R E C E N S I O N E


Recensione di Claudia Losini

Un disco perfetto per “meditare, fare petting, leggere tarocchi”, dice Andrea Mangia, aka Populous, riguardo a Stasi, ma anche perfetto per ammirare il mare all’alba, guardare la luna dalla finestra la notte, aspettare silenziosamente un tram all’alba.
Questo è un album estivo, di quelle estati solitarie, che scorrono lente, che ti ricordano l’infanzia dove le lunghissime giornate venivano sostituite da altrettanto lunghe serate, quando il tempo rallentava quasi fino a una paralisi, e tutto era dilatato, sospeso, in attesa. 
Stasi suona come le onde del mare che lentamente accarezzano i sassolini della spiaggia, riecheggia di campi di grano assonnati che ondeggiano sotto il sole cocente, ha il sapore del pomeriggio cittadino in pieno agosto, quando l’asfalto si bagna di arsura e la strada si trasforma in un mare.

Continua a leggere “Populous – Stasi (La Tempesta Dischi, 2021)”