R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Talamazzi

La storia della musica moderna ritrova un collaudato canovaccio nel rapporto tra due gruppi canadesi quali i Bell Orchestre e gli Arcade Fire. Pur in ambiti musicali fondamentalmente diversi vi sono musicisti in comune tra i due ensemble che si adattano a ruoli differenti. Sarah Neufeld, violinista e cantante e Richard Reed Parry, bassista, sono infatti due elementi presenti ora in un gruppo ora nell’altro a secondo delle circostanze. Ma se l’attitudine degli Arcade Fire è prevalentemente orientata al rock la personalità dei Bell Orchestre è sostanzialmente qualcosa di alieno. Il mondo di questi ultimi è un melange di folk, elettronica e jazz dove diventa difficile tracciare un confine definito tra i generi. Del resto anche l’insieme degli strumenti suonati dai B.O ci aiuta ad avere un’impressione eclettica di questa band. Oltre al violino e al basso già citati c’è Pietro Amato al corno francese e in più alle tastiere e agli effetti elettronici, Michel Feuerstack alla steel guitar e anch’egli alle tastiere, Kaveh Nabatian alla tromba e alla gongoma – strumento lamellofono d’origine africana, una specie di carillon più duttile – ed infine Stefan Schneider alla batteria.

Continua a leggere “Bell Orchestre – House Music (Erased Tapes Records, 2021)”