R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Talamazzi

Una sbirciatina sul mondo vetusto e solenne dei nostri avi la possiamo dare semplicemente leggendo i motti e le massime latine che compaiono sulle meridiane di molte città italiane ed europee. Quegli antichi orologi – più spesso oggi riprodotti per vezzo – che seguivano l’ombra lasciata dalla corsa solare, suggerivano al passante dei veri e propri momenti di riflessione incentrati sul valore del Tempo. Questo album di Rosario Di Leo, quarantenne pianista siciliano, contrae il suo titolo – già di per sé intrigante di Homotempus – da una delle tante epigrafi riportate su una di queste meridiane, cioè Homo tempus metirit, tempus hominem (L’Uomo misura il Tempo, il Tempo misura l’Uomo). Certamente, Di Leo, il suo tempo l’ha finora decisamente ben speso, intraprendendo un rapporto con la Musica fin da ragazzino nella banda del paese e che si è rodato poi con diverse esperienze eterogenee – per esempio suonando sulle navi da crociera – e seguendo infine i doverosi studi musicali accademici e di perfezionamento. Attratto dalle molte sfaccettature dell’arte di Euterpe, affascinato dalla dimensione artistica a tutto tondo, laureato al DAMS di Enna, coinvolto in numerosi interessi nell’ambito della musicologia, Di Leo arriva oggi al suo quarto disco da titolare. Si tenga però presente che due delle precedenti uscite, Overboard del 2016 e L’opera è jazz del 2019, furono editate in coppia rispettivamente con Frank La Capra e con William Grosso. Per stessa ammissione di Di Leo le influenze musicali assorbite nella sua vita sono state veramente tante. Alcune di queste si sono riversate nelle note di Homotempus, impedendo parzialmente a quest’opera di allinearsi lungo una direttiva precisa e riferirsi ad un archè cui ricondurre tutte le variegate ed eclettiche composizioni, molte delle quali create in tempi e luoghi diversi. Certo, il jazz rappresenta forse l’angolo prospettico preferenziale scelto dall’Autore ma è indubbio come, durante lo svolgersi dell’intero lavoro, si avvertano reminiscenze classiche, frammenti di rock-progressive, suggestioni etniche medio-orientali e persino costruzioni armoniche vicine alla pop music.

Continua a leggere “Rosario Di Leo – Homotempus (Auand Records, 2022)”