R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

Di solito quando si parte per un viaggio lo si fa alla mattina presto, così si avrà dinnanzi la luminosità del giorno. Ma non sempre i viaggi servono per arrivare da qualche parte ed è quindi ovvio che invece qualcuno preferisca correre per arrivare nell’oscurità dell’anima, ma anche dell’inconscio. L’idea non è certo nuova, anche Louis-Ferdinand Céline ha raccontato di un viaggio al termine della notte, anche Joseph Conrad era affascinato dal cuore notturno e “di tenebra”, così come i nostrani Fruttero e Lucentini si chiedevano a che punto fosse la notte. Insomma il mondo della letteratura, ma naturalmente anche quello della musica, dai “notturni” di Chopin a Verklarte Nacht di Schömberg, è stato ammaliato dal “potere conoscitivo” della notte. E allora andiamo (o meglio, lasciamoci condurre), perché l’oscurità della notte arriverà portando con sé, misteri e disvelamenti. Tutto questo “ambaradan” retorico, per introdurre il bel disco in uscita il primo di aprile, di Christoph Gallio (sax soprano, contralto e autore dei brani), Silvan Jeger (contrabbasso, voce, Shrutibox), Gerry Hemingway (batteria e percussioni), ovvero i Day & Taxi, edito dall’etichetta svizzera Percaso.

Continua a leggere “Day & Taxi – Run, The Darkness Will Come! (Percaso Production, 2022)”