Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Categoria

Recensioni

Gli Scordati di Joe – Vol. 46

R E C E N S I O N I


Articolo di Giovanni Carfì

Note di merito per album passati distrattamente in secondo piano, ma meritevoli di un loro piccolo spazio. Nell’impossibilità di raccontare tutto ciò che viene prodotto, una selezione di dischi con confronti senza vincitori, né punteggi; ma con la presunzione di restituire una sensazione il più immediata possibile, attraverso un’analisi che va oltre le solite stellette.

Continua a leggere “Gli Scordati di Joe – Vol. 46”

Jaimie Branch – Fly or Die II: Bird Dogs of Paradise (International Anthem, 2019)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

Non credo che la metafora del volo e la simbologia degli uccelli sia legata “solo” all’evocazione della libertà. L’uccello è un essere poco addomesticabile, è un essere a suo modo misterioso, chiuso nella sua impenetrabile individualità. Come sono gli uccelli dell’ultimo lavoro di Jamie Branch che si intitola Fly or Die II: Bird Dogs of Paradise? Strani; e forse che i cani “da uccello” siano proprio i musicisti? del resto, se non fossero stati strani, non avrebbero nemmeno popolato il disco della trombonista di Brooklyn, che ho avuto la fortuna di ascoltare a NovaraJazz giusto un anno fa.

Continua a leggere “Jaimie Branch – Fly or Die II: Bird Dogs of Paradise (International Anthem, 2019)”

Alex Cremonesi – La prosecuzione della poesia con altri mezzi (Riff records, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Luca Franceschini

Alessandro o “Alex” Cremonesi non è mai stato un artista facilmente inquadrabile. Ha legato il suo nome principalmente all’operato dei La Crus, di cui ha scritto, insieme a Mauro Giovanardi, praticamente tutti i testi, influenzandone la poetica ma senza mai apparire in prima persona sul palco, essenziale e allo stesso tempo defilato.
Negli anni successivi allo scioglimento del gruppo si è impegnato in numerosi progetti, spesso e volentieri sperimentali e poco canonici, il più delle volte in compagnia di Lagash, lo pseudonimo con cui Luca Saporiti dei Marlene Kuntz firma i suoi molteplici lavori e collaborazioni al di fuori del gruppo.
La prosecuzione della poesia con altri mezzi è però una questione diversa, soprattutto perché è la prima volta, almeno da quel che mi è dato di ricordare, che il paroliere inscrive il proprio nome in copertina, per un progetto che seppur frutto di un’unica, enorme joint venture, è comunque roba sua.

Continua a leggere “Alex Cremonesi – La prosecuzione della poesia con altri mezzi (Riff records, 2019)”

Alex Prager – Silver Lake Drive @ Fondazione Sozzani, Milano

A R T E – M O S T R E


Articolo di Mario Grella

Cosa hanno in comune Alex Prager e Duane Hanson? Apparentemente niente: una è nata in California, l’altro nel Minnesota, una è fotografa e regista, l’altro era uno scultore. Eppure passeggiando nel fascinoso “premier étage” di Corso Como, quello della Fondazione Sozzani, il legame tra i due appare più che evidente. Solo che mentre le figure di Hanson sono sculture iperrealiste, quelle di Prager sono fotografie; “artificiale” VS “reale” verrebbe da dire. Ma in entrambi è sempre l’iconico e raggelante concetto di “realtà” a dominare la scena.

Continua a leggere “Alex Prager – Silver Lake Drive @ Fondazione Sozzani, Milano”

Michael Kiwanuka – Kiwanuka (Polydor Records, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Stefania D’Egidio

Si dice che nessuno torni mai da un viaggio come è partito, niente di più vero: il viaggio ci plasma e ci cambia, arricchendoci di esperienze nuove mano a mano che ripercorriamo strade già battute da altri.
Se avete voglia di fare un viaggio di questo tipo prendete in mano l’ultimo lavoro di KIWANUKA, dal titolo omonimo, scritto in maiuscolo, quasi a voler sbattere in faccia il suo nome a quanti lo invitavano a cambiarlo perché poco commerciale, pubblicato lo scorso 1 novembre per l’etichetta Polydor/Universal; mettetevi comodi e non prendete altri impegni per i prossimi 51 minuti: non sono ammesse distrazioni, la tracklist terrà occupati tutti i vostri sensi.

Continua a leggere “Michael Kiwanuka – Kiwanuka (Polydor Records, 2019)”

Ritorno a Reims di Thomas Ostermeier @ Piccolo Teatro Studio Melato, Milano – fino al 16 novembre 2019

T E A T R O


Articolo di Mario Grella

Al Teatro Studio di Milano ho praticamente visto due spettacoli. Il primo un “reading”, quello del magnifico libro del filosofo e sociologo francese Didier Eribon, “Ritorno a Reims”, il secondo, “Ritorno a Reims” del grande regista tedesco Thomas Ostermeier. Un capolavoro di “introspezione politica”, se così si può dire, il primo, uno spettacolo un po’ pretestuoso il secondo. Certo l’operazione non era delle più semplici, anzi di una complicazione unica, e l’idea, per risolvere il dilemma di come trasporre per il teatro un diario interiore di meditazione politica, era davvero difficile. Ostermeier lo mette in scena ideando tre piani narrativi: il primo dove un‘attrice, un regista e un tecnico del suono lavorano al commento sonoro di un film tratto dal libro di Eribon.

Continua a leggere “Ritorno a Reims di Thomas Ostermeier @ Piccolo Teatro Studio Melato, Milano – fino al 16 novembre 2019”

Badflower – Ok, I’m Sick (Big Machine, John Varvatos, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Manuel Gala

Sembra di stare in un vortice di emozioni controverse, di roteare senza freni mentre un uragano ti porta via. Potremmo ritrovarci poi tutti in uno squallido bar, seduti al bancone, tenendo ferma la bottiglia di whisky lasciata dal proprietario in gentile concessione, mentre continuiamo a riempire il piccolo bicchiere della vita, nella speranza di ritrovarla.

Continua a leggere “Badflower – Ok, I’m Sick (Big Machine, John Varvatos, 2019)”

Enrico Intra – Soundplanets (Taste Rec., 2019)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

Ho sempre nutrito qualche pregiudizio di troppo su Enrico Intra. Nel suo modo di concepire il jazz, ci vedevo, anzi ci sentivo, un sentore di musica preconfezionata, con qualche strizzata d’occhio di troppo verso il mercato discografico. Lo so, si tratta di un pregiudizio e so anche che Enrico Intra è stato ed è un grande musicista, con grandi successi internazionali alle spalle e con una esperienza musicale che oggi si definirebbe “a 360 gradi”, esperienza che travalica i confini del jazz, per sconfinare in molti generi musicali diversi.

Continua a leggere “Enrico Intra – Soundplanets (Taste Rec., 2019)”

The S.L.P. – The S.L.P. (Columbia records, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Manuel Gala

Frugando fra i vari ricordi, mi viene alla mente una strofa del grande De Gregori che recitava proprio così “e andiamo a Genova coi suoi spiriti musicali/a Genova coi suoi svincoli musicali”.
Parte proprio dalla città ligure la storia di Sergio Lorenzo Pizzorno, in arte Serge, col nonno paterno che da Genova parte per raggiungere Leicester e stabilirsi in Inghilterra. La passione per il calcio e per il Genoa inculcata dallo zio, ha portato il musicista ad avere sempre un occhio di riguardo per il bel paese.

Continua a leggere “The S.L.P. – The S.L.P. (Columbia records, 2019)”

WordPress.com.

Su ↑