Eleonora Montesanti

Todo Modo @ Biko – Milano, 11 aprile 2017

Postato il

Articolo di Eleonora Montesanti, immagini sonore di Alberto Mori

E’ stato un concerto potente e coinvolgente, quello di martedì 11 aprile al Biko di Milano, dove i milanesi Todo Modo hanno presentato il loro secondo disco appena uscito, Prega per me.

Leggi il seguito di questo post »

Les Fleurs des Maladives: essere una rock band negli anni dieci

Postato il

Articolo di Eleonora Montesanti

Il Rock è morto è il secondo album dei Les Fleurs des Maladives, prodotto da Max Zanotti. A tre anni dalla pubblicazione del precedente disco la band è tornata con un nuovo lavoro che affronta i temi dell’attualità incentrandoli sul valore profondo di Rock come concetto e attitudine. Proprio per quest’occasione abbiamo scambiato quattro chiacchiere con il trio comasco, che come sempre si dimostra essere determinato, sincero e famelicamente rock’n’roll.
Leggi il seguito di questo post »

In viaggio con gli Stag “verso le meraviglie” – l’intervista

Postato il

Articolo di Eleonora Montesanti

Gli Stag sono una band romana che nasce dal progetto musicale solista di Marco Guazzone. “Verso le meraviglie” è il loro nuovo album, un disco che è come una mappa con le coordinate per luoghi e mondi fantastici e inesplorati. Con una partecipazione di Marco a Sanremo Giovani, molte colonne sonore scritte per film e fiction televisive, canzoni scritte in veste autorale, il tutto sommato all’attività live, eravamo certi che gli Stag avessero qualcosa di bello da raccontarci. In effetti, così è stato…
Leggi il seguito di questo post »

Umberto Maria Giardini – Futuro proximo (La Tempesta Dischi, 2017)

Postato il

Articolo di Eleonora Montesanti

Quando mi capita di cercare un esempio per parlare di un artista dall’identità solida mi viene sempre in mente Umberto Maria Giardini. Fin dai tempi in cui era Moltheni, il cantautore toscano non ha mai avuto nessun dubbio nel mostrare il proprio stile. La certezza della propria identità artistica, infatti, è il punto più forte ed evidente della poetica di Umberto Maria Giardini, ma il suo potere evocativo, il suo Talento con la T maiuscola, è quello di circumnavigarla, renderla elastica e mai uguale a se stessa.
Leggi il seguito di questo post »

“Evoluzione è la parola chiave”: intervista a La Scala Shepard

Postato il

Articolo di Eleonora Montesanti

La Scala Shepard è una band romana, nata a fine 2014 tra le strade trasteverine. Proprio da questo quartiere la formazione trae la più grande fonte d’ispirazione: le persone, il contatto, gli sguardi, le storie, i matti, le suonate e le notti folli. Questo e tanto altro è la loro Trastevere, il loro suono.
Ad agosto 2015 è stato rilasciato il primo album in studio completamente autoprodotto, intitolato “Di Passaggio”. Nel 2016 esce “Eureka”, secondo lavoro in studio. Sette brani che sono mondi a sé stanti, come se casualmente si incontrassero sette persone, completamente diverse l’una dall’altra, dentro una stanza, e scoprissero con piacere che riescono ad andare d’accordo fra loro. E magari si trovano pure un po’ simpatiche. Abbiamo ascoltato questo bellissimo Ep, innamorandoci dei loro suoni e delle loro storie, così abbiamo deciso di scambiare due chiacchiere con loro.
Buona lettura! (e non perdetevi il video!)

Leggi il seguito di questo post »

Hope You’re Fine Blondie: “Le scene musicali hanno cambiato il mondo.”

Postato il Aggiornato il

Articolo di Eleonora Montesanti

Gli Hope You’re Fine Blondie (Paolo, Luca e Nicola) sono un trio trevigiano che ha da poco pubblicato il primo disco ufficiale, “Quasi”. Il loro sound è essenziale e, al contempo, riesce ad essere sia violento, sia poetico. Abbiamo fatto una chiacchierata con loro e ne è uscito qualcosa di profondamente interessante e intelligente. Gli Hope You’re Fine Blondie vi colpiranno per la loro lucidità e per la loro determinazione. Buona lettura!
Leggi il seguito di questo post »

Luca Carocci: La musica è viaggio, scoperta e funzionalità.

Postato il Aggiornato il

Articolo di Eleonora Montesanti

Ascoltando “Missili e somari”, il nuovo disco del cantautore romano Luca Carocci, ho pensato di volere a tutti i costi intervistare quest’artista così attento e delicato. Le storie narrate nelle sue canzoni sono storie di vita dense di sfaccettature in cui è facile e confortante ritrovarsi. Ho fatto quattro chiacchiere con Luca, e siamo arrivati fino al punto in cui il cielo si confonde con il mare.
Leggi il seguito di questo post »