Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Sycamore Age

Sycamore Age – È dalla casualità che, a volte, nascono le cose migliori

I N T E R V I S T A


Articolo di Arianna Mancini, immagini sonore di Mirko Mancinelli

Ci troviamo in Toscana, ad Arezzo per l’esattezza, base del progetto artistico Sycamore Age, nato nel 2010, dall’incontro casuale di chi vede nella musica un flusso ininterrotto da esplorare costantemente. La formazione è oggi giunta al loro terzo lavoro in studio full length, con l’aggiunta di un curioso feticcio di remixes/reworks. Entusiasta di andare a fondo nella loro storia, parto con Mirko, che fisserà nei suoi scatti alcuni momenti di questa giornata. Ad attenderci al Sycamore Age Studio, laboratorio alchemico in cui prendono corpo i loro “manufatti” c’è Stefano Amerigo Santoni (chitarre, basso, percussioni, voci, mixaggio, mastering, produzione e grafica). Giusto il tempo di un caffè, fare qualche foto e partiamo alla volta del centro storico per incontrare il resto della band. Reunion in grande stile, ci sono proprio tutti: Daniel Boeke (clarinetti, voci), Francesco Chimenti (voce, piano, chitarre, basso, violoncello), Franco Pratesi (violino, synth, voci) e Luca Cherubini Celli (batteria, percussioni). Siamo pronti: ciak, si gira!

Continua a leggere “Sycamore Age – È dalla casualità che, a volte, nascono le cose migliori”

Sycamore Age – Castaways (Woodworm Label/Universal, 2020)

R E C E N S I O N E


Recensione di Arianna Mancini

I Sycamore Age ritornano con le loro onde oniriche ed incantatrici, dando alla luce Castaways, uscito questo dicembre per Woodworm Label e distribuito da Universal Publishing.
Castaways, Naufraghi. Quale titolo migliore per ritrarre la condizione che stiamo vivendo a livello globale? Se fossimo costretti a spogliarci dalle nostre impenetrabili maschere, dovremmo ammettere che l’essere umano anche quello più basico e materialista, si sente sempre un po’ naufrago… del mondo, della vita e di se stesso.
I cinque paladini di Morfeo ci guidano nel vortice di otto tracce, un percorso ipnotico che ci porta fuori dal mondo, dentro noi stessi. Il posto più imperscrutabile e denso di ossimori, ma il più autentico e l’unico in cui può compiersi la catarsi.

Continua a leggere “Sycamore Age – Castaways (Woodworm Label/Universal, 2020)”

Sycamore Age – Perfect laughter (Santeria/Woodworm, 2015)

SYCAMORE_AGE_PERFECT_LAUGHTER_COVER

Articolo di Luca Franceschini.

Il sicomoro è l’albero su cui, stando a quanto si racconta nel Vangelo, Zaccheo salì per vedere Gesù che passava e da cui fu poi invitato a cena dal diretto interessato. Ma è anche l’albero sotto cui il Romeo di Shakespeare piange il suo amore per Giulietta all’inizio della celebre tragedia dell’autore inglese.
Per dire che non stiamo parlando di una pianta qualunque. Ora, che cosa sia esattamente “l’età del sicomoro” non saprei proprio ma è indubbio che come nome per un gruppo non suona poi così male.

Continua a leggere “Sycamore Age – Perfect laughter (Santeria/Woodworm, 2015)”

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑