Eleonora Montesanti

Far finta di essere G – Al Teatro Leonardo di Milano, un viaggio moderno nella poetica di Giorgio Gaber

Postato il Aggiornato il


Articolo di Eleonora Montesanti

Sabato 11 novembre, al Teatro Leonardo di Milano, ho avuto l’immenso piacere di assistere a Far finta di essere G, uno spettacolo di Lorenzo Scuda e Davide Calabrese degli Oblivion (gruppo musical-teatrale) che da anni viene messo in scena nei maggiori teatri italiani. Si tratta un omaggio divertente e raffinato ispirato alla poetica di Giorgio Gaber attraverso musica e recitazione.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Unòrsominòre: un brontolone con la chitarra elettrica

Postato il Aggiornato il

Articolo di Eleonora Montesanti

Un nuovo disco di unòrsòminore, Una valle che brucia, è stato una vera e propria folgorazione per la sottoscritta. Cantautorato asciutto e contenuti tutt’altro che rassicuranti sono il mezzo tramite cui Emiliano Merlin – vero nome dell’artista veneto, che oltre ad essere cantautore è anche astronomo – racconta la propria verità, unendo sfumature sia poetiche, sia violente, proprio come accade nel mondo reale. Intervistarlo è servito per entrare ancora più profondamente nel disco, ma non solo. Abbiamo parlato di animali, della vastità dell’universo, di demoni e di eroi. Buona lettura!
Leggi il seguito di questo post »

Carenne, una bestia libera – intervista a la bestia Carenne

Postato il

Articolo di Eleonora Montesanti

Ho conosciuto la musica de la bestia Carenne incuriosita dalla descrizione che la band fa della propria musica: “Immaginate se per uno strano scherzo del tempo i cantautori italiani del Folkstudio si trovassero catapultati al Club to Club (n.d.r. un festival di musica avant-pop ed elettronica) e viceversa. Ecco, il suono de la bestia CARENNE sta lì.”
Non si può, dunque, non essere curiosi quando nella musica non solo c’è necessità, ma c’è anche ricerca. Così ho scambiato una lunga chiacchierata con loro proprio in occasione del loro ultimo disco, Coriandoli. Ne è uscita un’intervista irrinunciabile. Buona lettura! 

Leggi il seguito di questo post »

TUTTI SU PER TERRA! Con gli Eugenio in Via di Gioia

Postato il Aggiornato il

Presentazione del disco all’Arci Ohibò di Milano, 24 aprile 2017

Articolo di Eleonora Montesanti, immagini sonore di Arianna Guastini

Tra i nuovi fenomeni della musica italiana indipendente, gli Eugenio in Via Di Gioia sono indubbiamente i miei preferiti. Giovani, freschi, autentici e illuminati.
Leggi il seguito di questo post »

Nada Trio – La posa (Warner Music Italia, 2017)

Postato il Aggiornato il

Articolo di Eleonora Montesanti

Quella del trio Nada, Fausto Mesolella e Ferruccio Spinetti è una storia speciale. La loro prima collaborazione risale al 1994, quando insieme hanno dato vita a un album che concettualmente non è troppo differente da quello uscito poche settimane fa: il loro marchio stilistico, infatti, consiste nel rielaborare canzoni già esistenti, riducendole all’osso e rendendole atemporali e immortali, grazie al calore della voce di Nada, ai pizzichi del contrabbasso di Ferruccio e alla chitarra funambolesca di Fausto.

Leggi il seguito di questo post »

Todo Modo @ Biko – Milano, 11 aprile 2017

Postato il

Articolo di Eleonora Montesanti, immagini sonore di Alberto Mori

E’ stato un concerto potente e coinvolgente, quello di martedì 11 aprile al Biko di Milano, dove i milanesi Todo Modo hanno presentato il loro secondo disco appena uscito, Prega per me.

Leggi il seguito di questo post »

Les Fleurs des Maladives: essere una rock band negli anni dieci

Postato il

Articolo di Eleonora Montesanti

Il Rock è morto è il secondo album dei Les Fleurs des Maladives, prodotto da Max Zanotti. A tre anni dalla pubblicazione del precedente disco la band è tornata con un nuovo lavoro che affronta i temi dell’attualità incentrandoli sul valore profondo di Rock come concetto e attitudine. Proprio per quest’occasione abbiamo scambiato quattro chiacchiere con il trio comasco, che come sempre si dimostra essere determinato, sincero e famelicamente rock’n’roll.
Leggi il seguito di questo post »