Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Tag

Calcutta

Woodoo Fest – 17/21 luglio 2019 – Cassano Magnago (VA)

L I V E – R E P O R T


Articolo di Luca Franceschini (Day 2-3-4) e Giovanni Carfì (Day 1-5), immagini sonore di Alessandro Pedale

Woodoo Fest torna anche quest’anno con un programma ricco ed interessante, con gruppi che in questi ultimi anni, e in molti casi mesi, hanno detto la loro con uscite degne di nota, o performance coinvolgenti. Questa è la sesta edizione e la “festa nel bosco” si fa grande, ospitando street food, due palchi di cui uno coperto, e varie chicche tra cui una postazione games rubata da qualche sala giochi, che se non era fine anni ’80 eravamo da poco nei ’90; ma andiamo con ordine, perché il bosco è vivo, bisogna conoscerlo e saperlo vivere, conosciamo così gli abitanti del primo giorno…

Continua a leggere “Woodoo Fest – 17/21 luglio 2019 – Cassano Magnago (VA)”

Cosmo @ Forum, Assago (Mi) – 2 febbraio 2019

L I V E R E P O R T


Articolo di Luca Franceschini

Ultima data per Cosmo nel suo “Cosmotronic” tour, che lo ha portato in lungo e in largo per la penisola nel corso del 2018 facendone crescere esponenzialmente le quotazioni; allo stesso tempo, unico concerto del 2019, inevitabile preludio ad una lunga pausa per ricaricare le pile, dedicarsi a nuovi progetti e, presumibilmente, cominciare a pianificare un nuovo disco. Il pubblico ha risposto bene: nel momento in cui Marco salirà sul palco il colpo d’occhio sarà notevole. Hanno avuto tutti parecchie occasioni per vederlo lo scorso anno ma ad un evento unico non si può resistere, si sa. La formula è la stessa delle date precedenti ma, per motivi di coprifuoco, viene rovesciata: prima il dj set di Ivreatronic, il collettivo di artisti ruotanti intorno a lui che da qualche tempo partecipano in toto alla sua visione artistica. Enea Pascale, Splendore e Fabio Fabio stanno spesso sul palco insieme ma suonano tre set differenti da una mezz’ora circa l’uno. Un ottimo modo per scaldare l’ambiente, la loro elettronica è di ottima qualità e anche se la gente balla poco o niente, l’impressione è che ci si diverta lo stesso. Ad un certo punto sale sul palco anche Cosmo, che saluta e dà appuntamento a più tardi, senza nascondere un po’ di comprensibile emozione.

Continua a leggere “Cosmo @ Forum, Assago (Mi) – 2 febbraio 2019”

Calcutta @ Forum, Assago (Mi) – 21 gennaio 2019

Articolo di Luca Franceschini immagini sonore di Ambrogio Brambilla

La prima ed unica volta che ho visto Calcutta dal vivo è stata nel dicembre del 2015, si era all’Ohibò di Milano, c’era stato un soldout clamoroso (tantissima gente fuori in cerca di un biglietto) e fu un concerto piuttosto imbarazzante, con lui che sembrava ubriaco e che stonava ogni due note ed una band di onesti mestieranti che suonavano i pezzi come se fosse la prima volta o quasi che li provavano.
Fu un trionfo assoluto. La gente cantava i testi come se non ci fosse un domani e l’atmosfera generale era da “abbiamo trovato il Messia”.
Avrei potuto replicare la primavera successiva, quando Edoardo chiuse il Miami sul palco de La Collinetta, all’interno di un’edizione dove, sullo stage principale, si erano da poco esibiti I Cani di Niccolò Contessa, uno dei principali fautori del successo di “Mainstream”. La scelta di non far coincidere i set dei due artisti creò un ingorgo tale che, prima volta nella mia vita, non riuscii neppure lontanamente a procurarmi un posto decente per vedere qualcosa e quindi me ne tornai a casa. Non senza essere assordato, mentre camminavo per raggiungere la macchina, da migliaia di voci che come se fossero una sola intonavano “Frosinone”. Una roba assurda, giuro.


Continua a leggere “Calcutta @ Forum, Assago (Mi) – 21 gennaio 2019”

Calcutta – Mainstream (Bomba Dischi, 2015)

calcutta-mainstream-cover

Articolo di Gianluca Porta

Il dono della sintesi è la capacità di esprimere in poche parole, in pochissime frasi un concetto complesso, definendolo in ogni suo aspetto. Da studente è quello che mi serve per studiare, per rispondere con meno fatica alle domande e per fare, eventualmente, “i bigliettini”. E non sempre funziona. Per chi le parole le sa usare è il modo più efficace per catturare un’emozione, condensarla in una sententia, renderla universale e ancora più umana. Calcutta, all’anagrafe Edoardo Dall’Erme, usa questa peculiarità per intrecciare la sua vita con quella di chi lo ascolta, in un album concentrato in meno di trenta minuti. Continua a leggere “Calcutta – Mainstream (Bomba Dischi, 2015)”

WordPress.com.

Su ↑