Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

ACT

Vincent Peirani – Jokers (Act Records, 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Talamazzi

Vincent Peirani, ovvero l’eclettico. Il costruttore di reticoli melodici inaspettati, lo sperimentatore “gentile” a cui piace pescare idee in territori sempre diversi, anche lontani dalla sua mentalità di navigato jazzista. Alla ancor fresca età di 42 anni Peirani si butta a capofitto in una costruzione “a trois” come quella che edita questo nuovo disco, Jokers. Ma in questa circostanza, con la sua fisarmonica, imbastisce una formazione anomala, insieme al chitarrista italiano Federico Casagrande – lo ricordiamo, oltre che per i suoi lavori da titolare, anche per le numerose collaborazioni, ad esempio con Francesco Bearzatti ed Enrico Pieranunzi tra gli altri – ed al batterista israeliano Ziv Ravitz, nome poco conosciuto ma che ha all’attivo diverse partecipazioni con gente come Joe Lovano, Lee Konitz, Avishai Cohen. Fisarmonica dunque, insieme a chitarra e batteria. Ma che tipo di jazz si può suonare con una formazione non canonica come questa? In Jokers ci sono molte influenze rock, pop, tradizionali e tre “omaggi” dichiarati a Marilyn Manson (!!), all’autrice britannica Bishop Briggs ed ai Nine Inch Nails. L’impressione è che la conformazione jazz, più che in prima linea, sia rimasta tra le quinte, come un regista teatrale che controlli seminascosto lo svolgimento della sua opera. Anzi, il sospetto che l’improvvisazione sia minoritaria, in questo lavoro, si fa strada proprio perché la struttura musicale sembra molto studiata, più affidata alle partiture che non all’estro estemporaneo dei musicisti. Questo però non toglie nulla al valore complessivo dell’album, eccitante e divertente, per molti versi spiazzante ma che dimostra il volitivo desiderio di Peirani di mantenere ferma la direzione della sua strada, aperta a millanta influenze, senza farsi condizionare da stereotipi o peggio ancora dall’abitudine. Un percorso quasi visionario, comunque assai ricco di spunti fantastici e sottintese simbologie.

Continua a leggere “Vincent Peirani – Jokers (Act Records, 2022)”

Joel Lyssarides – Stay Now (ACT Records, 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Talamazzi

Nonostante gran parte dei pianisti jazz americani ed europei abbiano avuto a che fare, direttamente o indirettamente, con la musica classica, è proprio in Europa e soprattutto al Nord che l’influenza dei grandi maestri dal ’700 al ‘900 ha fatto maggiormente avvertire la propria presenza. Una radice sentimentale che continua ad avvilupparsi attorno alle idee musicali contemporanee non per soffocarle, bensì per far confluire almeno parte di quella voce sublime del passato nell’eccitazione della contemporanea novità. La fusione che ne deriva è manifesta in questo album del trentenne pianista svedese Joel Lyssarides, giunto attualmente al terzo disco da leader ma al primo per l’etichetta tedesca ACT. Stay Now si presenta così, con una scrittura molto ma molto classica, quasi come se il jazz fosse l’ultima appendice di un movimento storico iniziato da Bach e continuatosi dagli anni ’40 del ’900 fino ad oggi. Quello che avviene in questo album non è un semplice “reenactment”, Lyssarides non è un collezionista di oggetti archeologici. Guidato quasi esclusivamente dal sentimento – c’è effettivamente non troppa Ragione nel suo pianismo – l’autore si lascia avvolgere dall’incantesimo di una musica che si fonda sulla melodia, grande protagonista di questa avventura discografica. Una melodia che a tratti prende addirittura il sopravvento fino a sfiorare impercettibilmente l’ingenuità con il suo sviluppo orizzontale che prevale sull’architettura verticale armonica, per quanto possibile sia differenziare i due concetti. Le sue note potrebbero essere per la maggior parte cantate, riprodotte a memoria alla stregua di canzoni e se per alcuni questo può essere un limite ricordo come la tradizione dei lieder, delle romanze, dell’Opera italiana costituiscano una forte ossatura nella storia della Musica, fino al pop dei giorni nostri. Lyssarides, nel suo forte spirito romantico, lavora molto sulla nostra capacità di ricordare “quel tempo della nostra vita mortale”, cioè tende a spingere il pedale sulla riflessiva rimembranza del passato e del resto alcuni titoli dei suoi brani, come Chimera, Echoes, The Last Verse non fanno altro che corroborare quest’idea di meditata analisi del Tempo. Risplende quindi tra le sue note un indefinito senso di luminosa eufonia, un bagliore leggermente sfocato e sospeso in una nuvola di vaga nostalgia. C’è più Ottocento che Novecento nella sua musica, il piano è più vicino a Brahms o a Schumann che non a Ravel o Debussy.

Continua a leggere “Joel Lyssarides – Stay Now (ACT Records, 2022)”

Emile Parisien – Louise (ACT Records, 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Talamazzi

Possiamo veramente affermare che, nel caso del quarantenne sassofonista francese Emile Parisien, un festival jazz come quello di Marciac – su YouTube circolano molti concerti registrati nel corso degli anni in questa località dell’Occitania – sia stato un importante propulsore della sua attività professionale. Proprio in questa manifestazione Parisien ha avuto l’opportunità di testare le proprie capacità strumentali con partner di livello come Wynton Marsalis, Clark Terry, Bobby Hutcherson e altri ancora. Con questo suo nuovo album Louise egli celebra i dieci anni di sodalizio con ACT potendo contare alfine su una dozzina di dischi prodotti finora in carriera, tenendo conto anche di quelli pubblicati con altre etichette. Il sax dentro cui soffia Parisien è il soprano ma in questo caso non vale l’usuale paragone con Coltrane. Niente trascendenze, niente rabbia, Parisien si avvicina alle sonorità pulite di un Sidney Bechet anche se l’essenza musicale è molto diversa. Il nitore sonoro del suo strumento si mantiene costante anche nei momenti più concitati, conservando una particolare nuance luminosa ed una mercurialità personalissima nel passare tra i diversi stati emotivi proposti dalla sua musica. Nel caso di questo suo ultimo lavoro, Parisien ha organizzato una band che in realtà è un vero e proprio ponte culturale tra gli USA e l’Europa, distribuendo ruoli e tendenze tra personalità differenti che trovano in questo frangente l’occasione per creare una propositiva collaborazione. Ci sono quindi tre musicisti americani come lo straordinario batterista Nasheet Waits – un propellente ritmico alla Art Blackey ma calato ovviamente ai giorni nostri – la tromba vellutata di Theo Crocker – nipote del trombettista Doc Cheatham – e il contrabbasso di Joe Martin. I componenti europei, oltre allo stesso Parisien, sono il francese Manu Codjia alla chitarra elettrica e l’italiano – naturalizzato francese – Roberto Negro al pianoforte.

Continua a leggere “Emile Parisien – Louise (ACT Records, 2022)”

Adam Bałdych Quintet – Poetry (ACT, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Talamazzi

Non so come si debba sentire un giovane musicista che già all’età di 16 anni è stato definito “prodigioso” dalla critica musicale del suo Paese, la Polonia. E che attualmente, compiute trentacinque primavere, venga valutato come uno tra i migliori violinisti al mondo, capace di muoversi tra composizioni jazz e classiche con la medesima elegante sicurezza. Presumo che tutta l’attenzione ad oggi ricevuta in carriera e la ferma determinazione caratteriale abbiano contribuito a condurre Adam Bałdych al suo decimo disco da solista – Poetry – il settimo per la ACT di Siegried Loch. Con un percorso per certi versi analogo a quello di altri musicisti che vengono dal jazz – mi vengono in mente le ultime esperienze discografiche di un pianista come Omar Sosa, ad esempio – il violinista polacco, giunto ad un punto cruciale della sua evoluzione musicale, si è accorto di come la disciplina tecnica, così fondamentale per la sua formazione, gli sia diventata stretta e insufficiente nel raccontare i suoi momenti più intimi, ad esempio l’attuale felicità di giovane padre, avendo appunto dedicato questo suo ultimo album alla moglie Karina e al figlio Teodor. Cercare nuovi spazi di silenzio tra le note, dilatare la sintassi sonora, rallentare l’impeto esecutivo diventano quasi dei dogmi in Poetry, che regala un’impressione di tranquilla, estatica omogeneità d’intenzione. Più che la sensazione di una raccolta di diversi brani abbiamo invece l’impressione di una lunga, suadente suite che si distenda dalla prima nota fin quasi all’ultima sequenza sonora, laddove appaiono invece, come vedremo, alcune imprevedibili e stimolanti differenze. La tensione comunicativa, strutturata con fraseggi relativamente semplici e condotti in piena sobrietà, tende a raggiungere un pubblico più ampio rispetto a quella dimensione di nicchia elitaria che caratterizza attualmente il jazz europeo.

Continua a leggere “Adam Bałdych Quintet – Poetry (ACT, 2021)”

Lars Danielsson Liberetto – Cloudland (ACT, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Talamazzi

Arrivato alla quarta esperienza col suo ensemble Liberetto, il contrabbassista e violoncellista svedese Lars Danielsson fa ruotare alcuni compagni di viaggio attorno al trio stabile costituito, oltre che da lui stesso, dai fedelissimi Magnus Ostrom – chi non si ricorda degli E.S.T.? – e John Parricelli, rispettivamente alla batteria e alle chitarre. In questa occasione troviamo Gregory Privat che sostituisce definitivamente Tigran Hamasyan al piano, Arve Henriksen alla tromba e Kinah Azmeh al clarinetto. Cloudland viene completato dopo un obbligato coitus interruptus dovuto al lockdown, cosicchè questo lavoro iniziato nel 2019 ha potuto essere completato, finalmente, solo quest’anno. L’ascolto dell’album evidenzia una sua propria complessità ritmica che però scompare, come in un abile gioco di prestigio, nel fluire spontaneo della musica. Provate infatti a battere il piedino per seguire il ritmo, se ne siete capaci. Non immaginatevi però percussioni forsennate, ansiogene accoppiate basso-batteria di quelle che non fanno respirare. Questa polimetria di battute si svolge in un clima di serena tranquillità in cui l’aspetto poetico è predominante nonostante vi siano tempi ritmici dispari e sovrapposti. Il ruolo di un sontuoso batterista come Ostrom e la capacità di illuminare i dettagli delle cadenze da parte del contrabbasso di Danielsson non fanno minimamente avvertire il peso della complessità totale della struttura. La “classe”, infatti, è la capacità di rendere il difficile come fosse la cosa più naturale del mondo. Da questo punto di vista la classe di questo gruppo è altissima.

Continua a leggere “Lars Danielsson Liberetto – Cloudland (ACT, 2021)”

WordPress.com.

Su ↑