Jonathan Carroll – Il matrimonio dei fiammiferi (Fazi editore, 2008)

Postato il Aggiornato il

fiammiferi_sopra

Articolo di Marina Iossi

Queste non sono le prime pagine di Jonathan Carroll che leggo. E non saranno le ultime. Le prime furono di un libro che conteneva una raccolta di racconti, comprato per caso: Tu e un quarto. La copertina era assai intrigante e il titolo un enigma irresistibile.

Leggi il seguito di questo post »

Cesare Malfatti @ Auditorium Demetrio Stratos, Milano. 2 Ottobre 2015

Postato il Aggiornato il

IMG_0609

Articolo di James Cook, immagini sonore di Andrea Furlan

Una città esposta è il nuovo disco di Cesare Malfatti, un progetto nato da lontano, nel maggio 2014. Saputo che Alessandro Cremonesi (terzo componente dei La Crus) stava elaborando un’idea in grado di legare sei opere d’arte milanesi ai sei mesi di Expo, Cesare ha pensato che le stesse potessero diventare il tema di altrettante canzoni. Leggi il seguito di questo post »

Henry Carpaneto – Voodoo Boogie (OrangeHomeRecords, 2014)

Postato il

Henry Carpaneto Voodoo Boogie

Articolo di Antonio Spanò Greco

Esordio discografico a proprio nome per Henry Carpaneto, pianista blues nativo di Genova e adottato da New Orleans, città dove la musica regna di casa e il blues ha influenze particolari, come i suoni caraibici e quelli delle grandi orchestre jazz, dove il piano e i fiati sono strumenti imprescindibili, amalgamati insieme allo spirito casereccio e allegro della gente del sud; prende vita così un sound corposo e intrigante che ci riporta sì agli anni 40 e 50, ma che miscelato ai gusti personali e alle esperienze vissute crea un lavoro attuale, internazionale e godibile, che si lascia ascoltare tutto d’un fiato.

Leggi il seguito di questo post »

124C41+ – EP (Stay Home / Dreamingorilla, 2015)

Postato il Aggiornato il

124C41+ EP

Articolo di Sabrina Tolve.

Questo gioiellino di circa venti minuti ha debuttato il 20 aprile di quest’anno.
Un po’ in ritardo, direte, ma sapete con chi state parlando: io sono la ritardataria per eccellenza.
Ritornando a noi, questo EP senza nome è dei One To Foresee For One Another – abbreviato in 124C41+, titolo di un romanzo di fantascienza pubblicato in episodi a partire dal 1911 dalla rivista statunitense Modern Electrics, e poi edito nel 1925 dalla casa editrice The Stratford Company di Boston, dello scrittore Hugo Gernsback.

Leggi il seguito di questo post »

Nova Lumen – Assurdo universo (Gente Bella, 2015)

Postato il

Artwork - Assurdo Universo

Articolo di Luca Franceschini.

Quest’estate ho letto “La possibilità di un’isola” di Michel Houellebecq e devo dire che pur avendo apprezzato moltissimo l’originalità del soggetto e, come sempre, la prosa dello scrittore francese, la sorte del genere umano da lui immaginata mi ha lasciato particolarmente angosciato. Anche se, a dire il vero, per quanto fantasiosa, non è proprio del tutto campata in aria.
Leggi il seguito di questo post »

Andrea “Harpo” Giannoni ed Enrico “Gas” Gastardelli @ Baretto del Leoncavallo – Milano 2 Ottobre 2015

Postato il Aggiornato il

IMG_0749

Articolo e immagini sonore di Andrea Furlan

Il Sindacato del Mojo: Blues e diavoli al culo!

Il blues è vita. E’ fiamma che brucia l’anima, è passione che consuma. Hai i diavoli al culo, non te ne puoi liberare. Hai una missione cui sei chiamato, devi farlo. Esorcizzi i demoni con la musica, sali sul palco e dai tutto quello che hai, sei un predicatore folle che ogni sera compie il sacro rito di una danza infernale. Trai la forza da tutti quelli che prima di te, come te, hanno trasformato dolore e sofferenza nella ostinazione di continuare a seguire la propria strada, di continuare a gridare la propria rabbia e non arrendersi mai.

Leggi il seguito di questo post »

David Ragghianti – Portland (Caipira Records / Musica Distesa, 2015)

Postato il Aggiornato il

copertina

Articolo di Eleonora Montesanti

Portland, il disco d’esordio del toscano David Ragghianti, non è il tipico disco che, in questi anni dieci, ci si potrebbe aspettare da un giovane cantautore. Prodotto da Giuliano Dottori, cerca il suo spazio mediante uno stile atemporale da cui filtra una visione del mondo delicata e raffinata, come se lo si guardasse attraverso un paio di lenti color pastello.
Leggi il seguito di questo post »