Hayes Carll – Lovers and Leavers (Thirty Tigers, 2016)

Postato il Aggiornato il

Lovers-And-Leavers-cover

Articolo di Roberto Bianchi

Hayes Carll, quarantenne songwriter Texano, attivo dal 2002, ci ha regalato una serie di ottimi album roots oriented a partire da “Flowers and Liquor”, passando da “Little Rock” e “Trouble In Mind”. In questi dischi ha raccontato di vagabondi, gente di strada, vita da bar, vizi e liquori. Con Kmag Yoyo (2011) ha lanciato frecciate al sistema politico americano, affinando notevolmente il suo stile compositivo, caratterizzato da una scrittura che mescola poesia ed intelligente umorismo.
Leggi il seguito di questo post »

Paolo Benvegnù @ Studio Foce, Lugano – 7 Maggio 2016

Postato il

03

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Salvatore Vitale

Ero stato a sentire Paolo Benvegnù l’ultima volta a dicembre, al Biko di Milano, in quello che doveva essere l’ultimo concerto prima che si rinchiudesse in studio per lavorare al successore di “Earth Hotel“. Non era ancora pronto per lasciare i palchi, evidentemente.
Leggi il seguito di questo post »

Ilenia Volpe – Mondo al contrario (La Grande Onda/ Goodfellas, 2016)

Postato il Aggiornato il

, 5/6/15, 3:01 PM, 8C, 8748x8448 (0+2003), 150%, Repro 2.2 v2, 1/15 s, R67.4, G57.2, B72.6

Articolo di Giovanni Carfì

Sono due le componenti principali di un disco: musica, attraverso la quale poter esprimere emozioni sonore, covate interiormente, e parole. Queste rimangono aeree, fino a quando non vengono fissate, come in una polaroid o in un disegno, attraverso racconti, poesie o brani musicali, che le rendono animate. Leggi il seguito di questo post »

Massimiliano Larocca canta Dino Campana – Un Mistero di Sogni Avverati (Brutture Moderne / Audioglobe, 2016)

Postato il Aggiornato il

massimiliano larocca

Intervista e recensione di Roberto Bianchi

Nella prima decade del novecento Dino Campana (1885-1932), autore toscano di Marradi, compose un’opera di versi e poesie (prosimetro), ispirata alle liriche della tradizione greca. Stile raro nella letteratura moderna, rinverdito successivamente con il successo mondiale del Signore Degli Anelli di Tolkien.

Leggi il seguito di questo post »

Steve Jansen – Tender Extinction (Steve Jansen productions, 2016)

Postato il Aggiornato il

cover

Articolo di Savino Di Muro

Secondo bellissimo lavoro solista di Steve Jansen, Tender Extinction, musica d’avanguardia dalle atmosfere Ambient, a tratti progressive, astrattismo (fourth) world.
Fratello del più celebre David Sylvian, Steve Jansen, vero nome Stephen Batt, ha debuttato discograficamente nel 1978 come batterista dei Japan.

Leggi il seguito di questo post »

Barbarisms – Browser (A modest proposal, 2016)

Postato il Aggiornato il

barbarisms

Articolo di Luca Franceschini.

Arrivare al secondo disco è un traguardo importantissimo per una band, soprattutto in questi ultimi anni, dove, in un contesto di un’offerta quanto mai compulsiva, i nomi che si perdono per strada sono tantissimi. Ci diciamo sempre che in questo mare magnum di roba nuova e sconosciuta è sempre più difficile scovare cose che valgano la pena di essere ascoltate, ma alla fine è anche un po’ un alibi che, sia noi appassionati, sia alcune band, amiamo utilizzare per coprire certe carenze.
Leggi il seguito di questo post »

Adoro Jovanotti, non sopporto De Andrè. Amori & spigoli di Giorgio Canali

Postato il Aggiornato il

R. Amal Serena 02

Intervista di E. Joshin Galani

A distanza di 5 anni dall’album precedente, Giorgio Canali e Rossofuoco tornano con un grande atto d’amore nei confronti della musica, ”Perle per Porci”. Uno scorcio aperto su quarant’anni di ricchezza musicale dal passato al presente, non solo brani stra illuminati dai riflettori, ma anche quelli più in disparte, a loro volta non meno preziosi.
Leggi il seguito di questo post »