Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Ardecore – Vecchia Roma (Goodfellas, 2015)

COVER-ARDECORE_leggera

Articolo di Sabrina Tolve.

Solo chi ha vissuto e/o vive a Roma sa e comprende quanto sia importante il lavoro portato avanti da Giampaolo Felici nel corso degli anni.
A quattro anni da San Cadoco, Vecchia Roma pare riallacciarsi al primo album del 2005, Ardecore.
Continue reading “Ardecore – Vecchia Roma (Goodfellas, 2015)”

Tempi Duri – Canzoni segrete (Saifam, 2015)

Canzoni_Segrete_copertina

Articolo di Roberto Basilico

Dopo oltre trent’anni i veronesi Tempi Duri tornano con l’album Canzoni segrete. Questo disco è composto da tredici brani legati tra loro da temi come l’amore, i sentimenti e l’attualità, contenuti cari anche ai grandi cantautori, come ad esempio Fabrizio De Andrè, il quale produsse il primo album di questa band – intitolato proprio Tempi duri – che riscosse un discreto successo.
Continue reading “Tempi Duri – Canzoni segrete (Saifam, 2015)”

Bocephus King & Phil Cody @ Villa Zoja – Concorezzo (Mb) 24 Aprile 2015

IMG_3548

Le grandi strade della musica americana

Articolo di Fabio Baietti Fotografie di Andrea Furlan

Incontro tra due anime inquiete che nulla avevano spartito del proprio passato. A loro modo, segnate da travagli che solo il tempo ha saputo acquietare, trasformandoli in parole e note. Mischiare le sensibilità di Phil Cody e Bocephus King ha prodotto una serata da ricordare a lungo. “Anomala” per come è stata concepita, organizzata e vissuta. Dal congiungere Los Angeles a Vancouver alla ri-scoperta di due album che solo i carbonari della buona musica non avevano dimenticato. Dalla convivialità di un rinfresco che ha creato la giusta atmosfera ad un concerto a finestre aperte, con bambini sparsi ovunque. Tra le braccia di madri canterine, sul pavimento ad immaginarsi grandi con una chitarra in mano, sulle spalle di un babbo cespuglioso a tenere il tempo sul palco. La magia non ha bisogno di riscaldamento per iniziare la sua partita. Scorrono canzoni che lasciavano presagire squarci di gloria per entrambi. Flussi di memoria che riportano ad anni di iniziazione alla musica che “gira intorno”. Quella da ascoltare nei locali da raggiungere tagliando a fette la nebbia. Quella proposta dietro a sipari che non si sono più aperti per troppi anni.

Continue reading “Bocephus King & Phil Cody @ Villa Zoja – Concorezzo (Mb) 24 Aprile 2015”

Post-CSI – Breviario partigiano (Tannen records/Universal 2015)

Digipack 01

Articolo di Sabrina Tolve.

Ascolto l’album e necessito di cinque minuti buoni in cui rimettere in sesto i pensieri, prima di scriverne a riguardo.
Sono cresciuta e maturata ascoltando i CCCP. Quando ho iniziato ad ascoltarli, erano già finiti, avevano già dato i natali ai CSI e ai PGR, ma ovunque posassi l’orecchio e ogni ascolto mi concedessi, tutti e tre i gruppi mi hanno sempre dato l’impressione di essere estremamente coerenti con sé stessi, come se ci si approcciasse all’infanzia, all’adolescenza e poi alla maturità di un essere con una personalità propria che continuava a dire quel che c’era da dire, senza mezzi termini, con una posizione ben precisa che accoglieva la mia negli estremismi della gioventù. E del mio presente, anche.

Continue reading “Post-CSI – Breviario partigiano (Tannen records/Universal 2015)”

Iosonouncane – Roma pausa soundcheck

4

Intervista di Sabrina Tolve, fotografie di Rachele Baglieri

Io e Rachele arriviamo all’Init con discreto anticipo. In realtà siamo puntuali, ma come spesso e volentieri succede a Roma, ci troviamo all’inizio del soundcheck, invece che alla fine.
Facciamo una chiacchierata con i presenti, ma nemmeno vogliamo distrarli dal loro lavoro.
Attraversiamo la sala vuota e ci spostiamo sui divanetti all’esterno. Io fumo una sigaretta, mentre lei fa qualche foto di prova.
Attendiamo entrambe Iosonouncane, al secolo Jacopo Incani, che ci raggiunge alla fine del soundcheck. Sono passate le 20, e io gli chiedo se non voglia cenare prima.
Lui risponde con un deciso no.
Continue reading “Iosonouncane – Roma pausa soundcheck”

The Selfish Cales – Throw Your Watch To The Water (autoproduzione, 2015)

copertina-selfish-cales

Articolo di Sabrina Tolve.

La cosa bella di fare questo lavoro è incontrare persone che riescono a capire i tuoi gusti musicali in fretta, e ti citano dischi che poi, a sentirli, t’interessano e ti piacciono davvero.
Sono una bella scoperta i The Selfish Cales, in realtà già al loro terzo album: Throw Your Watch To The Water.

Continue reading “The Selfish Cales – Throw Your Watch To The Water (autoproduzione, 2015)”

Miami & The Groovers – un disco di confine, fra paradiso e inferno

11153486_10153232790278896_1958854387_o

Intervista di Luca Franceschini, fotografie di Cristian Photocuba

Dei Miami & The Groovers e dello splendido release party per il loro ultimo “The Ghost King” ho già parlato più che diffusamente qui. È giunto invece il momento di approfondire il discorso, raccontando quello che Lorenzo Semprini, cantante, chitarrista ritmico e fondatore della band romagnola, mi ha raccontato nel backstage del Teatro Comunale di Cesenatico, a poche ore dall’inizio del primo dei due concerti in programma. Un’occasione privilegiata per andare ancora più a fondo di un lavoro che, ne siamo sicuri, lascerà un segno importante nel cammino di questa band…
Continue reading “Miami & The Groovers – un disco di confine, fra paradiso e inferno”

Dimartino – Un paese ci vuole (Picicca, 2015)

COPERTINA_PAESE_def.tif

Articolo di Rachele Baglieri

Quello che colpisce al primo ascolto del nuovo album di Dimartino è il senso del viaggio, o forse del ritorno. Poesia e accessi melodici sono elementi che tornano in tutti i pezzi con forza evocativa e ricchezza di soluzioni sonore.
L’arpeggio del pianoforte accompagna la descrizione dei personaggi, dei paesaggi, dei luoghi del primo brano, Come una guerra la primavera, lungo tutto un percorso, quasi un’iperbole, che conduce con leggerezza “semplicemente a qualcosa che prima non c’era e che come una guerra torna…”.

Continue reading “Dimartino – Un paese ci vuole (Picicca, 2015)”

Iosonouncane @ Init Club, Roma. 16 aprile 2015 [opening act: i Nauti]

24

Testo di Sabrina Tolve, foto di Rachele Baglieri

La serata è calda.
Il palco dell’Init è ancora vuoto, non fosse per gli strumenti musicali, un paio di computer, e uno schermo gigante con cui si presentano, in lettere maiuscole, i Nauti, che apriranno il concerto di Iosonouncane.
Il suono arriva puntuale rispetto alle comunicazioni dei barman, in ritardo di un’ora e mezzo rispetto, invece, alla comunicazione su Facebook. Ma poco importa.

Continue reading “Iosonouncane @ Init Club, Roma. 16 aprile 2015 [opening act: i Nauti]”

WordPress.com.

Su ↑