Johnny DalBasso – tutta l’energia in un uomo solo

Postato il

jdb cover

Intervista di Nadia Merlo Fiorillo

JDB, iniziali di Johnny DalBasso, è il disco d’esordio di un one man band cresciuto artisticamente a suon di live e che in 10 tracce dalla fisionomia stilistica cangiante racchiude temi e sonorità che lo hanno accompagnato nel corso del tempo, da quando ha preso a suonare da solo chitarra, batteria e armonica fino a oggi.
La summa dell’album è un tracciato sonoro non di genere, che mischia punk, blues, rock’n’roll, intimismi acustici e bordate stoner in maniera coesa, ma prepotentemente delineata e affida all’energia e alla potenza del ritmo la prima e l’ultima parola su un percorso musicale vissuto, prima ancora che registrato.

Leggi il seguito di questo post »

Alabama Monroe – di Felix Van Groeningen (2014)

Postato il

Alabama-Monroe-48843

Articolo di ElleBi

Quando ho letto che Alabama Monroe ha conteso a “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino l’Oscar per il miglior film straniero, ne sono stata subito attratta. Fuorviata dalla traduzione italiana del titolo, che lo presenta “semplicemente” come una storia d’amore, di certo non potevo immaginare quanto sarei rimasta impressionata dalla visione di questo film. A fine proiezione, inaspettatamente per una natura come la mia di solito piuttosto controllata, mi sono ritrovata non solo in lacrime, ma quasi “prigioniera” di emozioni fortissime e contrastanti. Ci sono voluti diversi giorni per riacquistare quella dose di sano distacco che mi permettesse di dare forma scritta ad un’esperienza così toccante.

Leggi il seguito di questo post »

Dan Stuart featuring Antonio Gramentieri @ All’UnaeTrentacinqueCirca – Cantù – 21 Maggio 2014

Postato il Aggiornato il

08

Testo di Laura Bianchi
Immagini sonore di Federico Sponza

Verde dell’acqua dell’oceano. Verde della campagna di romagna. Rosso del vino sorseggiato per farsi coraggio. Rosso della passione per la vita e la follia. Verde su rosso, i colori di questa sera tesa, decine di paia di occhi puntati su due uomini.

Il primo è alto e stranito. Parla poco, guarda fisso un punto lontano, e c’è da scommettere che, più che nello spazio, quel punto è collocato nel tempo, in un momento imprecisato di qualche decennio fa, quando tutto sembrava ancora possibile, quando i sogni avevano appena smesso di succedere e pareva dicessero ‘siamo andati via, ma torneremo, tanto, il tempo non è niente, quando si è giovani nel cuore…’

Leggi il seguito di questo post »

Black Beat Movement – ID-LEAKS (Back Movement Records, 2014)

Postato il Aggiornato il

cover

Articolo di Chiara Baini

Sorprendente come un disco, in questo caso ID-LEAKS dei Black Beat Movement, sia in grado di risvegliare anche dal coma più profondo la voglia di ballare noncuranti del dove siamo e con chi. Poco importa se vi trovate al supermercato, chiusi nella vostra camera, o in qualsiasi altro posto: inevitabilmente il vostro corpo inizierà a muoversi seguendo il ritmo.
Nati nel 2012 dall’unione di Naima Faraò e personaggi provenienti da gruppi del calibro di Rezophonic, Rootical Foundation e Vallanzaska, i Black Beat Movement non sono nuovi nel panorama musicale italiano.

Leggi il seguito di questo post »

Gesualdo Bufalino – Argo il cieco, ovvero i sogni della memoria (Sellerio, 1984)

Postato il Aggiornato il

gesualdo-bufalino

Articolo di Sabrina Tolve

Per chi non lo sapesse, Argo è una figura mitologica: un gigante dai molteplici occhi (c’è chi ne enumera quattro, chi cento) che qui, in questo testo, è orbo. Perché Argo – cieco, però – è un po’ l’alter ego di Gesualdo. Forse lo scrittore, forse il personaggio dell’opera. Non è certo che l’omonimia comporti l’autobiografia.
E, di fatto, non è nemmeno essenziale saperlo.
Quel che è certo è che un uomo di oltre sessant’anni preferisce chiudere gli occhi, non un po’ alla volta, ma tutti – come Argo di fronte ad Ermes, quando il dio gli narra di Pan e Siringa accompagnando il racconto a una musica deliziosa -, per potersi rintanare in un’estate di quasi trent’anni prima.

Leggi il seguito di questo post »

Shearwater @ Magnolia – Milano – 8 Maggio 2014

Postato il Aggiornato il

02

Testo e immagini sonore di Thomas Maspes

Davvero un peccato dover constatare l‘esiguo numero di persone presenti al Magnolia di Milano per l’arrivo di una band interessante come gli Shearwater, attivi ormai da più di dieci anni e con riconoscimenti a livello internazionale di tutto rispetto (Il loro disco del 2008 “Rook” fu segnalato come miglior pubblicazione dell’anno dalle più prestigiose riviste di settore). In circa tredici anni gli Sheawater, nati ad Austin da una costola degli Okkervil River, hanno pubblicato nove dischi, l’ultimo dei quali è una raccolta di cover di varie band che hanno intrecciato, per un certo periodo, la propria attività con quella del gruppo texano (Xiu Xiu, Coldplay, St. Vincent, Clinic…)

Leggi il seguito di questo post »

Looking Into You: A Tribute To Jackson Browne (2014 – Music Road Records / IRD)

Postato il

looking into you a tribute to jackson browne

Articolo di Fabio Baio Baietti

Di solito mi avvicino ai dischi tributo con circospezione, per non dire sospetto. A maggior ragione se la musica è quella di artisti ancora “alive and kicking”. A smentire i miei dubbi arriva Looking into you, doppio cd dedicato a Jackson Browne. Uno dei grandi, indiscutibilmente. La prima caratteristica che mi ha colpito è la compattezza, l’omogeneità della qualità artistica del disco. Nessuna fuga in avanti, nessun stravolgimento dissennato (se non completi ribaltoni) delle versioni dei brani scelti. Merito di Jimmy LaFave che, oltre ad eseguire una For Everyman dilatata ed entusiasmante, è il regista nemmeno troppo occulto del progetto concretizzato dalla Music Road Records, e di una pletora di cantanti “made in Austin” che vanno a braccetto con alcuni mostri sacri che, quasi sempre, fanno centro con i brani a loro affidati.

Leggi il seguito di questo post »