Video

John Surman – Invisible threads (ECM, 2018)

Postato il Aggiornato il

Articolo di ElleBi

John Surman si è avvicinato al jazz nel 1962, quando era uno studente nella nativa Devon.
Nella sua carriera, che dura da oltre 50 anni, ha registrato oltre 40 album come leader e più di 100 come ospite.
Una vita lunga e intensa, 70 anni compiuti nel 2014, ricca di viaggi che lo hanno portato in giro per il mondo, gli ha permesso di sviluppare note che fossero contemporaneamente jazz, ma anche tipicamente inglesi, connotate allo stesso tempo dalla capacità di nutrirsi degli stimoli derivanti dalla contaminazione con culture musicali autoctone.

Leggi il seguito di questo post »

Gli Scordati di Joe – Vol. 21

Postato il

Note di merito per album passati distrattamente in secondo piano, ma meritevoli di un loro piccolo spazio. Nell’impossibilità di raccontare tutto ciò che viene prodotto, una selezione di dischi con confronti senza vincitori, né punteggi; ma con la presunzione di restituire una sensazione il più immediata possibile, attraverso un’analisi che va oltre le solite stellette.

Articolo di Giovanni Carfì

Leggi il seguito di questo post »

“All you need is love – L’economia spiegata con i Beatles” di e con Federico Rampini

Postato il Aggiornato il

Articolo di ElleBi, immagini di Leonardo Arrisi

“Non si studia l’economia a scuola e non ci sono luoghi di divulgazione. Questo è molto pericoloso perché l’economia ci riguarda tutti e se noi non la capiamo qualcun altro la capisce per noi, compiendo scelte alle nostre spalle.”
E’ partendo da queste consapevolezze che il giornalista Federico Rampini dal 2014 gira l’Italia  con “All you need is love. L’economia spiegata con i Beatles.”

Leggi il seguito di questo post »

Gli Scordati di Joe – Vol. 20

Postato il Aggiornato il

Note di merito per album passati distrattamente in secondo piano, ma meritevoli di un loro piccolo spazio. Nell’impossibilità di raccontare tutto ciò che viene prodotto, una selezione di dischi con confronti senza vincitori, né punteggi; ma con la presunzione di restituire una sensazione il più immediata possibile, attraverso un’analisi che va oltre le solite stellette.

Articolo di Giovanni Carfì

Leggi il seguito di questo post »

C+C=Maxigross all’Ohibò di Milano, 19 gennaio 2018 [Vinci 2 biglietti per il concerto]

Postato il Aggiornato il

Per vincere i due biglietti è sufficiente scrivere un messaggio privato alla pagina facebook di Off Topic indicando nome, cognome e numero di telefono (non dimenticate di mettere “mi piace” alla pagina!).
I vincitori saranno avvisati entro le ore 23:30 del 18 gennaio.

C+C=Maxigross in concerto all’Ohibò, venerdì 19 gennaio 2018 Leggi il seguito di questo post »

Cristalli Liquidi – Cristalli Liquidi (Bordello A Parigi, 2017)

Postato il Aggiornato il

Articolo di Simone Nicastro

Il 2018 musicale italiano è iniziato per il sottoscritto molto bene grazie ad un’opera folgorante, anche se a dirla tutta l’album in questione è stato pubblicato a dicembre dell’anno scorso, dopo una gestazione lunga e decisamente singolare: Cristalli Liquidi è il side project di Guglielmo Bottin, produttore e dj veneziano, che ha deciso circa cinque anni addietro di diversificare la sua attività artistica con un progetto ispirato alla italo disco degli anni 80. Tra cover “creative”, 45 giri inventati e retrodatati, nuove composizioni ed una estetica inconfondibile, il progetto Cristalli Liquidi sta uscendo ora dal cono d’ombra carbonaio di una elettronica retrò rivolta ai club più caratteristici per addentrarsi in strade più ampie intercettando così, si spera, un pubblico numericamente superiore e trasversale.
Leggi il seguito di questo post »

C+C=Maxigross – Nuova speranza (Trovarobato, 2017)

Postato il

Articolo di ElleBi

Membri: “da 3 a 22 quando va tutto bene”…
Così si presenta sulla pagina facebook la multiforme formazione, in costante divenire, dei C+C=Maxigross. Questo collettivo musicale, con base a Verona, dal 2011 ha pubblicato svariati album ispirandosi al pop barocco, alla psichedelia inglese, sfociando anche in tendenze progressive. E’ un gruppo il cui numero dei componenti cambia a seconda del tour e del singolo progetto; si esibisce fra Italia, Europa, Stati Uniti, coinvolgendo artisti da tutto il mondo.

Leggi il seguito di questo post »