Andrea Poggio

The White Buffalo @ Circolo magnolia, Segrate (Mi) – 9 luglio 2018

Postato il Aggiornato il

THE WHITE BUFFALO

Articolo e immagini sonore di Stefania D’Egidio

Ho perso il conto di tutte le volte che ho percorso, nell’ultimo mese, la strada dell’Idroscalo per raggiungere il Circolo Magnolia, ormai sono di casa tanto che gli addetti alla sicurezza quando mi vedono fanno battute del tipo: “di nuovo qui?” e non è mica colpa mia se l’estate porta con sé un concerto dietro l’altro e il 9 ce n’era uno imperdibile, di quelli per palati fini: i The White Buffalo di Jake Smith.

Leggi il seguito di questo post »

James Bay @ Un Altro Festival – Circolo magnolia, Segrate (Mi) – 8 luglio 2018

Postato il Aggiornato il

JAMES BAY

Articolo e immagini sonore di Stefania D’Egidio

Domenica 8 è andata in scena al Circolo Magnolia di Milano la VI edizione di Un Altro Festival, ovvero il concerto di James Bay, perché degli artisti che lo hanno preceduto, alternandosi tra i due palchi, nessuno mi ha colpito in maniera significativa…

Leggi il seguito di questo post »

Andrea Poggio – Dal Folk al Pop, l’importanza di avere le canzoni [l’intervista]

Postato il

Intervista di Luca Franceschini

A Milano è il primo giorno di dicembre e sembra che il freddo sia finalmente arrivato. Il centro città è un brulichio frenetico e affaccendato di persone intente allo shopping natalizio. All’interno del caffè in zona San Lorenzo che Andrea Poggio ha scelto come sede dell’intervista l’atmosfera è un po’ più tranquilla: un paio di studentesse che ripetono la poetica di Leopardi in vista di una probabile interrogazione, un gruppo di liceali che entra qualche minuto dopo e che sembra stranamente adeguarsi al clima ovattato del posto, limitandosi a qualche chiacchiera a volume contenuto nell’intervallo tra un video su YouTube e una chat su WhatsApp.

Leggi il seguito di questo post »

Andrea Poggio – Controluce (La Tempesta, 2017)

Postato il

Articolo di Luca Franceschini.

I Green Like July probabilmente non esistono più. Poco si è saputo dopo il terzo disco “Build Like Fire” e ho davvero il timore che abbiano deciso di non continuare.
È un peccato, perché non c’erano molti gruppi così in Italia, in grado di coniugare sonorità Pop con un certo Folk Made in USA, in una sorta di connubio “Beatles meets Dylan” elaborato in salsa italica.

Leggi il seguito di questo post »