Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Trovarobato

C+C=Maxigross – Cosmic Res (Trovarobato/ Dischi Sotterranei, 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Provasi

Cosmic Res dei C+C=Maxigross, in uscita il 20 gennaio, è pronto a portarci in cunicoli astrali psichedelici, proprio come tutti i loro ultimi lavori. La formazione rimane la medesima: il collettivo, nato nel 2011, vede come autori principali di musiche e testi Tobjah (Tobia Poltronieri) e Cru (Niccolò Cruciani) aiutati nell’arrangiamento e nelle produzioni da Duck Chagall, co-fondatore. Sebbene siano passati solo due anni dall’ultimo sforzo discografico del collettivo (SALE/ELAS è uscito nel 2020), sono stati un periodo sufficientemente pregnante e impattante sulla storia, anche personale, dei due artisti: in primo luogo ovviamente l’isolamento forzato causato dalla Pandemia da Covid-19, in secondo luogo la prematura scomparsa di Miles Cooper Seaton, fondatore del gruppo indie/folk Akron/Family, grande amico personale dei C+C=Maxigross dopo il suo trasferimento a Verona. Si può dire che l’album sia sostanzialmente dedicato alla sua memoria e, soprattutto, frutto della sua eredità: nonostante siano sicuramente presenti riferimenti testuali all’intero delle composizioni, tutta la musica presente nell’album risente delle atmosfere synth folk (psichedeliche al punto giusto) tipiche dell’arte di Seaton. Ad anticipare l’uscita dell’album sono stati rilasciati come singoli Ooh, and it makes me wonder (eh sì, sono proprio i Led Zeppelin) a novembre e Io me ne sto fermo ad aspettare il mese successivo.

Continua a leggere “C+C=Maxigross – Cosmic Res (Trovarobato/ Dischi Sotterranei, 2022)”

Iosonouncane – Ira (Trovarobato/Numero Uno, 2021)

R E C E N S I O N E


Articolo di Sabrina Tolve

Il 16 dicembre 2019, Iosonouncane annuncia il suo nuovo album Ira.
Prima che la pandemia si abbattesse sul mondo, prima che un’altra visione delle cose potesse effettivamente entrare a far parte della nostra quotidianità, l’idea era un’esecuzione integrale nei teatri per la presentazione dell’album.
Come tutti sappiamo, questo non è accaduto – eppure mi sento di sottolineare quanto un’idea simile potesse avere assolutamente senso.
Ascoltando l’album, infatti, ci si rende conto di quanto quest’opera sia monumentale. Non credo ci siano altre parole per descriverlo.
Ira è un viaggio trascendentale. È una creatura intrinsecamente violenta, che urla contro l’ordine costituito e lo status quo. È un percorso d’analisi e di cammino, fatto di fierezza e alterigia e che ha in sé frammenti di bellezza e calma in un marasma d’emozioni senza freni inibitori.
È un’opera rabbiosa, fatta di collera e provocazione sensoriale, attraverso cui ci si ritrova in contatto, in un certo senso, con il proprio io e con la natura umana esposta in tutte le sue sfaccettature: Ira è il racconto del movimento evolutivo, del senso del sacro, della comunicazione. È una narrazione intrisa di simbolismo, fatta di neologismi e idioglossia, in cui il lavoro di ricerca sonora e l’unione di ogni filamento della trama musicale è a dir poco colossale: è un’opera opulenta, fatta di uno studio minuzioso che traspare con naturalezza già dalle prime note.

Continua a leggere “Iosonouncane – Ira (Trovarobato/Numero Uno, 2021)”

C+C=Maxigross – Nuova speranza (Trovarobato, 2017)

Articolo di ElleBi

Membri: “da 3 a 22 quando va tutto bene”…
Così si presenta sulla pagina facebook la multiforme formazione, in costante divenire, dei C+C=Maxigross. Questo collettivo musicale, con base a Verona, dal 2011 ha pubblicato svariati album ispirandosi al pop barocco, alla psichedelia inglese, sfociando anche in tendenze progressive. E’ un gruppo il cui numero dei componenti cambia a seconda del tour e del singolo progetto; si esibisce fra Italia, Europa, Stati Uniti, coinvolgendo artisti da tutto il mondo.

Continua a leggere “C+C=Maxigross – Nuova speranza (Trovarobato, 2017)”

Miles Cooper Seaton – Phases in exile (Vaggimal records / Trovarobato, 2016)

755pm_Digifile 3 ante E (con 2 tasche esterne per inserimento cd

Articolo di Giovanni Carfì

“You can find me on all major corporate social media platforms,but I prefer direct communication”

Questo è ciò che un internauta comune si trova a leggere nel sito di Miles Cooper Seaton; una frase banale, ma significativa per poter capire la genesi di questo disco introspettivo, che nasce da grandi spazi, vissuti ed esplorati alla continua ricerca della giusta dimensione, che si scopre poi essere più piccola e intima del previsto…ma procediamo con ordine. Continua a leggere “Miles Cooper Seaton – Phases in exile (Vaggimal records / Trovarobato, 2016)”

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑