R E C E N S I O N E


Articolo di Elena Di Tommaso

Ho ascoltato l’album di Fink durante una passeggiata in solitaria, con un vento leggero a scompigliare i capelli e la curiosità di scoprire una dimensione acustica del suo lavoro già edito intitolato Bloom Innocent. Sarà stato il vento ma di certo non è bastato a regalarmi una sensazione di profonda intensità, a far sì che il mio passo fosse più leggero e che le mie spalle si aprissero per permettermi di respirare tutto il verde e il silenzio intorno.
Tutto comincia grazie all’esigenza musicale di Fin Greenall e dei compagni di band Tim Thornton (chitarra acustica, percussioni, pianoforte, voce di sottofondo) e Guy Whittaker (basso acustico fretless, percussioni, effetti, voce di sottofondo) che, avendo appena masterizzato un disco con le tracce ancora fresche che riverberano nelle loro anime, decidono di registrare nel giro di due giorni presso il JRS Studios di Berlino una alternativa ai paesaggi sonori lussureggianti della prima versione di Bloom Innocent.

Continua a leggere “Fink – Bloom Innocent Acoustic (R’Coup’D, 2020)”