Artemoltobuffa – Las Vegas nel bosco (Lavorarestanca – 2014)

Postato il Aggiornato il

artemoltobuffa
Articolo di Eleonora Montesanti

Las Vegas nel bosco, il nuovo lavoro di artemoltobuffa (Alberto Muffato) prodotto da Fabio De Min (Non voglio che Clara), è uno scrigno pieno di piccoli eventi quotidiani appoggiati su un morbido cuscino fatto di delicatezza e fantasia. Undici tracce dalle sonorità limpide ed essenziali, un esperimento di cantautorato con un immenso valore poetico, nel quale si affronta un viaggio in una geografia scombinata e senza tempo, dove nulla è dove dovrebbe essere. Le esperienze di un adulto vengono affrontate con quella purezza e quella capacità di sorprendersi tipiche dell’animo dei bambini. La saggezza lascia spazio alle domande, agli stravolgimenti, alla natura e alla volontà di ampliare i propri orizzonti, al fine di vivere più serenamente.


Si comincia da
Il bello delle onde, un brano che ricorda Samuele Bersani, soprattutto dal punto di vista timbrico. Esso è una metafora tra le onde e i fatti della vita: il bello delle onde è che non una è uguale all’altra, non farti mai opinioni, ognuna ha una storia a sé. Si può provare a prepararsi ad affrontare il futuro, ma ci sarà sempre l’imprevedibilità ad avere la meglio. Ciò non è necessariamente un fattore negativo, come ci spiega Alberto Muffato in Una piega del tempo, un pezzo dagli arrangiamenti più sporchi e stratificati, improntato sulla dicotomia causa – effetto e sulla capacità di aggrapparsi perdutamente all’irripetibilità di ogni istante. Questa canzone è un vero e proprio inno al carpe diem, a vivere senza ponderare troppo, presupponendo che qualunque momento può essere incredibile e rivoluzionario.
La title track si divide in due parti sparse all’interno del disco; la prima è una canzone atipica e articolata, senza strofe e ritornelli ben delineati, con una coda finale inaspettata e la ripetizione ossessiva del tema di Super Mario Bros. L’uso del linguaggio è geniale e divertente nel descrivere una sala giochi scoperta dentro ad un bosco, in quello che sembra il racconto di un’estate adolescenziale, quando tutte le esperienze appaiono incredibili. La seconda si trova quasi in chiusura e riprende le scie melodiche della prima, solo in maniera più massiccia e curata, quasi a voler chiudere un cerchio.
L’entusiasmo adolescenziale ritorna anche in una delle ballate più trasognate del disco,
Fino a lunedì, una storia d’amore a distanza vissuta in età adulta, dove anche l’attesa stessa diventa un sentimento, una presenza ormai familiare quanto l’Eurostar che, ogni settimana, fa scendere la persona amata e fa scoppiare il cuore di gioia. L’altro fiore all’occhiello di Las Vegas nel bosco è Fiori d’ombra. Fino ad ora solo Peter Pan aveva colto l’importanza della propria ombra! Una dedica densa di immagini figurative ingegnose volte a sottolineare che non saremo mai soli finché potremo camminare dentro i ritagli della nostra ombra, la quale, anche se ci perdiamo, può sempre ricalcare il nostro profilo per farci ritrovare.
L’album si chiude con
Il crepuscolo, una reinterpretazione di Grace Cathedral Park dei Red House Panters assolutamente azzeccata e I testoni, un pezzo che vede la partecipazione di Mario Pigozzo Favero (Valentina Dorme) e valorizza le ossessioni: chi insiste, chi non si arrende nonostante i denti continuamente spaccati contro lo stesso muro merita di finire dentro a una canzone.
Las Vegas nel bosco
, artemoltobuffa dimostra che con la semplicità, l’estrema delicatezza e la purezza compositiva si può costruire un disco colmo di ricchezze, da custodire sempre nel cuore e tirare fuori quando si sente la necessità di trovare un nome alle cose.

 

Tracklist:
01)      Il bello delle onde
02)      Las Vegas nel bosco (parte 1)
03)      Fino a lunedì
04)      I terrapieni
05)      Fiori d’ombra
06)      Tenere assieme
07)      Sentimento scaligero
08)      Il crepuscolo
09)      Una piega del tempo
10)      Las Vegas nel bosco (parte 2)
11)      I testoni

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...