Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Categoria

MUSICA

Settembre | Prato è spettacolo

N E W S


Articolo curato da Ylenia Pepe

Dal 28 agosto al 6 settembre ritornerà in scena, per la quinta edizione, l’attesissimo evento musicale “Settembre | Prato è spettacolo”, promosso dalla Funderia Cultart e dal Comune di Prato grazie ai fondi della regione Toscana.
Quest’anno il programma sarà ancora più vasto: oltre agli eventi organizzati sul palco, ci saranno vari appuntamenti in giro per la città.
Per la gioia dei più piccoli e delle famiglie, sarà presente di nuovo in Piazza Santa Maria in Castello la “Piazza dei Piccoli”: ricreazioni in giardino con laboratori, spettacoli e giochi.

Continua a leggere “Settembre | Prato è spettacolo”

The Racounters – Help Us Stranger (Third Man Records, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Manuel Gala

“Chi lascia la strada vecchia per quella nuova… sa quel che lascia ma non sa quel che trova”. Questo succede atutti i comuni mortali, ma se ti chiami Jack White, può accadere di tutto, anche di ritrovarsi su quel percorso interrotto bruscamente 11 anni fa con i suoi Raconteurs. Il duo terribile di Detroit (White e Benson) si è concessa una lunga pausa, ma la linea diretta, il cordone ombelicale che li ha sempre legati non è stato mai tagliato.
Hanno ritrovato gli amici di vecchia data (Jack Lawrence e Patrick Keleer) con quali avevano fatto fortune nel 2006 all’esordio di Broken Boy Soldier, e hanno ricominciato a scrivere senza sosta come ai bei tempi. In tutto questo, White ha fatto il bello e il cattivo tempo come suo solito; il menestrello del rock ha svestito e rivestito i panni della Rockstar a suo piacimento senza legami e vincoli, calando il sipario sui White Stripes e aggiungendo al suo curriculum il progetto Dead Weather (di cui fa parte anche Jack Lawrence), oltre alla sua maniacale voglia di sbalordire e stupire il circo del rock con i suoi 3 gioielli da solista.

Continua a leggere “The Racounters – Help Us Stranger (Third Man Records, 2019)”

Redh – Torneremo (Artist Firts/Kobayashi, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Cristiano Carenzi

Il primo ep di Redh è composto da sei brani ma di fatto soltanto uno a noi non ancora noto. Tra l’anno scorso e la prima metà di questo ha infatti pubblicato cinque singoli che con un inedito creano l’ep in questione. Il brano nuovo conclude il progetto e si intitola Non mi va più e rispetto alle altre tracce è più ritmato e, oltre alle immancabili tastiere, anche la chitarra trova il suo posto centrale nella produzione (l’unico altro brano in cui le chitarre fanno da melodia è Ci Credi). Per il resto le canzoni che lo compongono sono tutte abbastanza omogenee e in linea con la nuova scena ItPop che sta uscendo nell’ultimo periodo: canzoni piene di Synth e con la scelta della drum machine al posto di una batteria vera e propria, accompagnate da un cantato lieve ma leggermente sofferto e la tematica d’amore (finito e possibilmente male) al centro della scrittura.

Continua a leggere “Redh – Torneremo (Artist Firts/Kobayashi, 2019)”

Jova Beach Party @ Area Natura Village Roccella Jonica (Rc), 10 agosto 2019

L I V E – R E P O R T


Articolo di Iolanda Raffaele

Il 10 agosto a Roccella Jonica? Una festa pazzesca.
Anche Roccella Jonica, in provincia di Reggio Calabria, entra ufficialmente nella storia del tour 2019 del Jova Beach Party.
Dopo la tappa di Praia a Mare a Cosenza, la Calabria vive per la seconda volta le emozioni che solo un grande artista come Lorenzo Cherubini, per tutti Jovanotti, sa trasmettere.
La notte delle stelle tra le stelle è il regalo che il cantante romano ha voluto fare a questa bellissima terra, tra sole, mare e musica.
Al centro della scena c’è ancora una volta proprio lui insieme alla sua band o meglio ai compagni di viaggio di sempre, il bassista Saturnino Celani e il chitarrista Riccardo Onori.
È ancora lui con la sua solita allegria contagiosa, la spensieratezza da ragazzino, i vestiti bizzarri e colorati e le scarpe da tennis, ma anche con il suo carattere impegnato e combattivo e la voglia instancabile di condurre il mondo alla rivoluzione, all’azione, al cambiamento, partendo dal basso, dalla gente e dalle piccole cose.

Continua a leggere “Jova Beach Party @ Area Natura Village Roccella Jonica (Rc), 10 agosto 2019”

Thom Yorke e la sua prima volta sul palco di Umbria Jazz – 20 Luglio 2019

L I V E – R E P O R T


Articolo di Ylenia Pepe

Sabato 20 luglio si è svolto un concerto memorabile presso l’arena Santa Giuliana di Perugia; quello di Thom Yorke: un viaggio tra l’elettronica e le sperimentazioni musicali che hanno regalato momenti magici ai fan del leader dei Radiohead.
Innanzitutto, a riscaldare gli animi dei 6000 spettatori ci ha pensato il preconcert di 40 minuti del batterista e compositore elettronico Andrea Belfi; subito dopo sono state proiettate le luci per il concerto di Thom Yorke; simboli tridimensionali sul palco ed una musica di attesa che sembrava non volesse finire più.

Continua a leggere “Thom Yorke e la sua prima volta sul palco di Umbria Jazz – 20 Luglio 2019”

Alessandro Pagani – 500 chicche di riso (96, Rue De La Fontaine, 2019)

L E T T U R E


Articolo di Giuseppe Spanò Greco

Il quarto libro (il secondo che ho l’onore di leggere e di recensire) di Alessandro Pagani, viene pubblicato nella collana della casa editrice 96, Rue De La Fontaine “Juste pour rire” che suona come un sottotitolo alla sua opera. Non c’è niente di meglio che avere un pizzico di ironia per sorridere anche nelle giornate grigie che il presente ci offre e liberarsi, almeno per un poco, dai quotidiani affanni. Ce lo ricorda anche l’editore che riprende una frase di V. Hugo: “È dall’ironia che comincia la libertà”.

Continua a leggere “Alessandro Pagani – 500 chicche di riso (96, Rue De La Fontaine, 2019)”

Loom & Vanish – Italian Blues Trip: Fabio Marzaroli

I N T E R V I S T A


Articolo e immagini sonore di Antonio Spanò Greco

La nuova puntata della mia rubrica Loom and Vanish che si occupa di blues italiano è dedicata a Fabio Marzaroli, chitarrista piemontese, fondatore della Fabio Marza Band, che dal 2007 calca i palchi dei più svariati locali del nord Italia e vanta apparizioni nei più importanti e significativi festival blues della nostra penisola dividendo la scena con alcuni esponenti di rilievo quali Paolo Bonfanti, Alex Gariazzo e Stef Burns, solo per citarne alcuni. La band ha da poco pubblicato il quinto disco, Strange Door (leggi qui la recensione), e lo ha presentato dal nello storico locale canturino All’UnaeTrentacinqueCirca e allo Spirit de Milan, una ghiotta occasione per scambiare quattro chiacchiere con il leader e testare la resa dal vivo dei nuovi brani.

Continua a leggere “Loom & Vanish – Italian Blues Trip: Fabio Marzaroli”

Apparat @ Roam festival – Lugano (CH), 26 luglio 2019

L I V E – R E P O R T


Articolo di Marco Chrappan, immagini sonore di Salvatore Vitale

Giunta alla sua terza edizione, la rassegna di musica alternativa ROAM organizzata nell’ambito del LongLake Festival, propone nella data centrale di venerdì 26 il live show di Apparat, pseudonimo di Sascha Ring, tornato sulle scene con l’album LP5 dopo la sbornia elettronica del progetto Moderat.
Spettacolo che rischia di saltare quando la compagnia aerea decide di perdere diversi flycase di strumentazione lasciando la band con poche speranze. L’organizzazione del Festival risponde prontamente mandando richieste di aiuto con tutti i mezzi di comunicazione disponibili e in breve tempo viene trovato tutto il necessario per rimpiazzare le perdite. Si torna in pista.
L’attuale line up della live band di Apparat conta oltre a Sascha altri 4 eccezionali collaboratori: Philipp Thimm (basso, chitarra, violoncello, tastiere e cori), Christoph Hamann (basso, tastiere, viola, cori), Christian Kohlhaas (trombone, tastiere), Jörg Wähner (percussioni e batteria).

Continua a leggere “Apparat @ Roam festival – Lugano (CH), 26 luglio 2019”

Gianni Maroccolo: Alone è anche inteso in italiano, l’aura che c’è intorno ad ogni persona [l’intervista]

I N T E R V I S T A


Articolo di E. Joshin Galani

È uscito per la Contempo Records Alone Vol. 2 – Abisso di Gianni Maroccolo, secondo capitolo del “disco perpetuo”, che vede le collaborazioni di Marco Cazzato, Michele Bernardi, Mirco Salvadori e diversi ospiti: Angela Baraldi, Howie B., Marina Rei, Alessandra Celletti, Adriano Viterbini, Beppe Brotto, Andrea Cavalieri, Francesca Bono, Life in The Woods. L’argomento è il naufragio della F174 nel Natale del 1996. Una nave di legno sovraccarica all’inverosimile di persone provenienti da India, Pakistan e Sri Lanka affonda causando la morte di 283 persone. In viaggio verso la morte questi passeggeri, attraversano le fasi della speranza della partenza, ma anche la paura, il sovraffollamento, gli odori di umanità e di mare e poi l’acqua che entra, la speranza dell’aiuto che si risolverà invece in tragedia. L’abisso, forse non è solo quello in cui sono caduti i migranti, ma la non sensibilità di chi li mette in quelle condizioni, l’abisso della non conoscenza…. È potente questa idea di Gianni Maroccolo, una scelta carica di umanità, ed in un momento in cui Gianni raramente rilascia interviste, ho il privilegio di parlare intensamente con lui di questo suo nuovo capitolo musicale. Buona lettura

Continua a leggere “Gianni Maroccolo: Alone è anche inteso in italiano, l’aura che c’è intorno ad ogni persona [l’intervista]”

WordPress.com.

Su ↑