I N T E R V I S T A


Articolo di Luca Franceschini

Francesca e Andrea hanno rispettivamente 20 e 19 anni, vengono dalla Bassa Modenese, più precisamente dalla zona di Finale Emilia e sono amici da una vita. Ortho è il primo frutto di un progetto che è stato pensato e voluto per parecchio tempo, ma che si è concretizzato solo nel 2018, quando Francesca è tornata dal Galles e le canzoni hanno cominciato a prendere forma, fino alla firma con la storica etichetta Totally Imported, che ha avuto e ha sotto di sé alcuni dei più importanti nomi italiani in campo Soul, Urban ed Elettronica (Ghemon, Mecna, Davide Shorty, Godblesscomputers, tra gli altri). Dall’Indie Folk spruzzato di Rnb di Breathless, Yellow Jumper e The One About Tomatoes, fino agli episodi più scuri e drammatici di Mama e Crystal Mind, il duo impressiona per maturità e consapevolezza stilistica, non escogita soluzioni particolarmente innovative ma è cosciente dei propri modelli e sa dove vuole arrivare, mescolando le fonti con disinvoltura, all’insegna della libera creatività. Un sound che dalle nostre parti è ancora piuttosto minoritario, nonostante il successo di un nome come Venerus (ma non dimentichiamo gli Ep di Cecilia e Laila Al Habash, solo per citarne alcuni) abbia di recente fatto capire che può esserci altro oltre al Rap e all’It Pop. Ne abbiamo parlato con Andrea e Francesca, raggiunti al telefono per una piacevole chiacchierata dove abbiamo messo sul piatto un po’ di argomenti interessanti.

Continua a leggere “Lazy Frenky: Un mondo dipinto di giallo – Intervista”