Thomas Maspes

U2 – Songs of Experience (Island, 2017)

Postato il Aggiornato il

Articolo di Thomas Maspes

Molto difficile oggi come oggi riuscire ad inquadrare un disco nuovo del gruppo irlandese U2. Per rimanere in pista 40 anni la band ha cambiato pelle ben più di una volta.
Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Sohn @ Magnolia, Segrate (Mi) – 15.02.2017

Postato il Aggiornato il

dsc_0249_photography-hdr-firma-fileminimizer

Articolo di Simone Nicastro, immagini sonore di Thomas Maspes

Potremmo iniziare il nostro racconto da prima dell’inizio del concerto con uno squisito piatto kebab trangugiato in tutta fretta per arrivare in orario all’evento, incredibilmente cominciato puntuale alle 20.50; oppure potremmo dirvi fin da ora dello stupore genuino nell’aver accertato solo alla fine delle esibizioni il numero veramente consistente di pubblico accorso al Circolo Magnolia in un mercoledì sera di febbraio.
Leggi il seguito di questo post »

Mauro Ermanno Giovanardi @ Circolo Everest – Vimodrone (Mi) – 13 Dicembre 2014

Postato il Aggiornato il

01

Testo e immagini sonore di Thomas Maspes

Come ogni volta che si va ad un concerto di Mauro Ermanno Giovanardi, che sia con l’Orchestra sinfonico Honolulu o con i suoi vecchi e gloriosi La Crus, le emozioni sono le protagoniste assolute. Il suo modo di stare sul palco, quel continuo ricercare un contatto con il pubblico, il suo battere forte il piede sul palcoscenico come usano fare certi attori di teatro, la sua voce bassa e crepuscolare, ricca di sfumature e calda come un buon whisky invecchiato in botti di rovere pregiatissimo, regalano sensazioni uniche, qualcosa che va molto oltre il semplice piacere o la mite soddisfazione.
Leggi il seguito di questo post »

Afterhours @ Carroponte – Sesto San Giovanni (Mi) – 6 settembre 2014

Postato il Aggiornato il

01

Testo e immagini sonore di Thomas Maspes

Andare a un concerto degli Afterhours è come salire su di un ottovolante emozionale. Vieni a contatto con molte parti del tuo essere che per varie ragioni tu stesso fatichi a riconoscere o a credere possano fare parte del tuo mondo interiore. C’è un così violento e liberatorio scambio di energia fra la band sul palco e il pubblico stipato di fronte che tutto sembra cancellarsi: il tempo che passa, le cicatrici sulla pelle, la vita molto spesso compressa che si conduce in una città frenetica come Milano.
Leggi il seguito di questo post »

Agnes Obel @ Parco Ciani – Lugano CH – 27 Luglio 2014

Postato il Aggiornato il

01Testo e immagini sonore di Thomas Maspes

Si può essere all’altezza di giudicare una partita di calcio avendo visto solo il primo tempo? È questa la domanda che mi sono posto dopo aver assistito al concerto che Agnes Obel ha tenuto in terra svizzera, nella splendida cornice del parco Ciani di Lugano. Domanda più che legittima, vista la durata esigua della sua performance, non più di cinquanta minuti, che per un’artista che ha due dischi all’attivo è davvero un tempo risibile (per non dire quasi offensivo nei confronti del pubblico pagante).
Leggi il seguito di questo post »

Shearwater @ Magnolia – Milano – 8 Maggio 2014

Postato il Aggiornato il

02

Testo e immagini sonore di Thomas Maspes

Davvero un peccato dover constatare l‘esiguo numero di persone presenti al Magnolia di Milano per l’arrivo di una band interessante come gli Shearwater, attivi ormai da più di dieci anni e con riconoscimenti a livello internazionale di tutto rispetto (Il loro disco del 2008 “Rook” fu segnalato come miglior pubblicazione dell’anno dalle più prestigiose riviste di settore). In circa tredici anni gli Sheawater, nati ad Austin da una costola degli Okkervil River, hanno pubblicato nove dischi, l’ultimo dei quali è una raccolta di cover di varie band che hanno intrecciato, per un certo periodo, la propria attività con quella del gruppo texano (Xiu Xiu, Coldplay, St. Vincent, Clinic…)

Leggi il seguito di questo post »

The Veils @ Magnolia – Milano – 14 Aprile 2014

Postato il Aggiornato il

DSC_0282 firma

Testo e immagini sonore di Thomas Maspes

The Veils, band neozelandese attiva dal 2003, arrivano a suonare a Milano in sordina, senza alcun particolare hype intorno al loro progetto. Ma a ben guardare è quasi sempre stato così, a parte un inizio scoppiettante con il primo disco e in particolare con il singolo Lavinia, andato in heavy rotation anche su Mtv per parecchie settimane. Poi non si sa bene il perché, sono rimasti sempre ai margini sia del mondo mainstream, sia di quello indie-alternativo. Forse perché le loro melodie leggermente malinconiche risultano troppo deprimenti per un pubblico abituato ai suoni delle radio FM, e allo stesso tempo alle persone che fanno della musica una colonna portante della propria esistenza sono sempre risultati un po’ ruffiani e poco credibili. O forse è stata una loro scelta quella di percorrere strade diverse, senza apparire troppo alla moda e concentrandosi al massimo sulla scrittura delle canzoni e sull’attività live, strade sicuramente più tortuose rispetto ad una massiccia campagna di marketing o di video ben confezionati.

Leggi il seguito di questo post »