Prima della decima edizione del Malcesine Blues Festival 2018

Postato il Aggiornato il

Articolo di Giuseppe Spanò

Prima di arrivare a Malcesine, accogliente e incantevole paesino sulle rive del Garda, provo a immaginare i concerti che verranno. Guardo il programma, ripasso nella memoria le poetiche impressioni ed emozioni vissute lo scorso anno e provo ad assaporare l’anticipo di ciò che sarà. Tutti scrivono del dopo, il difficile è scriverne il prima…

Leggi il seguito di questo post »

Gli Scordati di Joe – Vol. 30

Postato il

Note di merito per album passati distrattamente in secondo piano, ma meritevoli di un loro piccolo spazio. Nell’impossibilità di raccontare tutto ciò che viene prodotto, una selezione di dischi con confronti senza vincitori, né punteggi; ma con la presunzione di restituire una sensazione il più immediata possibile, attraverso un’analisi che va oltre le solite stellette.

Articolo di Giovanni Carfì

Francess1 Leggi il seguito di questo post »

La donna che dispensa abbracci

Postato il

dettaglio dell’opera Gli addii di Francoforte – Renato Guttuso 1968, olio su tela

Racconto breve di Enrica Bardetti

L’appartamento è un quadrilocale in una palazzina con rifiniture anni settanta. Si trova in zona Porta Nuova, a Torino, poco distante dalla stazione. L’arredamento, in stile nordico, semplice e privo di elementi superflui, rispecchia il carattere di Cecilia che è in piedi in soggiorno, con il viso rivolto alla porta d’ingresso e la schiena che sfiora le tende bianche, con stampe di piccoli cuori écru, appese ai vetri della porta finestra. Ha in mano una sveglia digitale che ha preso dal mobile in frassino appoggiato alla parete, sulla sua destra. Tra poco la poserà sul tavolino quadrato di fronte al divano di tessuto azzurro con grandi cuscini a fiori blu dove si siederà.

Leggi il seguito di questo post »

Giovanni Lindo Ferretti – Bella gente d’Appennino, di madri e di famiglie (NoMusic, 2018)

Postato il Aggiornato il

Recensione di Cinzia D’Agostino

E’ sempre difficile parlare di Giovanni Lindo Ferretti, soprattutto quando esce con un live intimo e commovente, un alternarsi di monologhi e musica legati così naturalmente da riuscire a generare qualcosa che va oltre la narrazione.
Ognuno di noi ha avuto un parente, un nonno o un genitore che ci ha raccontato e tramandato storie di vita vera, vissuta in un’altra epoca anche se non troppo lontana dalla nostra ma comunque magica nelle sue diversità, dono culturale prezioso che non troveremo in nessun libro di storia.

Leggi il seguito di questo post »

Suoni Mobili – La cultura dei popoli attraverso la musica

Postato il Aggiornato il

Articolo di James Cook ed ElleBi

Suoni Mobili è una rassegna Ideata nel 2010 da Saul Beretta su commissione del Consorzio Brianteo Villa Greppi, diventata un punto di riferimento per la musica di qualità in tutta la regione Lombardia.
La nona edizione, di cui vi abbiamo parlato anche in questo articolo, si è conclusa il 4 agosto.

Leggi il seguito di questo post »

The Poorboys, Eric Gales, Thomas Guiducci, Paul Lamb & Chad Strentz @ AmenoBlues Festival – 6, 7, 8 luglio 2018

Postato il

The Poorboys

Live report e immagini sonore di Antonio Spanò Greco

Incastonato tra le colline che si affacciano sulle splendide rive del Lago D’Orta, Ameno, incantevole paesino di quasi mille anime, non è solo meta di villeggianti in cerca di natura e relax ma anche, da 14 anni a questa parte, sede dell’omonimo festival che riunisce in questo angolo di paradiso molti appassionati della musica del diavolo. Ameno Blues si contraddistingue dalle altre rassegne perché si sviluppa in svariati weekend durante il periodo estivo: quest’anno sono state prescelte le date dal 6 al 8 luglio e dal 7 al 9 settembre.

Leggi il seguito di questo post »

The Highlands – Vi spieghiamo che cos’è il Radiant Pop [intervista]

Postato il

Intervista di Luca Franceschini

The Highlands è un monicker che richiama vagamente il Folk (in qualche misura approcciato agli esordi), un primo lavoro debitore al Rock Blues, una serie di Ep (al momento sono tre) che portano in calce l’eloquente dicitura The Bootleg Series ma che, escludendo ogni richiamo musicale a Bob Dylan, si presentano come una cascata di suoni vellutati e avvolgenti, tra robuste iniezioni di Synth, ritmiche Funk e un certo qual feeling retro che facilmente ricorda il David Bowie dei tardi anni ’70. Tutto questo è ciò che loro chiamano “Radiant Pop”. Per capirne di più, galvanizzati dall’ottimo livello della loro ultima pubblicazione, abbiamo raggiunto il leader e fondatore Gabriel Baiman, che ci ha illuminato sulla natura della sua creazione musicale e ci ha aperto le porte della sua visione artistica…

Leggi il seguito di questo post »