Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Republic Records

John Legend – Legend (Republic Records/ Universal Music, 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Provasi

John Legend è senza ombra di dubbio uno dei simboli dell’industria musicale degli anni duemila, radicato negli anni ’90, ma sempre attento ad ogni novità ed influenza. Otto album all’attivo, miliardi di streaming, valanghe di premi, ruoli da protagonista in musical di successo e riconoscimenti di ogni genere hanno forse influenzato le aspettative su Legend, progetto ambizioso composto da due dischi e ventiquattro tracce (ma ventitré nuovi brani, essendo presenti due versioni di uno stesso pezzo) che non ha conquistato il cuore di pubblico e critica. Si può dire che la grande problematica dell’intero lavoro, sia innanzitutto l’eccessivo numero di brani in generale, non sempre ispirati e sostanzialmente ripetitivi, sia dal punto di vista di atmosfera e sonorità, sia sotto il profilo dell’arrangiamento e della produzione. Il lavoro risulta sicuramente compatto e coeso, ma forse a tal punto da non permettere ad alcun brano di spiccare e differenziarsi dagli altri, generando una sensazione continua di deja vù e noia. Una decina di brani in meno non avrebbe guastato probabilmente, rendendo sicuramente il lavoro di una portata differente, ma forse più convincente.

Continua a leggere “John Legend – Legend (Republic Records/ Universal Music, 2022)”

Eddie Vedder – Earthling (Seattle Surf/Republic Records, 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Andrea Notarangelo

Il terzo album solista di Eddie Vedder, se non si considera Flag Day, colonna sonora dell’omonimo film, in comproprietà con Cat Power e Glen Hansard, porta con sé qualche novità e molte conferme. Earthling è un disco solo di inediti, a differenza dei suoi predecessori e, per la prima volta, non si tratta di un lavoro a tema, ma una semplice ed immediata raccolta di canzoni. Ukulele Songs, uscito nel 2011, era infatti un album interamente suonato con l’ukulele, vera e propria passione del nostro reduce di Seattle che incontrò lo strumento ai tempi di Binaural (album dei Pearl Jam del 2000) e del quale se ne innamorò perdutamente. L’esordio solista del 2007 fu invece un fulmine a ciel sereno; quel Into the Wild, colonna sonora dell’omonimo film oltre che gioiellino discografico. Fatte le dovute premesse, si può affermare che Earthling è un buon album che conferma ma non osa. Occorre dirlo subito, Long Way, il singolo apripista, sarà anche una traccia molto tradizionale, ma che sa colpire nel profondo l’ascoltatore. Difficile non riuscire a smettere di cantare tra sé e sé “He took the long way on the freeway”.

Continua a leggere “Eddie Vedder – Earthling (Seattle Surf/Republic Records, 2022)”

Greta Van Fleet – Anthem of the Peaceful Army (Republic Records, 2018)

Articolo di Stefania D’Egidio

Nell’ultimo mese i Greta Van Fleet sembrano essere diventati il pomo della discordia tra i puristi, che li accusano di essere troppo simili ai Led Zeppelin, e coloro che, invece, si sentono orfani del rock.
Confesso che la prima volta che li ho sentiti per caso alla radio sono quasi caduta dal divano, pensando ad una miracolosa reunion dei Led Zeppelin, e già pregustavo l’ennesimo tour d’addio, invece, dopo qualche minuto di disorientamento, ho scoperto che, non solo non erano Robert Plant e soci, ma addirittura un gruppo di sbarbatelli americani con alle spalle meno della metà degli anni dei nostri idoli: Jake Kiszka alla chitarra, Sam Kiszka, basso e tastiere, Josh Kiszka alla voce e Danny Wagner alla batteria.

Greta-van-fleet

Continua a leggere “Greta Van Fleet – Anthem of the Peaceful Army (Republic Records, 2018)”

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑