TEATRO

Far finta di essere G – Al Teatro Leonardo di Milano, un viaggio moderno nella poetica di Giorgio Gaber

Postato il Aggiornato il


Articolo di Eleonora Montesanti

Sabato 11 novembre, al Teatro Leonardo di Milano, ho avuto l’immenso piacere di assistere a Far finta di essere G, uno spettacolo di Lorenzo Scuda e Davide Calabrese degli Oblivion (gruppo musical-teatrale) che da anni viene messo in scena nei maggiori teatri italiani. Si tratta un omaggio divertente e raffinato ispirato alla poetica di Giorgio Gaber attraverso musica e recitazione.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Stefano Dell’Accio – Intervista a un malincomico

Postato il Aggiornato il

Intervista di ElleBi

Dal 19 al 22 ottobre, presso il Teatro Verdi di Fiorenzuola d’Arda (PC) si è svolta la seconda edizione del concorso “Teatro in Corto“, organizzato dal comune, con il sostegno della Regione Emilia Romagna e la collaborazione di Sciara Progetti.
Un esempio virtuoso di festival in cui, tramite bando pubblico, sono stati selezionati otto corti teatrali di compagnie emergenti provenienti da varie parti di Italia.

Leggi il seguito di questo post »

Woodstock – La Compagnia Teatrale Il Mosaico di Vigevano dedica uno spettacolo al festival rock per antonomasia

Postato il Aggiornato il

woodstock1
http://www.woodstock.com/

Redazione

Woodstock

Compagnia Teatrale Il Mosaico

Con: Pietro Temporin e Piersilvio Santi

Regia: Corrado Gambi

Produzione: Teatro Moderno di Vigevano

Tratto dall’omonimo romanzo di Michael Lang “The Road To Woodstock”

Sabato 16 Aprile 2016 ore 21.00

In un momento assai critico per l’America, il Festival di Woodstock nel 1969, diede luce a una nuova comunità che condivideva valori e aspirazioni e credeva nella possibilità del cambiamento; un ideale che avrebbe esportato in ogni parte del mondo. Ci sono voluti quarant’anni per assistere ad alcuni dei mutamenti preannunciati in quei tre giorni d’agosto, oggi testimoniati da gruppi ecologisti, da organizzazioni come MoveOn, e dall’elezione del primo Presidente afroamericano. Con la sua rivisitazione dell’inno americano, Jimi Hendrix diede voce a un futuro in cui Barak Obama avrebbe potuto parlare di cambiamento e di speranza al mondo intero. Leggi il seguito di questo post »

Tomagra – de “Gli amori difficili” e non solo

Postato il Aggiornato il

tomagra 3

Articolo di Sabrina Tolve.

Se conoscete Gli amori difficili di Calvino, conoscete anche Tomagra, il fante del primo racconto che si trova in treno con una signora. In breve tempo si consuma un approccio sensuale che nasce e si chiude nel vagone di un treno, clandestinamente.
Leggi il seguito di questo post »

Tutti i padri vogliono far morire i loro figli – troppo spesso si dice Pasolini

Postato il Aggiornato il

tutti i padri 03

Articolo di Sabrina Tolve.

Sono un abituée del Teatro dell’Orologio. Credo che a Roma sia uno dei pochi teatri con un cartellone sempre originale e di qualità, con gli occhi aperti su mondi che altri teatri tengono ben nascosti. Per me l’Orologio è sinonimo di ottimi spettacoli, quindi mi sono letteralmente scapicollata per vedere questo testo presentato come pasoliniano, basato su Affabulazione, Tutti i padri vogliono far morire i loro figli di Fabio Morgan e Leonardo Ferrari Carissimi.
Leggi il seguito di questo post »

Elogio della leggerezza – workshop teatrale

Postato il Aggiornato il

donna

Interviste di James Cook ed ElleBi

Da un’idea originale di Roberta Torre, maturata insieme alla coreografa e performer Silvia Gribaudi, è nato un progetto rivolto a 20 donne di età compresa fra i 18 e i 60 anni, con una taglia dalla 50 in su. Si tratta di “Elogio della leggerezza”, che si svolgerà a partire dal 8 marzo, presso La Corte Ospitale di Rubiera (Reggio Emilia).
Leggi il seguito di questo post »

Battuage – Vucciria teatro @ Teatro dell’orologio, Roma. 20 febbraio 2015

Postato il Aggiornato il

Battuage_FotoDiScena

Articolo di Rachele Baglieri

Battuage è un’opera di Vuccirìa Teatro, giovane compagnia siculo-romana giunta al suo secondo lavoro, attualmente in scena presso il Teatro dell’Orologio di Roma.
Quasi tutta la platea è piena per uno spettacolo che coinvolge, graffia, invita alla riflessione e provoca una certa nausea per il senso di ineluttabilità di un’umanità deturpata e tutta protesa alla ricerca di una felicità meramente esteriore.

Leggi il seguito di questo post »