Cerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

E. Joshin Galani

Mosè Santamaria – Cantautore in evoluzione

I N T E R V I S T A


Articolo di Joshin E. Galani

E’ uscito il 31 luglio per laCantina Records Tutto torna il nuovo singolo di Mosè Santamaria, scritto dall’autore genovese al pianoforte, in una mattina di maggio. Mosè Santamaria ha all’attivo due dischi: #RisorseUmane del 2015 e Salveremo questo mondo del 2019, ne abbiamo parlato qui. In occasione di questa uscita abbiamo scambiato due chiacchere con Mosè, per conoscere meglio questo autore dalla scrittura peculiare, buona lettura…

Continua a leggere “Mosè Santamaria – Cantautore in evoluzione”

Gianni Maroccolo Senatore a vita – intervista a Edda e Marok

I N T E R V I S T A


Articolo di E. Joshin Galani

Il suono di Marok e le liriche di Edda: due imprinting molto riconoscibili, due talenti singolari che si sono uniti dando vita ad un album Noio; volevam suonar. Inarrestabile il fermento musicale di Gianni Maroccolo che anche questa volta sceglie l’amore per la condivisione. La sua sensibilità e genialità musicale è arte prolifica, che si snoda in percorsi musicali condivisi anche al di fuori del “disco perpetuo” Alone il cui quarto capitolo “Mente” è uscito da pochi giorni. Altrettanto inarrestabile il flusso compositivo di Edda, che emerge senza freni in totale libertà, un’esplosione senza alcun compromesso. Sempre emozionante nella voce, in alcune liriche particolarmente toccante. Gianni Maroccolo e Stefano Edda Rampoldi, in piena quarantena, creano uno spazio artistico completamente libero, preparano un disco e decidono di regalarlo. Un disco dove si spazia dai centri sociali, ai Matia Bazar, dai mantra a Claudio Rocchi, passando per Don Backy. Di questo loro dono parla questa intervista, buona lettura

Continua a leggere “Gianni Maroccolo Senatore a vita – intervista a Edda e Marok”

Cristiano Godano: Dimenticatevi del cliché Godano e Marlene e provate ad ascoltare buona musica!

I N T E R V I S T A


Articolo di Joshin E. Galani

Cristiano Godano, artista poliedrico, è cantante, chitarrista, autore, attore e scrittore. Oltre a essere il cantante dei Marlene Kuntz, band che ha segnato la storia della musica italiana in 30 anni di carriera, è l’autore di tutti i testi (oltre 130) della band. Nel 2008 ha esordito come scrittore, con i sei racconti de I vivi (Rizzoli), dai quali ha tratto un reading che ha portato in tour in tutta Italia, nel 2019 ha pubblicato il racconto biografico in prima persona Nuotando nell’aria. Dietro 35 canzoni dei Marlene Kuntz (La Nave di Teseo). È docente all’Università Cattolica di Milano e tiene lezioni e workshop in ambito musicale e poetico. Lo abbiamo incontrato alla conferenza stampa (on line) per l’uscita del suo lavoro solista Mi ero perso il cuore. L’album si compone di 13 tracce curate nei testi e musica da Cristiano. È stato prodotto da Luca A. Rossi e Gianni Maroccolo con Cristiano Godano. Nell’album hanno suonato, oltre a Godano, Gianni Maroccolo, ed i due Üstmamò Luca A. Rossi e Simone Filippi. La versione in vinile contiene la bonus track “Per sempre mi avrai“.

Continua a leggere “Cristiano Godano: Dimenticatevi del cliché Godano e Marlene e provate ad ascoltare buona musica!”

Dente: Siamo anche come ci vedono gli altri, siamo tanti quanti sono gli occhi che ci guardano

I N T E R V I S T A


Articolo di Joshin E. Galani

Questa è un’intervista che desideravo fare da anni e che le circostanze in alcuni periodi non l’hanno resa possibile. Durante il lock down, dopo i primi live casalinghi di Dente via instagram, guardando l’espressione dei suoi occhi ho pensato potesse essere il giusto momento per chiedere tutto quello che era visibile ed invisibile in quegli sguardi. Sguardi simili ad ognuno di noi, un colore amaro, in quelle giornate che hanno segnato momenti di vita ben precisi per tutti. In questo periodo doloroso e surreale, molti musicisti hanno rinviato le loro uscite discografiche, altri sono comunque usciti, altri si sono trovati a cavallo tra la normalità e il lock down. Il 28 febbraio 2020 è stato pubblicato Dente album omonimo del cantautore, il settimo, che celebra anche il compleanno di Giuseppe Peveri. Un lavoro molto raffinato, che si discosta dalle produzioni precedenti. Ecco la nostra chiaccherata, buona lettura.

Continua a leggere “Dente: Siamo anche come ci vedono gli altri, siamo tanti quanti sono gli occhi che ci guardano”

Simone Lenzi e Gigi Giancursi: il duo delle meraviglie

I N T E R V I S T A


Articolo di Joshin E. Galani

Il primo video di Gigi Giancursi e Simone Lenzi ha fatto capolino il 21 marzo, in sordina, senza nessuna comunicazione se non il commento su youtube: “Intorno al 2011 Gigi Giancursi e Simone Lenzi registrarono alcune canzoni scritte insieme, che sono rimaste in un cassetto per più di otto anni”. Helsinki è stato il primo brano a vedere la luce, una perla lanciata nel mondo affidata al suo percorso. È poi arrivato Todestrieb ed infine (per ora) Sulle rotatorie. Dalla gioia e curiosità di questa inedita collaborazione di due musicisti che stimo profondamente è nata questa intervista, tra il serio e il faceto. Buona lettura e buon divertimento!

Continua a leggere “Simone Lenzi e Gigi Giancursi: il duo delle meraviglie”

Franz: accettare la nostra vulnerabilità, godere davvero di questa vita che, per quanto dura, rimane piena di bellezza.

I N T E R V I S T A


Articolo di Joshin E. Galani

Franz è per me l’uscita più interessante di questo periodo. Ha pubblicato un disco punk nel senso ampio del termine, non nell’impatto sonoro ma nell’attitudine. In un momento in cui aspetto e qualità musicale sono ridotti ai minimi termini, esce questo album che, come il punk, contiene una forte provocazione: il ritorno all’intensità della musica classica, un’orchestra di nove elementi distillata nell’indie, nel pop, nel rock, coniugando linguaggi musicali possenti e raffinati. Ecco di seguito la chiaccherata che abbiamo fatto, stando a casa!

Continua a leggere “Franz: accettare la nostra vulnerabilità, godere davvero di questa vita che, per quanto dura, rimane piena di bellezza.”

Lorenzo Palmeri: mi piace credere che non sia tutto come appare

I N T E R V I S T A


Articolo di Joshin E. Galani

È uscito da qualche mese il terzo album del designer e musicista Lorenzo Palmeri, La Natura del Parafulmine, distribuito da Artist First per l’etichetta Metatron. Il parafulmine come metafora dell’umano vivere: percepire vibrazioni invisibili, assorbire energie emotive dall’ambiente esterno ed attuare le capacità di difendersi e rinnovarsi attraverso la propria creatività. Ogni essere umano si rigenera dormendo, mettendo in atto la dimensione del sogno che per sua natura è immaginifica, libera, fortemente intuitiva. E’ proprio questo lo spazio in cui è nato questo ultimo disco, sogni sonori su spartiti, la cui creatività ci accompagna in raffinati viaggi multisensoriali.
Ho approfondito con Lorenzo le curiosità nate da questo nuovo album, oltre le soglie dell’ascolto superficiale.

Continua a leggere “Lorenzo Palmeri: mi piace credere che non sia tutto come appare”

Giovanni Gulino: esplorare senza calcoli, lasciando fluire le sensazioni

I N T E R V I S T A


Articolo di Joshin E. Galani

È uscito da qualche giorno il primo disco solista di Giovanni Gulino, Urlo gigante, a quattro anni di distanza dall’ultimo lavoro dei Marta sui Tubi dei quali è stato frontman dal 2003. Nuove esplorazioni per questo album: l’elettronica, gli archi, una scrittura sempre più autorale e ricercata e la conferma di una voce sempre vigorosa. Non è stato possibile incontrarsi in questo periodo, per cui abbiamo fatto correre le parole in collegamento telefonico.

Continua a leggere “Giovanni Gulino: esplorare senza calcoli, lasciando fluire le sensazioni”

Mosè Santamaria – Salveremo questo mondo (laCantina Records, 2019)

R E C E N S I O N E


Articolo di Joshin E. Galani

C’è una ricetta per salvaguardare questo pianeta ed il valore umano? Mosè Santamaria sembra avere le idee chiare, tanto da intitolare il suo ultimo lavoro Salveremo questo mondo.
Lo faremo con le conoscenze dei fisici, le conoscenze intime attraverso il silenzio della meditazione e l’amore, come enorme spinta salvifica.
Nessuna presunzione quindi, solo l’invito all’introspezione per poter evitare il chiasso e sentire profondamente. Su queste definite direzioni di vita, si snodano tutte le canzoni dell’album, un manifesto della visione del quotidiano in contrapposizione alle alte ricerche interiori.
È una visione minimale, delle piccole cose che come polaroid spaziano nelle diverse decadi, Mosè alllarga lo sguardo avanti ed indietro, supera il senso anagrafico, sembra non avere un’età definita.

Continua a leggere “Mosè Santamaria – Salveremo questo mondo (laCantina Records, 2019)”

WordPress.com.

Su ↑