R E C E N S I O N E


Recensione di Francesca Marchesini

Every time I look into your eyes
I see the end, I read the word goodbye

(Julia Bardo, Into Your Eyes, 2021)

Ad oggi, è Brescia la città che meglio di tutte rappresenta il nuovo sound di Manchester. Lo scorso 10 settembre la cantautrice Julia Bardo, italiana di origine, ma di stanza nel Regno Unito, ha pubblicato, a distanza di un anno dagli EP Phase e The Raw, il suo primo lavoro full lenght: Bauhaus, L’appartamento. Questo album d’esordio lascia trasparire come, nonostante la passata collaborazione con la band post-punk Working Men’s Club e l’evidente ascendente della storica scena mancuniana sul percorso della musicista, la carriera solista dai toni alternative della Bardo assuma una sfumatura sempre più pop. È giunto il momento di accettare – nonostante la ricchissima e amatissima scena revival del genere – che nel Nord Ovest dell’Inghilterra non si può più sopravvivere solo portando avanti l’eredità dei Joy Division.

Continua a leggere “Julia Bardo – Bauhaus, L’Appartamento (Wichita Recordings, 2021)”