Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Nigel Godrich

Pavement – Terror Twilight : Farewell Horizontal (Matador Records, 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Andrea Notarangelo

Terror Twilight, parafrasando il titolo, rappresenta in tutto e per tutto il “Crepuscolo dei Pavement”. Ricordo nello specifico il momento storico dell’uscita, nel 1999 del quinto e ultimo album della band. Il canto del cigno. In un’intervista del periodo, Stephen Malkmus raccontava al giornalista il suo processo creativo e l’evoluzione dello stesso nell’arco della loro decennale carriera. Nella fattispecie, il genietto capostipite di tutta una serie di Nerd che sarebbero usciti fuori dal maelström creativo dell’alternative rock post anni ’90 disse che registrare un disco in quelle condizioni stava diventando troppo complicato. Quali erano le difficoltà? Tanto per cominciare la natura stessa della band. Quello che era nato come un progetto estemporaneo era ora un gruppo a tutti gli effetti composto da polistrumentisti talentuosi, pieni di idee, ma anche di impegni istituzionali. Essere bravi paga, ma porta con sé responsabilità. Correlato a questo aspetto non di poco conto vi era da aggiungere la distanza fisica dei membri della band, sparsi per gli States e l’avvento delle nuove opportunità dovute dal passaggio tecnologico in atto in quegli anni. Malkmus e soci stavano tentando di registrare le loro impressioni in file mp3, cosa mai provata sino ad allora, per poi scambiarsi gli stessi attraverso dei lentissimi download e sui quali ognuno degli altri, imprimeva il proprio contributo strumentale. Il processo si concludeva comunque in studio di registrazione perché ancora non si era preso atto del fatto che fosse possibile registrare tutto a distanza. Assieme a Nigel Godrich (il sesto Radiohead per intenderci), realizzarono pertanto l’ennesima magia.

Continua a leggere “Pavement – Terror Twilight : Farewell Horizontal (Matador Records, 2022)”

Radiohead – Kid A Mnesia (XL Recordings, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Andrea Notarangelo

Scrivere della nuova uscita dei Radiohead, Kid A Mnesia, triplo album disponibile nei negozi in questi giorni, è come mettere in moto la Delorean e partire per una missione in stile ritorno al futuro. Da tempo la band di Oxford sta rispolverando i suoi archivi e, tralasciando le opere di ristampa omnicomprensive del 2009, che hanno interessato tutto il loro catalogo fino ad Hail To The Thief, album del 2003 che segnò un parziale rientro al pop classico, ecco soffermarsi sugli Anni d’Oro della band inglese, nei quali qualità, quantità e riscontro del pubblico erano in perfetto equilibrio. Che cosa si intende con questo? I Radiohead sono una, se non la Band, più famosa del pianeta, ma, come tutti i grandi gruppi, ha avuto un suo momento epico che nella storia della musica moderna si colloca tra il 1997 e il 2001. In questo lustro sono concentrate tre uscite: Ok Computer del ‘97, Kid A del 2000 e Amnesiac del 2001. Dopo l’uscita a vent’anni di distanza del celebrativo OK Computer OKNOTOK 1997 2017 nel 2017, eccoci ora a trattare Kid A Mnesia, opera definitiva che riporta ordine al chaos di inizio millennio, e ci racconta qualcosa di più su cos’è accaduto veramente.

Continua a leggere “Radiohead – Kid A Mnesia (XL Recordings, 2021)”

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑