riscaldare il pubblico milanese che sfortunatamente riempie solo metà della sala.
Il suono è grasso, distorto e arriva diritto al cuore. La scarsa illuminazione e l’iniziale immobilità del duo sul palco mi spinge a chiudere gli occhi, abbracciare la mia ragazza e ondeggiare lentamente trascinato dal ritmo ipnotizzante e fuzz delle numerose canzoni estratte dall’ultimo album, Pe’ahi. L’atmosfera, creata dai numerosi break beats e dalla voce incredibilmente pulita di Wagner, mi riporta al recente video rilasciato dalla band per la loro cover psichedelica di The End dei The Doors.

03

Penso anche alle sofferenze e alla depressione che ha caratterizzato la storia recente del gruppo: basta fissare lo sguardo apparentemente perso nel vuoto di Wagner per rivedere in lui la sofferenza e la rabbia per la recente scomparsa del padre alcolizzato e infedele a cui è stata dedicata la straziante Kill! : “One time I saw my dad fuck a redhead whore. I never ever thought I would”.
Le varietà di suoni che si aveva nell’ultimo disco diminuisce drasticamente live, risultando in un muro corposo di vibrazioni talvolta troppo distorte e poco bilanciate. Nonostante questo, le canzoni si susseguono con un ritmo paradossalmente incalzante – mi accorgo di essere vicino alla fine del live quando dopo la strappalacrime Summer Ends, i Raveonettes ritornano dietro il palco per poi riprendere a suonare ritrovando nuova energia negli ultimi 3 pezzi dell’encore.

04
Wagner abbandona la chitarra e, sostenuto da un synth vintage alla New Order, si scatena per tutto il palco cantando e muovendosi come se fosse un rapper freestyle.
Il finale è decisamente più elettronico e il pubblico sembra gradire il ritmo più incalzante e i bassi potenti che penetrano anche negli animi di quelli che, colpevolmente, erano rimasti immobili a braccia conserte fino ad allora.
A fine concerto riesco a scambiare due battute con Sune e Sharin dichiarando senza troppi giri di parole il mio amore per il loro ultimo album : “I really love your latest album guys”. I due si guardano e con un po’ di vergogna mista ad indifferenza e mi firmano il flyer del concerto ringraziandomi per le belle parole: “Thanks for your support. We really appreciate it.”.

05
Non posso dare un giudizio alla prestazione tecnica dei Raveonettes di sabato sera. La loro musica infatti ha una funzione catartica che non ha nulla a che fare con la ricerca di virtuosismi e tecnicismi propri ad altri generi musicali. Amo invece la semplicità disarmante con la quale le loro canzoni riescono a penetrare negli angoli più nascosti della nostra anima sconvolgendoci e lasciandoci in un torpore malinconico e fugace.

06

Grazie a Biaspoint per le foto.

07

08

09

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...