Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Autore

Off Topic Magazine

Voci fuori dal coro

Alex Prager – Silver Lake Drive @ Fondazione Sozzani, Milano

A R T E – M O S T R E


Articolo di Mario Grella

Cosa hanno in comune Alex Prager e Duane Hanson? Apparentemente niente: una è nata in California, l’altro nel Minnesota, una è fotografa e regista, l’altro era uno scultore. Eppure passeggiando nel fascinoso “premier étage” di Corso Como, quello della Fondazione Sozzani, il legame tra i due appare più che evidente. Solo che mentre le figure di Hanson sono sculture iperrealiste, quelle di Prager sono fotografie; “artificiale” VS “reale” verrebbe da dire. Ma in entrambi è sempre l’iconico e raggelante concetto di “realtà” a dominare la scena.

Continua a leggere “Alex Prager – Silver Lake Drive @ Fondazione Sozzani, Milano”

L’anima di Battisti rivive in Gianmarco Carroccia @Teatro Politeama Mario Foglietti, Catanzaro – 8 novembre 2019

L I V E – R E P O R T


Emozioni – viaggio tra le canzoni di Mogol e Battisti

Articolo di Iolanda Raffaele

Mi ritorni in mente è l’espressione giusta per lo spettacolo andato in scena venerdì 8 novembre al Teatro Mario Foglietti Politeama di Catanzaro. Il giovane cantante Gianmarco Carroccia, con la sua voce e il suo volto molto somigliante, ha fatto rivivere Lucio Battisti, interpretando la sua anima e il suo modo di intendere la musica, passando da una canzone all’altra ed attraversando epoche e sentimenti diversi.
Immedesimazione, ma anche originalità, così Carroccia dimostra di non essere un imitatore, ma un conoscitore ed un talentuoso artista; di saper entrare in un altro corpo senza perdere la sua identità; di seguire le orme di uno dei maggiori cantanti della storia italiana e non solo, con un proprio carattere, timido, riservato e manierato.
L’ultimo capitolo musicale di questa edizione del Festival d’Autunno si apre con la dolce Emozioni, tra lo stupore del pubblico e l’accompagnamento magistrale dell’orchestra di ben sedici elementi diretta dal maestro Marco Cataldi.

Continua a leggere “L’anima di Battisti rivive in Gianmarco Carroccia @Teatro Politeama Mario Foglietti, Catanzaro – 8 novembre 2019”

Ritorno a Reims di Thomas Ostermeier @ Piccolo Teatro Studio Melato, Milano – fino al 16 novembre 2019

T E A T R O


Articolo di Mario Grella

Al Teatro Studio di Milano ho praticamente visto due spettacoli. Il primo un “reading”, quello del magnifico libro del filosofo e sociologo francese Didier Eribon, “Ritorno a Reims”, il secondo, “Ritorno a Reims” del grande regista tedesco Thomas Ostermeier. Un capolavoro di “introspezione politica”, se così si può dire, il primo, uno spettacolo un po’ pretestuoso il secondo. Certo l’operazione non era delle più semplici, anzi di una complicazione unica, e l’idea, per risolvere il dilemma di come trasporre per il teatro un diario interiore di meditazione politica, era davvero difficile. Ostermeier lo mette in scena ideando tre piani narrativi: il primo dove un‘attrice, un regista e un tecnico del suono lavorano al commento sonoro di un film tratto dal libro di Eribon.

Continua a leggere “Ritorno a Reims di Thomas Ostermeier @ Piccolo Teatro Studio Melato, Milano – fino al 16 novembre 2019”

Michael Chapman @ Spazio Ligera – Milano, 6 novembre 2019

L I V E – R E P O R T


Articolo di Giuseppe Spanò Greco, immagini sonore di Antonio Spanò Greco

Come passare una serata speciale? Semplice. Ingredienti: un locale in cui non sei mai stato, un musicista mai ascoltato dal vivo e che non vedi l’ora di conoscere, una serata di pioggia e un po’ di strada da fare. Condisci il tutto con quanto basta di curiosità e piacere della scoperta. Tutto da servire lentamente per assaporare ogni emozione.

Continua a leggere “Michael Chapman @ Spazio Ligera – Milano, 6 novembre 2019”

Canova Trio @ Opificio, Novara – 7 novembre 2019

A P P U N T I  D A  N O V A R A J A Z Z


Articolo di Mario Grella

Ho finito la scorsa settimana con Canova (Antonio) alle Gallerie d’Italia di Milano e vado a terminare questa con Canova (Trio) all’Opificio per la stagione di Taste of Jazz. Solo che il Canova Trio di classico ha poco e di Neoclassico nemmeno a parlarne. Io che sono novarese di nascita, ma spiritualmente apolide (anche se mi piacerebbe assai essere cosmopolita), non sapevo nemmeno che Canova fosse un piccolo borgo della Val d’Ossola.

Continua a leggere “Canova Trio @ Opificio, Novara – 7 novembre 2019”

Enrico Intra – Soundplanets (Taste Rec., 2019)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

Ho sempre nutrito qualche pregiudizio di troppo su Enrico Intra. Nel suo modo di concepire il jazz, ci vedevo, anzi ci sentivo, un sentore di musica preconfezionata, con qualche strizzata d’occhio di troppo verso il mercato discografico. Lo so, si tratta di un pregiudizio e so anche che Enrico Intra è stato ed è un grande musicista, con grandi successi internazionali alle spalle e con una esperienza musicale che oggi si definirebbe “a 360 gradi”, esperienza che travalica i confini del jazz, per sconfinare in molti generi musicali diversi.

Continua a leggere “Enrico Intra – Soundplanets (Taste Rec., 2019)”

Nicolò Carnesi “Ho bisogno di dirti domani”: viaggio nel tempo tra Palermo e Milano

I N T E R V I S T A


Articolo di Luca Franceschini

“Che cos’è il tempo? Se nessuno me lo chiede, lo so bene: ma se volessi darne spiegazione a chi me ne chiede, non lo so”. Inizia così la celebre riflessione di Agostino, che ne “Le confessioni” prova a dare ragione di un tema tanto scontato quanto controverso. Non so se Nicolò Carnesi abbia mai letto il filosofo di Ippona ma di sicuro ne ha, almeno indirettamente, raccolto la provocazione. Ho bisogno di dirti domani, sua quarta fatica in studio, riflette infatti sul tema del tempo, scomponendone le tre dimensioni, passato, presente e futuro, nel tentativo di trovare una qualche verità, un punto fermo per uscire dall’impasse nella quale sembriamo, come consorzio umano, essere sprofondati negli ultimi anni. Un disco snello, agile, che si discosta dalle sperimentazioni e da una certa prolissità che si poteva intravedere nel precedente Bellissima noia e approda ad una dimensione che gli è in qualche modo più consona, più vicina alle sonorità di Una galassia nell’armadio, al momento il suo lavoro più rappresentativo.
Un disco, questo suo ultimo, solo apparentemente semplice, però: perché dietro alle melodie di facile presa e ad un lavoro magnifico di Synth e chitarre, mai così in simbiosi come adesso, si nasconde una malinconia non ben definita e un senso di precarietà dell’esistenza da cui si prova ad uscire provando appunto a recuperare un senso unitario delle dimensioni temporali nelle quali siamo costantemente immersi. Che il tentativo abbia successo o meno, “Ho bisogno di dirti domani” è un disco bellissimo, tra i migliori usciti quest’anno in Italia, cosa che non fa che accrescere la domanda sul come mai al cantautore palermitano non sia ancora stato riconosciuto lo status che meriterebbe. Nell’attesa di risposte, lo abbiamo chiamato per telefono per farci raccontare qualcosa di più del disco e della sua personale visione dell’esistenza.

Continua a leggere “Nicolò Carnesi “Ho bisogno di dirti domani”: viaggio nel tempo tra Palermo e Milano”

due – Luca Lezziero e Stefano Giovannardi [anteprima video e intervista]

I N T E R V I S T A


Articolo curato da Luci

Avevamo già  particolarmente apprezzato l’album d’esordio come solista di Luca Lezziero. Ora, torna con un nuovo progetto che condivide con l’amico e collega Stefano Giovannardi. Abbiamo il piacere di mostrarvi in anteprima il video del brano Argilla, primo singolo estratto dal disco che verrà pubblicato l’8 novembre.

Per cominciare a conoscere i contenuti di questo inedito incontro musicale abbiamo contattato direttamente i due artisti ponendo loro alcune domande in proposito…

Continua a leggere “due – Luca Lezziero e Stefano Giovannardi [anteprima video e intervista]”

Chris Horses Band – Dead End & A Little Light [Intervista e Recensione]

L O O M  &  V A N I S H


Articolo di Antonio Spanò Greco

Ormai ci ho preso gusto nell’accompagnare l’intervista ad un giovane artista con la recensione del suo imminente lavoro. Questa nuova puntata di Loom & Vanish è dedicata a Cristian Secco, chitarrista trevigiano di 25 anni ma con alle spalle già 10 anni di palchi, partecipazioni e collaborazioni varie, soprannominato il “cowboy delle tre provincie”, impossibile non notarlo ai concerti dei più svariati artisti a cui, quando non suona direttamente, partecipa. Il prossimo 8 novembre uscirà ufficialmente Dead End & A Little Light, l’album d’esordio della Chris Horses Band, da lui fondata e capitanata.

Continua a leggere “Chris Horses Band – Dead End & A Little Light [Intervista e Recensione]”

WordPress.com.

Su ↑