Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Ben Howard

Ben Howard – Collections from the Whiteout (Island Records, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Talamazzi

La musica di Ben Howard possiede un misterioso magnetismo come tutte le cose un po’ sfuggenti, quelle che non si sanno ben definire e che pur intuiamo possedere ben più di un significato. Forse il motivo di tutto questo sta nel suo presunto difetto d’originalità che finisce per essere paradossalmente il suo punto di forza. Come il suo collega americano Ryley Walker, Howard è infatti abile nel celare il suo profilo dietro una rete di riferimenti che si sovrappongono e che però non nascondono l’esistenza di alcuni evidenti rimandi artistici. Le stelle della sua Orsa Maggiore si chiamano John Martyn, Ben Watt, Bon Iver e gran parte della tradizione folk britannica, se non altro per il timbro della voce impostato sui toni medi e con una vaga tendenza cantilenante, che spesso traduce una frigidità tutta britannica nel modo di comunicare le proprie emozioni. In questa sua ultima fatica, Collections from the Whiteout, Howard, a differenza dei lavori precedenti, introduce nella sua musica un make-up elettronico, certamente non disturbante ma sufficiente per far deviare un po’ l’attenzione dall’abitudine che ci aveva assuefatti nel percepirlo. Un folk singer al passo con i tempi, con un classico fondo malinconico velato da colori diversi, cangianti ad ogni cambio di brano. Avendo contattato un musicista-produttore come Aaron Dessner, Howard rigioca la carta dell’osmosi tra arte e vita fidandosi di sonorità più contemporanee e contando sul sostegno di collaboratori provenienti da esperienze diverse, tra i quali segnalo il neanche trentenne batterista Yussef Dayes proveniente dal jazz, il pianista Thomas Bartlett – aka Doveman – il chitarrista Blake MIlls, con alle spalle le partecipazioni discografiche con Pino Palladino e Bob Dylan.

Continua a leggere “Ben Howard – Collections from the Whiteout (Island Records, 2021)”

Ben Howard @ Fabrique – Milano, 28 novembre 2018

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Elly Contini

Siamo alla fine. Ben Howard ritorna sul palco per i bis, in compagnia di due soli musicisti della sua band allargata. “Siamo arrivati al momento in cui dovrei suonare le cose vecchie – dice in quella che è a tutti gli effetti la prima volta che si rivolge al pubblico – mi sento piuttosto a disagio perché normalmente mi piace essere connesso con il momento esatto in cui nascono le canzoni. Ho sempre voluto mostrare quello che sono in quel determinato momento, piuttosto che fare l’intrattenitore”.
Si potrebbe fermare tutto e stare un mese solo su questa affermazione, in effetti. Qual è il ruolo dell’artista? Cosa deve succedere durante un concerto? Cosa è giusto che abbia più peso, il presente o il passato? E ancora: ha senso, oggi, considerare i nuovi dischi allo stesso modo di come li consideravamo dieci anni fa? Non è forse vero che ormai per molti nomi, soprattutto per quelli con una carriera consistente alle spalle, rappresentano poco più di un utile pretesto per andare in tour?

Continua a leggere “Ben Howard @ Fabrique – Milano, 28 novembre 2018”

Gli Scordati di Joe – Vol. 34

Note di merito per album passati distrattamente in secondo piano, ma meritevoli di un loro piccolo spazio. Nell’impossibilità di raccontare tutto ciò che viene prodotto, una selezione di dischi con confronti senza vincitori, né punteggi; ma con la presunzione di restituire una sensazione il più immediata possibile, attraverso un’analisi che va oltre le solite stellette.

Articolo di Giovanni Carfì

BenHoward 1
Continua a leggere “Gli Scordati di Joe – Vol. 34”

Ben Howard @ Anfiteatro del Vittoriale, Gardone Riviera (Bs), 4 luglio 2018

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di ©giovanni vanoglio

Ben Howard ha scelto il luogo migliore per la sua prima volta in Italia. L’Anfiteatro del Vittoriale ormai lo conosciamo bene e la sua atmosfera intima e suggestiva è l’ideale per accompagnare la musica evocativa del cantautore inglese. Che, bisogna dire, al nostro paese mancava molto. “I Forget Where We Were” ce lo aveva mostrato ad un livello di crescita davvero esponenziale, tanta era la distanza, in termini di linguaggio ed intenzioni, dal disco di debutto. Un vero peccato che un lavoro del genere non sia stato suonato dalle nostre parti ma se non altro adesso si rimedia nel modo migliore possibile.

Continua a leggere “Ben Howard @ Anfiteatro del Vittoriale, Gardone Riviera (Bs), 4 luglio 2018”

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑