Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Tag

Miles Cooper seaton

Tobjah: “La semplicità è un linguaggio universale” [intervista]

Articolo di Eleonora Montesanti

Tobjah, letteralmente “Dio è buono” in ebraico, è il nome con cui Tobia Poltronieri ha pubblicato il suo primo album solista “Casa, finalmente” (aprile 2018) per Trovarobato. La sua musica e le sue canzoni si ispirano alla ricerca di consapevolezza cosmica e universale, senza ancorarsi a un genere o a un movimento specifico. Co-fondatore e anima pulsante del collettivo attivista C+C=Maxigross, è assiduo collaboratore dello statunitense Miles Cooper Seaton (Akron/Family) con cui ha girato l’Europa. È stato scelto da Iosonouncane e Paolo Angeli come apertura per il loro primo tour (marzo 2018) e ha ospitato nel suo album Lino Capra Vaccina, Enrico Gabrielli e Marco Giudici (Halfalib/Any Other). Le sue performance sono un tentativo di ritornare alla purezza e alla vulnerabilità senza condizionamenti esteriori, ponendo musicista e pubblico sullo stesso piano.
Tobjah è uno degli artisti più puri e intensi che mi sia capitato di incontrare. Quest’intervista mi ha regalato un nuovo importante punto di vista: la conquista della semplicità. Auguro a tutti i lettori di trovare la stessa ricchezza.

Continua a leggere “Tobjah: “La semplicità è un linguaggio universale” [intervista]”

Any Other @ Serraglio – Milano, 16 novembre 2018

any-other-serraglio-photo-andrea-furlanArticolo di Luca Franceschini e immagini sonore di Andrea Furlan

Il concerto milanese di Any Other ha rivelato una grande verità, se ancora non ce ne fossimo resi conto: Adele Nigro è uno dei più grandi talenti musicali che ci sia al momento in Italia.

Ripeto, un po’ lo si sapeva già. L’abbiamo ammirata per dieci mesi nella band di Colapesce, dove ha fatto il bello ed il cattivo tempo quasi conducendo per mano gli altri musicisti ed occupandosi di cori, chitarra e sassofono con una disinvoltura non comune, se si pensa che era la sua prima produzione importante. Abbiamo poi ascoltato Two, Geography, il secondo disco dei suoi Any Other, che ha trasceso il Folk un po’ ingenuo degli esordi, per approdare nei territori più adulti ed impervi già battuti da nomi come Wilco, Pavement, Courtney Barnett e tutte quelle realtà che fanno fluire liberamente la loro creatività senza essere limitati da barriere di genere.

Continua a leggere “Any Other @ Serraglio – Milano, 16 novembre 2018”

Any Other – Tour Europeo

Lunedì: Koeln, Germania. Sull’agenda di Adele Nigro, sono molte le tappe che comporranno il tour europeo degli Any Other, pseudonimo dietro il quale si cela il suo progetto. Il nuovo lavoro “Two Geography”, uscito per 42 Records, dimostra la crescita, il salto senza rete, né paura di osare o rischiare qualcosa.

B85995E0-50D5-41E9-9B27-B9C19E8313C5
Continua a leggere “Any Other – Tour Europeo”

La “nuova speranza” dei C+C=Maxigross è una casa in cui sentirsi sé stessi [intervista]

Articolo di Eleonora Montesanti

I C+C=Maxigross sono un collettivo multiforme attivo dal 2011 con base a Verona. In costante evoluzione e cambiamento hanno pubblicato fino ad oggi svariati album ed ep suonando in lungo e in largo per l’Italia, l’Europa e gli Stati Uniti. La formazione del collettivo cambia in base al tour e al progetto coinvolgendo artisti da tutto il mondo, così da poter generare ogni volta una nuova opportunità di scambio umano e musicale. Da poco è uscito il loro nuovo progetto, intitolato Nuova Speranza, ovvero un ep di tre pezzi in cui il gruppo usa per la prima volta la propria lingua madre – l’italiano – con lo scopo di valorizzare il loro messaggio di speranza universale.
Per l’occasione abbiamo scambiato una lunga (e bellissima, lasciatemelo dire) chiacchierata con Tobia, *qui di solito si indica il ruolo dell’artista nel gruppo, ma nei C+C=Maxigross non esistono veri ruoli prestabiliti*, che vi consigliamo di leggere a cuore e mente aperti.
Continua a leggere “La “nuova speranza” dei C+C=Maxigross è una casa in cui sentirsi sé stessi [intervista]”

Miles Cooper Seaton – Phases in exile (Vaggimal records / Trovarobato, 2016)

755pm_Digifile 3 ante E (con 2 tasche esterne per inserimento cd

Articolo di Giovanni Carfì

“You can find me on all major corporate social media platforms,but I prefer direct communication”

Questo è ciò che un internauta comune si trova a leggere nel sito di Miles Cooper Seaton; una frase banale, ma significativa per poter capire la genesi di questo disco introspettivo, che nasce da grandi spazi, vissuti ed esplorati alla continua ricerca della giusta dimensione, che si scopre poi essere più piccola e intima del previsto…ma procediamo con ordine. Continua a leggere “Miles Cooper Seaton – Phases in exile (Vaggimal records / Trovarobato, 2016)”

WordPress.com.

Su ↑