Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Luca De Gennaro

Billy F Gibbons – Hardware (Concord Records, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Stefania D’Egidio

A vederlo incute un certo timore Billy Gibbons, con la sua barba lunga, gli occhiali scuri e la voce tenebrosa, ma in realtà è una persona dolcissima nella sua stravaganza: ho avuto l’onore di incontrarlo qualche anno fa in quel di Locarno, intervistato da uno dei miei idoli radiofonici, Luca De Gennaro, ed è stato uno dei pomeriggi più spassosi che abbia passato. Ti aspetti che tiri fuori chissà quale aneddoto e, invece, ecco che attacca a parlare della sua infanzia in Texas e di quando, all’età di 5 anni, la madre lo portò ad un concerto di Elvis Presley e rimase folgorato dalla musica. Un predestinato, perchè, figlio di direttore d’orchestra, comincia prestissimo a suonare la batteria, ma è a 14 anni che molla tutto per la sei corde, e inizia a suonare in giro con il suo gruppo, arrivando perfino ad aprire per Jimi Hendrix. La gavetta è lunga, nel ’69 fonda gli ZZ Top con il bassista Dusty Hill, gemello di barba, e il batterista Frank Beard, ma è solo negli anni ’80 che raggiungono il successo con l’album Eliminator. Nell’immaginario collettivo il trio è sempre associato alle hot rod, le vetture storiche americane che sfrecciano nel deserto tra dune, cactus e serpenti a sonagli, alle bottiglie di whiskey e a bellissime donne dagli abiti succinti e quest’etichetta Billy se la porterà dietro anche nella sua carriera solista, con tre album all’attivo.

Continua a leggere “Billy F Gibbons – Hardware (Concord Records, 2021)”

The Lemonheads @ Biko – Milano, 26 febbraio 2019 [opening Karl Larsson]

L I V E – R E P O R T


Articolo e immagini sonore di Stefania D’Egidio

“Voglio una vita spericolata, che se ne frega di tutto sì” sembra essere stata scritta proprio per Evan Dando, il talentuoso cantante dei Lemonheads che ricordavo dagli anni ’90 non solo per la sua incredibile voce, ma anche per la sua fulgida bellezza, che lo aveva reso, per un breve periodo, tra i personaggi più ricercati del jetset.

Sarà che il concerto di Milano è stato anticipato da rumors negativi sul suo conto, ma fino all’ultimo ho temuto che lo show fosse annullato. Sui social infatti, il racconto di come fosse salito sul palco di Bologna completamente ubriaco, inveendo contro il pubblico e gli altri membri della band e spaccando un paio di chitarre; qualcuno addirittura aveva scritto che era ormai l’ombra di se stesso.

Continua a leggere “The Lemonheads @ Biko – Milano, 26 febbraio 2019 [opening Karl Larsson]”

WordPress.com.

Su ↑