artaud

«Quando il Gallo si taglia il membro, e gli si getta una veste da donna,
io vedo in questo rito il desiderio di farla finita con una certa contraddizione,
di riunire d’un solo colpo l’uomo e la donna, di combinarli,
di fonderli in uno, e di fonderli nel maschio e per mezzo del maschio.
Poiché il maschio è l’Iniziatore.»[1]  

Articolo di Sabrina Tolve

Ho iniziato a leggere Artaud intorno ai 18 anni.
Qualcuno dirà che è troppo tardi, o troppo presto. Io, onestamente, non lo so.
Eppure è a quasi dieci anni di distanza da quando ho iniziato a cibarmi della vitalità immensa di quest’uomo, che ho letto Eliogabalo, o l’anarchico incoronato, un testo dai connotati estremamente storici. Ma non solo un romanzo storico.

Continua a leggere “Antonin Artaud – Eliogabalo, o l’anarchico incoronato (Adelphi, 1969)”