Paolo Saporiti – Paolo Saporiti (2014 – Orange Home Records)

Postato il Aggiornato il

Paolo Saporiti - Paolo Saporiti (2014)

Articolo di Andrea Furlan

Mi piacciono i dischi che suscitano forti emozioni. Mi piacciono i dischi che costringono a prendere posizione, a scegliere da che parte stare, che in nessuna maniera lasciano indifferenti e puntano dritto all’estremo coinvolgimento dei sensi. Dischi che regalano un’esperienza unica e totale, che non fanno sconti e impongono a chi li ascolta un rapporto esclusivo. Puoi tanto amarli quanto odiarli dischi così, di certo lasciano in te un segno indelebile. Se li ami è perché resti affascinato dai loro suoni, dai loro colori, dalla loro atmosfera; se li odi è perché ti mettono all’angolo e ti costringono a fare i conti con te stesso. Vanno in profondità per raggiungere anche le corde più nascoste del tuo intimo. Quando tutto ciò si avvera, come nel caso in questione, la fascinazione che ne deriva è per me pressoché immediata!

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Ex-Otago – In capo al mondo (2014 – Officine Ex-Otago)

Postato il Aggiornato il

Ex-Otago In capo al mondo Cover HIGH

Articolo di Eleonora Montesanti

Sono passati tre anni densi di accadimenti da Mezze stagioni, anni in cui la band genovese ha dedicato anima e corpo alla realizzazione del nuovo disco In capo al mondo. Il risultato è maturo, sognante e introspettivo: questo album, infatti, riassume un originale impasto tra testi intimi e musica fresca, rispetto al passato sceglie di abbandonare l’elettronica a favore di strumenti in legno e atmosfere decisamente più rilassate. Le dodici canzoni, che somigliano a piccoli capitoli di un libro di avventure, riportano la musica ad uno dei suoi scopi primari: divertire e al contempo provare ad insegnare qualcosa. 

Leggi il seguito di questo post »

Grammophone @ CPA Live – Napoli – 4 Aprile 2014

Postato il

Grammophone-6

Testo di Nadia Merlo Fiorillo
Immagini sonore di Flavia Guarino

Hanno un’energia fuori dal comune i Grammophone, quintetto ebolitano che da pochi mesi ha esordito con Multiverso, album dal sound internazionale e dalle pretese acustiche più che giustificate.
Dalla loro hanno un’abilità esecutiva di notevole impatto, che sintetizza le più ardite soluzioni elettroniche con un gusto decisamente tradizionale per la melodia, e non si fanno certo scrupolo di declinarla evocando dettagli ritmici che quasi sconfinano nel prog.

Leggi il seguito di questo post »

Cesare Pavese – Ciau Masino (Einaudi, 1969)

Postato il Aggiornato il

Cesare-Pavese-Santo-Stefano-Belbo

Bisogna dire che Santo Stefano, all’imbocco della vallata del Belbo, è un poco la metropoli delle Langhe. Il paese ha su di sé di rappresentare dinnanzi alla provincia di Alessandria che confina, tutti i vanti e le virtù dei contadini retrostanti.
Cesare Pavese
Ciau Masino

Articolo di Sabrina Tolve

Sì, lo so. È un testo che non conosce quasi nessuno. Di fatto, è una raccolta di racconti scritti da un Pavese molto giovane (parliamo del 1931 – ’32; il libro fu però edito postumo nel 1968), divisa in due parti: una serie di racconti narra di Masin, un’altra parla di Masino.

Leggi il seguito di questo post »

Estra @ Tunnel – Milano – 16 Aprile 2014

Postato il Aggiornato il

IMG_7984

Live report e foto di Fabio Baio Baietti

Hanno lasciato il segno, gli Estra.
Nella seconda metà degli italici anni 90, i testi di Giulio “Estremo” Casale si sono insinuati sottopelle. Scorticanti, criptici, deliranti, soffici, urbani, esistenziali. Quasi a voler coprire tutto il caleidoscopico panorama di anime inquiete. Alla ricerca di dare “senso” alla realtà che stavano vivendo e, soprattutto, al proprio “Io”.
Messo a ferro e fuoco da versi che stavano al largo dai paradossi o dalle metafore, arrivando secchi come pugni nello stomaco.

Leggi il seguito di questo post »

Barzin @ Cantine Coopuf – Varese – 13 Aprile 2014

Postato il Aggiornato il

barzin 01

Testo di ElleBi
Immagini sonore di Lino Brunetti

Passaporto canadese, ma il tono decisamente malinconico e un amore profondo per la poesia, sono tratti che lo riconducono alle sue origini iraniane. Barzin è un cantautore che propone un percorso musicale intimista. Le sue canzoni, sviluppandosi lente e struggenti, avvolgono dolcemente in un’atmosfera in cui prendono vita emozioni rarefatte e soffuse. Colpita dall’innegabile impatto emotivo del suo recente album “To live alone in that long summer”, colgo al volo l’occasione di “godermelo” dal vivo a Varese in un concerto organizzato presso le Cantine Coopuf.

Leggi il seguito di questo post »

The Veils @ Magnolia – Milano – 14 Aprile 2014

Postato il Aggiornato il

DSC_0282 firma

Testo e immagini sonore di Thomas Maspes

The Veils, band neozelandese attiva dal 2003, arrivano a suonare a Milano in sordina, senza alcun particolare hype intorno al loro progetto. Ma a ben guardare è quasi sempre stato così, a parte un inizio scoppiettante con il primo disco e in particolare con il singolo Lavinia, andato in heavy rotation anche su Mtv per parecchie settimane. Poi non si sa bene il perché, sono rimasti sempre ai margini sia del mondo mainstream, sia di quello indie-alternativo. Forse perché le loro melodie leggermente malinconiche risultano troppo deprimenti per un pubblico abituato ai suoni delle radio FM, e allo stesso tempo alle persone che fanno della musica una colonna portante della propria esistenza sono sempre risultati un po’ ruffiani e poco credibili. O forse è stata una loro scelta quella di percorrere strade diverse, senza apparire troppo alla moda e concentrandosi al massimo sulla scrittura delle canzoni e sull’attività live, strade sicuramente più tortuose rispetto ad una massiccia campagna di marketing o di video ben confezionati.

Leggi il seguito di questo post »