R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

Molti anni fa, Roberto Bonati si imbattè in un pezzo di John Coltrane reinterpretato da due contrabbassisti, Jimmy Garrison e Reggie Workman. Il pezzo era “India”. Quell’incontro fortuito fu vissuto da Roberto Bonati come un cambio totale di prospettive musicali e, forse, non solo musicali, nasce così Vesper and Silence. È da allora che Bonati promise eterno amore al suo strumento, il contrabbasso appunto. Oggi, nel silenzio più totale, dovuto alle note vicende, l’ho ascoltato. Il verbo “ascoltare” assomiglia molto al verbo del gergo medico “auscultare”.

Continua a leggere “Roberto Bonati – Vesper and silence (ParmaFrontiere, 2019)”