Sequoyah Tiger in concerto a Milano [Vinci 2 biglietti per venerdì 16 marzo all’Ohibò]

Postato il Aggiornato il

Per vincere i due biglietti è sufficiente scrivere un messaggio privato alla pagina facebook di Off Topic indicando nome, cognome e numero di telefono (non dimenticate di mettere “mi piace” alla pagina!).
I vincitori saranno avvisati entro le ore 23:30 del 15 marzo.

Sequoyah Tiger in concerto all’Ohibò, venerdì 16 marzo 2018

Articolo di ElleBi

Veronese di nascita ma iraniana di origine, Leila Gharib ha iniziato il suo percorso artistico nella formazione post punk dei Bikini The Cat. Nel 2008, la voglia di sperimentare ed aprirsi a più discipline l’ha portata a fondare, insieme alla danzatrice-coreografa Sonia Brunelli, la compagnia di arti performative Barokthegreat. Grazie a questa formazione Leila ha avuto modo di scandagliare il suono fuori dalla dinamica di gruppo musicale conosciuto fino ad allora, focalizzandosi sulla ricerca di una relazione fra il gesto coreografico e alcune tematiche precise. Nel tempo, è nata quindi l’esigenza di dare vita ad un progetto come solista. Il tutto ha iniziato a concretizzarsi nel 2014, quando la cantante, che stava collezionando immagini e testi relativi alle esplorazioni continentali, si è imbattuta in due parole che ha trovato particolarmente evocative: Sequoyah e Tiger. Le stesse alle quali ha affidato il suo nome artistico.
All’EP Ta-Ta-Ta-Time, del 2016, che aveva già convito pubblico e critica, ha fatto seguito nell’ottobre 2017, come sua naturale evoluzione, il primo album Parabolabandit. La lingua scelta è l’inglese, che permette a Leila di concentrarsi facilmente sui suoni e sulle lettere delle parole. Non appena un vocabolo o una frase la attirano, diventa un innesco per iniziare a creare qualcosa intorno ad essa, andando in sintonia con il flusso della musica e lasciando che altre parole emergano da essa.

Quando le parole si trasformano in una melodia, dimentica il loro significato, anche se rimane sempre un livello narrativo. Leila stessa descrive la sua musica come un “canto tigre, suono parabolico e umore bandolero“. Ogni piccola cosa che la colpisce è stimolante, ovunque: trova ispirazione nel fare, negli errori, spesso nell’imprevisto e anche in ciò che non le piace. Sperimentare, per lei, significa spingere a fondo le leve classiche e, attraverso la composizione e la produzione del suono, cercare di far precipitare i pezzi in zone inaspettate.
I riferimenti sonori di Leila sono tanti, ma i suoi ascolti sono andati soprattutto verso la musica pop americana anni ’50, tra la fine del rock’n’roll e la British invasion. Nel suo caso si potrebbe parlare di un dream pop in cui synth e drum machine hanno preso il sopravvento su chitarre e batterie.
Particolarmente suggestive sono le sue esibizioni dal vivo in cui il movimento del corpo si rivela in modo naturale come estensione dello sforzo vocale. L’assetto del live è essenziale e costruito sulle potenzialità fisiche della composizione di ogni elemento: i corpi ( suo e della ballerina Sonia Brunelli), così come il suono, passano da una dimensione all’altra, conducendo ad un’apertura dei sensi percettivi.
La ragazza di Verona dalle giacche vintage colorate anni ’90, un indiscutibile gusto per il pop, minimale e a tratti psichedelico, la voce distorta, i suoni sintetici, gli improvvisi ritmi aggressivi, ma anche gli inattesi arpeggi di chitarra, si esibirà al Circolo Arci Ohibò il 16 marzo.
Ad aprire il concerto della giovane Leila, preparando la “giusta atmosfera”, saranno i milanesi Lekka, progetto nato dalla grande passione per l’elettronica, e fortemente influenzata dai Boys Noize, Soulwax, Gesaffelstein, Daft Punk e Justice.
Vi aspetta quindi una serata profondamente coinvolgente, l’occasione imperdibile di conoscere dal vivo il talento poliedrico di un’artista decisamente ipnotica, che vi accompagnerà in un viaggio emozionale senza fine, alla scoperta di “tutto un altro mondo intorno a voi”…

 



 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...