Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Tag

Luca Franceschini

Elasi: C’è del bello ovunque. (Forse) anche nel Reggaeton. [intervista]

Intervista di Luca Franceschini

Intervistare un’artista che abbia all’attivo un solo brano potrebbe sembrare un’operazione velleitaria, se non addirittura superflua. In questo caso, di ragioni per farlo ce ne sono invece parecchie: Elisa Massara si è affacciata nel mondo musicale italiano con classe e decisione: “Benessere”, il suo primo e al momento unico singolo, arrivato ad ottobre dopo una campagna promozionale sui Social ben studiata e accattivante, è stato come una boccata di aria fresca. Una base elettronica di spensierata tamarraggine, ritmi latini e melodie vocali irresistibili, il tutto impastato con una ricercatezza musicale che denota come dietro questo progetto ci sia molto di più di un canonico divertissement di stampo Pop.
Aggiungiamoci un video colorato e divertente, con l’invenzione di Ben Fatto, un simpatico personaggio che possiede anche un suo profilo Instagram e con cui è possibile interagire (per chi volesse scrivergli qualcosa l’account è ben_fatto), si capirà perché un progetto come Elasi, tra gli ultimi ingressi nella sempre prolifica scuderia Costello’s, vada tenuto d’occhio sin dall’inizio.
Siamo a Milano, zona Porta Venezia, Elisa abita poco distante. Ci siamo visti con l’idea di fare un aperitivo ma poi avevamo fame e ci siamo mangiati una pizza. Essendo entrambi fissati con la musica (e non sarebbe potuto essere altrimenti) si è parlato di tutto, dal Club to Club da poco trascorso, a Lorde, fino al nuovo disco di Salmo, che usciva proprio quel giorno lì. In mezzo, parecchie cose interessanti su di lei e sulla sua carriera appena cominciata e così promettente…

Continue reading “Elasi: C’è del bello ovunque. (Forse) anche nel Reggaeton. [intervista]”

Willie Peyote: Abbiamo bisogno di reimparare l’empatia [intervista]

Intervista di Luca Franceschini

Quest’estate ho visto parecchi concerti ma i due di Willie Peyote occupano un posto speciale nella mia personale classifica. Il rapper torinese, vero nome Guglielmo Bruno, è arrivato alla maturità artistica e alla consacrazione commerciale con “Sindrome di Toret”, uscito lo scorso autunno e delle mille e più voci all’interno del panorama Hip Pop nostrano, la sua è indubbiamente tra le più interessanti. Ricchissimo a livello musicale, con uno spettro di influenze che pesca molto dal Neo Soul e dalla Black Music in generale, profondo e mai banale nei testi, con argomenti importanti affrontati però sempre con una certa leggerezza; per finire, un tiro pazzesco dal vivo, grazie ad una band bravissima e rodata, che garantisce esibizioni frenetiche dove stare fermi è praticamente impossibile. Il 23 novembre è partita l’ultima serie di date che chiuderanno il ciclo di “Sindrome di Toret” per aprirne un altro, si spera ancora più fortunato. Qualche giorno prima ho raggiunto Guglielmo per telefono, in una pausa tra le prove e i lavori di allestimento scenico e mi sono fatto raccontare un po’ quello che è successo quest’estate, cosa succederà da qui a gennaio, oltre che qualche riflessione sull’attualità e il valore di certe sue canzoni. Nel frattempo guardatevi le date e scegliete quella più vicina a voi…

Continue reading “Willie Peyote: Abbiamo bisogno di reimparare l’empatia [intervista]”

Ben Howard @ Fabrique – Milano, 28 novembre 2018

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Elly Contini

Siamo alla fine. Ben Howard ritorna sul palco per i bis, in compagnia di due soli musicisti della sua band allargata. “Siamo arrivati al momento in cui dovrei suonare le cose vecchie – dice in quella che è a tutti gli effetti la prima volta che si rivolge al pubblico – mi sento piuttosto a disagio perché normalmente mi piace essere connesso con il momento esatto in cui nascono le canzoni. Ho sempre voluto mostrare quello che sono in quel determinato momento, piuttosto che fare l’intrattenitore”.
Si potrebbe fermare tutto e stare un mese solo su questa affermazione, in effetti. Qual è il ruolo dell’artista? Cosa deve succedere durante un concerto? Cosa è giusto che abbia più peso, il presente o il passato? E ancora: ha senso, oggi, considerare i nuovi dischi allo stesso modo di come li consideravamo dieci anni fa? Non è forse vero che ormai per molti nomi, soprattutto per quelli con una carriera consistente alle spalle, rappresentano poco più di un utile pretesto per andare in tour?

Continue reading “Ben Howard @ Fabrique – Milano, 28 novembre 2018”

Johnny Marr @ Fabrique, Milano – 29 novembre 2018

Articolo di Luca Franceschini immagini sonore di Ambrogio Brambilla

L’essenza del concerto di Johnny Marr dell’altra sera è racchiusa nei primi due brani: l’apertura, con la robusta “The Tracers”, tratta dal nuovo disco e poi, in rapida successione, il classico degli Smiths “Bigmouth Strikes Again”. In questi dieci minuti scarsi ci sono dentro tutti i motivi per cui il pubblico ha riempito il Fabrique (sempre allestito a capienza ridotta ma comunque con un bel colpo d’occhio). Chi è oggi Johnny Marr? Può essere ancora considerato l’ex chitarrista degli Smiths? O non sarebbe meglio definirlo semplicemente uno dei più talentuosi musicisti della sua generazione? Io a Milano ho visto entrambe le cose e i due brani iniziali me l’hanno confermato. 


Continue reading “Johnny Marr @ Fabrique, Milano – 29 novembre 2018”

Rancore @ Live Music Club – Trezzo sull’Adda (Mi), 23 novembre 2018

Articolo di Luca Franceschini e immagini sonore di Alessandro Pedale

C’è un bel racconto che Tarek Iurcich, in arte Rancore, condivide alla fine del concerto: suo padre da piccolo gli diceva sempre che l’unico modo per uscire da un labirinto fosse tenere la mano sinistra sempre appoggiata al muro e camminare dritto senza mai fermarsi. Prima o poi, è una questione matematica, l’uscita si sarebbe trovata. Per tanti anni Tarek non ha capito a che cosa avrebbero potuto servirgli queste parole. Poi improvvisamente suo padre è morto, quando lui aveva solo quindici anni e, senza averlo preventivato, si è trovato a dover uscire da un labirinto molto più complesso di quello che il suo stesso genitore aveva in mente.

Continue reading “Rancore @ Live Music Club – Trezzo sull’Adda (Mi), 23 novembre 2018”

Nothing @ Ohibò, Milano – 26 novembre 2018

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Stefania D’Egidio

C’è qualcosa di meraviglioso e di consolante insieme nel farsi frantumare le orecchie dal muro di suono delle chitarre dei Nothing. L’Ohibò è pieno zeppo, i corpi ammassati attutiscono il rimbombo, i volumi sono sparati come se si fosse in uno stadio, io sono davanti al palco e posso quasi sentire i timpani che mi abbandonano. I quattro di Philadelphia ci danno dentro come matti, l’inizio con Brandon Setta da solo sul palco a ricamare qualche leggero accordo acustico mentre una voce registrata fuori campo funge da intro, è solo la quiete prima della tempesta, solo un’illusione che le atmosfere più aperte e distese dell’ultimo “Dance on the Blacktop” sarebbero state riprese anche dal vivo. Se anche la setlist di questa sera è zeppa di brani nuovi, a conti fatti cambia davvero poco: veniamo spazzati via senza troppi complimenti.

Continue reading “Nothing @ Ohibò, Milano – 26 novembre 2018”

Gazzelle – Punk (Maciste Dischi/Artist First, 2018)

Articolo di Luca Franceschini.

Si potrebbe fare un pezzo solo sulla decisione di Flavio Pardini, in arte Gazzelle, di intitolare “Punk” il suo nuovo disco, il secondo della sua carriera. Già me li vedo gli antipaticissimi professorini della nostra critica musicale o gli esperti da tastiera, sentenziare che “Come si permette questo ragazzino di usare una parola sacra per definire un disco pieno di canzoni di merda.”. In realtà un po’ è vero. Se usi come titolo un vocabolo così semanticamente potente, così storicamente e sociologicamente connotato, una qualche reazione te la devi aspettare. Poi è vero che se uno va a vedere il testo della canzone che dà il titolo all’album, si accorge che la parola incriminata fa semplicemente parte della storia raccontata, quella degli alti e bassi di un rapporto con una ragazza un po’ particolare.

Continue reading “Gazzelle – Punk (Maciste Dischi/Artist First, 2018)”

Idles @ Magnolia, Segrate (Mi) – 22 novembre 2018

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Stefania D’Egidio

Ci sono molte ragioni dietro il successo degli IDLES ma la principale è senza dubbio che sono una band autentica. Laddove “autentica” vuol dire essere in grado di esprimere se stessi e le cose che interessano senza filtri, senza immagini distorte. Li hanno definiti una band politica ma anche qui, che cos’è la politica? Se ci si allontana dai soliti stereotipi da appartenenza di classe e dalle battaglie ideologiche, alla fin fine, come dicono loro, tutta la realtà è “politica”. Perché nella misura in cui si è dentro la realtà, nella misura in cui si vive e si cerca di costruirci qualcosa, con la propria vita, questa è già politica e di conseguenza anche ciò che succede nel mondo non può non interessare.

Continue reading “Idles @ Magnolia, Segrate (Mi) – 22 novembre 2018”

John Grant @ Magazzini Generali, Milano – 17 novembre 2018

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Alessandro Pedale

Chissà cosa sarebbe successo se tutto fosse andato secondo i piani. La verità è che la vita è piena di imprevisti e quello di stasera, al posto di provocare un mezzo disastro, ha trasformato una normale tappa di tour in un qualcosa che con tutta probabilità ricorderemo per sempre.
John Grant e la sua band di musicisti islandesi, paese nel quale vive da diversi anni, salgono sul palco annunciando che il tir che portava parte della loro attrezzatura non era arrivato in tempo e che dunque non avrebbero potuto eseguire il loro set abituale.


Continue reading “John Grant @ Magazzini Generali, Milano – 17 novembre 2018”

WordPress.com.

Su ↑