R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Talamazzi

La recensione di questo disco, Sankofa, di Amaro Freitas, pianista e compositore brasiliano, mi ha causato non poco imbarazzo. Mi ero perso l’ascolto dei due precedenti lavori, Sangue Nigro (2016) e Rasif (2018) e mi sono fatto trovare un po’ scoperto quando si è trattato di capire con chi avevo a che fare. Accompagnato da entusiastiche recensioni su tutte le più importanti riviste che si occupano di jazz non nascondo che le mie aspettative erano realmente alte. Freitas viene da Recife, capoluogo del Pernambuco, stato brasiliano situato nella regione nord-est e con sbocco verso l’Oceano Atlantico. Parliamo di un ragazzo cresciuto in periferia che ha dovuto affrontare tutte le difficoltà di chi non ha mai avuto grandi disponibilità economiche volendo però accostarsi seriamente alla musica e a uno strumento tradizionalmente aristocratico e difficile come il pianoforte. In una sua intervista Freitas ha rivelato di aver assorbito numerose influenze, in parte provenienti dal ricco bagaglio culturale di danze e canti popolari tradizionali, in parte facendo riferimento a pianisti jazz moderni, primi fra tutti – come afferma direttamente Freitas – Chick Corea e Thelonious Monk. Ma se il primo sono pronto a sottoscriverlo, il riferimento a Thelonious Monk, per altro controfirmato da gran parte della critica, mi sembra francamente azzardato. Monk aveva una conoscenza profonda dell’armonia musicale che si divertiva ad aggirare e a trasgredire non facendo mai mancare però il filo d’Arianna che riconduceva, quando necessario, alla trama canonica delle leggi strutturali della composizione. Non mi sembra, ad occhio, che la stessa conoscenza appartenga a Freitas. Vi si legge, questo sì, l’intenzione di lavorare in un caleidoscopio di suggestioni e di sempre nuove invenzioni armoniche ma anche un certo spontaneismo, alle volte un po’ ossessivo e chiassoso, che pur non togliendo nulla alla piacevolezza della sua musica, lo rende comunque al momento distante dal grande jazzista della Carolina.

Continua a leggere “Amaro Freitas – Sankofa (Far Out Recordings, 2021)”