Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Aldo Pedron

SirJoe Polito – My Friend Ry (Gutenberg Music / Caligola Records, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Aldo Pedron

Ry Cooder è un maestro indiscusso della chitarra bottleneck e probabilmente lo strumentista più eclettico e poliedrico che il rock abbia mai prodotto. La sua abilità e versatilità non si limita ad un eccelso stile compositivo ed esecutivo ma è soprattutto un abilissimo tessitore e rielaboratore di canzoni e melodie altrui, un piccolo genio che con il suo inconfutabile modo di riarrangiare traditional o pezzi sconosciuti e dimenticati li trasforma in ultima analisi come fossero pezzi di sua scrittura.

Operazione ardua, anzi difficilissima quella di reinterpretare Ry Cooder senza copiarlo o dissacrarlo, Sergio Polito, in arte SirJoe (classe 1960 da Mestre, Venezia) invece c’è ampiamente riuscito. Si capisce subito quando amore e passione sono sinceri e Sergio Polito ci dimostra dalle prime note la sua genuinità, ricamando con le sue chitarre i giusti fraseggi in un omaggio a Cooder onesto e rispettoso, quasi avesse voluto imparare dal celebre chitarrista californiano quella lezione di come si re-interpretano i brani altrui.

Continua a leggere “SirJoe Polito – My Friend Ry (Gutenberg Music / Caligola Records, 2021)”

Settore Out – fANTASMI (Fragile Dischi, 2020)

R E C E N S I O N E


Recensione di Aldo Pedron

I Settore Out sono stati (sono) un gruppo italiano rock con influenze new-wave e con una propensione nei testi verso la canzone d’autore formatosi a Milano (band vizzolese di Vizzolo Predabissi) nel giugno del 1985 (a cinque) ed attivo fino al 1996 (diventati un sestetto nel frattempo).

O almeno così sembra, già perché il tempo forse è certezza o magari solo un’opinione. Nascono nel 1985 ma non si sono mai sciolti, sono scomparsi e riapparsi ora con un nuovo disco che nuovo non è perché inciso tempo addietro nel 1996!

Continua a leggere “Settore Out – fANTASMI (Fragile Dischi, 2020)”

Brian Wilson – At My Piano – His Classic Hits Reimagined For Solo Piano (Decca, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Aldo Pedron

Brian Wilson è quel genio che per oltre tre decenni (o tra i venti e i quarant’anni) di grande ispirazione (naturalmente non per tutta la carriera) ha contribuito più di ogni altro a conferire nuova linfa al canzoniere popolare americano rompendo e stravolgendo le più semplici convenzioni appartenenti al linguaggio musicale moderno esercitando una profonda influenza sui musicisti della propria generazione e di quelle successive.

Brian Wilson nel suo singolare microcosmo ha saputo coniugare con disinvoltura George Gershwin (Rhapsodie In Blue), il rock and roll di Chuck Berry, il jazz vocale dei Four Freshmen, The Penguins (Doo-Wop), Burt Bacharach, Paul McCartney, Randy Newman, The Ronettes, il Wall Of Sound di Phil Spector mettendoci del suo senza paragoni e senza precedenti. Nella sua brillante carriera anche da solista non è mai stato riluttante a rivisitare il passato. Ha inciso e rispolverato pochi anni fa l’inedito Smile, ha scritto due autobiografie ed è stato soggetto di due documentari ai quali ha contribuito.

Continua a leggere “Brian Wilson – At My Piano – His Classic Hits Reimagined For Solo Piano (Decca, 2021)”

Maurizio Galli – I solchi della storia – Gli avvenimenti che hanno ispirato grandi musiche (Vololibero Edizioni, 2021)

L E T T U R E


Recensione di Aldo Pedron

I Solchi della storia nasce dall’intuizione di raccontare avvenimenti storici, epocali, legati a fatti, storie, cronache e date importanti abbinandoci altrettante musiche e canzoni sul tema. Il libro dedica 22 capitoli ad altrettanti avvenimenti che servono per raccontare una lunga colonna sonora rock con tanto di ricordi, reminiscenze e tappe esistenziali. Capitoli agili e stuzzicanti con dovizia di particolari e dettagli in cui Maurizio Galli ha davvero trovato episodi d’importanza mondiale che hanno segnato il mondo intero. Avvenimenti tragici, di crisi, deportazioni, guerre, assassini, stragi, massacri, golpe, tregua e liberazione ma in tutti Galli ha trovato il lieto fine oppure un messaggio di solidarietà per farci sentire uniti o più forti per uscire da questi buchi neri.

© Luca Muffatti
Continua a leggere “Maurizio Galli – I solchi della storia – Gli avvenimenti che hanno ispirato grandi musiche (Vololibero Edizioni, 2021)”

One Flower Left – One Flower Left (Filibusta Records, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Aldo Pedron

Un progetto che si muove tra influenze jazz, musica elettronica e un pop elegante. Un disco pubblicato dalla Filibusta Records un’etichetta indipendente fondata nel 2014 e con distribuzione digitale Believe Distribution Services. I One Flower Left (torinesi) sono al loro disco d’esordio anche se i musicisti singolarmente hanno già precedenti esperienze. In particolare segnaliamo Alessandra Patrucco, cantante e insegnante presso Klang una scuola di musica e un nuovo spazio dedicato ai bambini e agli adulti di qualsiasi età che desiderino imparare la musica in maniera creativa. Originaria di Casale Monferrato ma che vive a Torino. È docente di tecniche vocali presso la Piccola Accademia della Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani di Torino e tiene corsi per bambini e adulti presso la Casetta della Musica a Torino. Da diversi anni Alessandra Patrucco conduce laboratori sulla voce indirizzati ad adulti e bambini e corsi di formazione sulla didattica del canto presso le scuole pubbliche ed enti privati di Torino e del territorio piemontese. Cantante alla voce e all’elettronica, ha scritto tutti i 10 brani, una compositrice ed interprete che ha creato un linguaggio personale in cui confluiscono gli interessi per il jazz, il pop, la musica elettronica, la tradizione popolare e l’improvvisazione. Un’artista assai attiva sulla scena europea che ha già pubblicato di suo tre album solisti: Circus (2006), Varda La Luna/Sasa (2006) e Majin/Dindùn inciso in trio nel 2013 con Angelo Conto e il ghirondista Francesco Busso. Ha collaborato con diversi artisti come Pierre Favre di Zurigo, la ICP Orchestra di Amsterdam, ecc. A Barcellona ha creato e diretto il gruppo vocale Mondo Aereo che ha ottenuto il riconoscimento Agita e Conca per nuove creazioni, ha creato il progetto Ramat de So in residenza artistica presso Cal Gras (Avinyo’-Barcelona). Sempre a Barcellona conduce workshops per cantanti professionisti, laboratori di tecnica vocale e canto di gruppo presso alcuni Centri Civici.

Continua a leggere “One Flower Left – One Flower Left (Filibusta Records, 2021)”

Claudio Fasoli 4et – Next (Abeat Records, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Aldo Pedron

Claudio Fasoli è sassofonista, compositore, docente che collabora con riviste musicali scrivendo testi teorici, articoli e recensioni. Nato a Venezia ma milanese d’adozione è in attività dal 1970. La sua popolarità gli giunge quando inizia a far parte del quintetto Perigeo, uno dei gruppi più celebri in assoluto di sperimentazione jazz negli anni 70, assieme a Franco D’Andrea e Giovanni Tommaso e realizzano molti dischi superbi ed interessanti per la RCA che tuttora sono assai ricercati dai collezionisti. Una band che si fa notare ed apprezzare oltretutto con un numero infinito di performance dal vivo. La band si scioglie nel 1978. Claudio Fasoli insegna alla Civica scuola di musica “Claudio Abbado” di Milano.

Continua a leggere “Claudio Fasoli 4et – Next (Abeat Records, 2021)”

Emanuele Sartoris & Daniele Di Bonaventura – Notturni (Caligola Records, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Aldo Pedron

Due artisti, musicisti, compositori di ottima levatura, impegnati in vari progetti ed incisioni.

Emanuele Sartoris unisce un’intensa attività concertistica a quella didattica, dai seminari fino all’insegnamento presso il Conservatorio di Torino ed approdato alla musica jazz frequentando seminari di improvvisazione e orchestrazione fino al diploma e la Laurea in Composizione ed Orchestrazione Jazz sotto la guida di Dado Moroni. In questo periodo è impegnato discograficamente in tre progetti con il chitarrista Maurizio Brunod nel suo Ensemble dove è presente anche Daniele di Bonaventura, in Woland disco del quale è co-firmatario insieme al percussionista Massimo Barbiero e la violinista Eloisa Manera e un disco a 4 mani con il pianista classico Massimiliano Gènot dal titolo Totentanz-Evocazioni Lisztiane. Emanuele Sartoris è un attivissimo pianista oltre ad essere protagonista del programma Nessun Dorma della RAI con l’ensemble Night Dreamers.

Daniele di Bonaventura nato a Fermo nelle Marche, compositore-arrangiatore, pianista-bandoneonista. Una formazione musicale di estrazione classica (diploma in Composizione) iniziata a soli 8 anni con lo studio di pianoforte, violoncello, della composizione e della direzione d’orchestra. Ha suonato nei principali festival italiani ed internazionali. Nel 2014 ha collaborato alla colonna sonora del film Torneranno i prati diretto da Ermanno Olmi. A Marzo 2015 ha pubblicato un CD in duo con Paolo Fresu sempre per la ECM intitolato In Maggiore e in contemporanea il film-documentario Figure musicali in fuga del regista Fabrizio Ferraro in cui vengono ritratti i due musicisti durante la sessione di registrazione a Lugano insieme a Manfred Eicher. Al suo attivo più di 90 dischi con svariate etichette ed edizioni.

Questo nuovo progetto invece è un disco interamente dedicato ai notturni e alle sue atmosfere rarefatte, brani originali firmati da Emanuele Sartoris e Daniele di Bonaventura.

Continua a leggere “Emanuele Sartoris & Daniele Di Bonaventura – Notturni (Caligola Records, 2021)”

Rosario Giuliani, Pietro Lussu – Tribute to Bird (Emme Record Label, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Aldo Pedron

Tribute To Bird è un viaggio nell’immaginario e nella poetica di uno dei più grandi musicisti di tutti i tempi, Charlie Parker. Si tratta del più recente lavoro del sassofonista Rosario Giuliani e del pianista Pietro Lussu, due tra i musicisti più rappresentativi del Jazz italiano, uniti da oltre due decenni (dal 1996) di collaborazioni e di amicizia. Un sodalizio artistico fra il sassofonista e il pianista assai duraturo, di vecchia data, figlio non solo dell’immensa stima reciproca, ma anche di un profondo rapporto umano, tanto che condividono un’infinità di palchi a tutte le latitudini e numerosissimi studi di registrazione.
Non un semplice omaggio al genio di Charlie Parker, bensì un tuffo nell’intelletto di un grande artista che parte dal rispetto per la tradizione. Il sassofonista di Terracina (Latina), noto anche per la sua presenza ad Umbria Jazz Winter ha deciso di dedicare un album al grande sassofonista e icona del Bop, Charlie “Bird” Parker. Charlie Parker raccontò di avere accidentalmente “creato” il bebop mentre improvvisava suonando Cherokee, un brano di Ray Noble. I brani di Charlie Parker sono standard ma fuori da ogni convenzione.
Un progetto che nasce nel centenario della sua nascita (Charlie Parker è nato il 29 agosto 1920 a Kansas City). La musica di Parker è già stata suonata da chiunque, per cui questo progetto senza basso e batteria prende un significato speciale nella rilettura e nuova interpretazione e con uno stimolo inedito per il duo che propongono la sua musica con grande rispetto.

Continua a leggere “Rosario Giuliani, Pietro Lussu – Tribute to Bird (Emme Record Label, 2021)”

The J. & F. Band – Me And The Devil (Long Song Records, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Aldo Pedron

L’etichetta milanese Long Song Records di Fabrizio Perissinotto (classe 1971) nata nel 2005 è una delle label più attive sul mercato discografico nell’ambito jazz, rock, free-jazz, avant-garde, jam. Un catalogo davvero notevole ed interessante con la pubblicazione negli ultimi 15 anni di una sessantina di album! Una sorpresa davvero sapere che qui dietro l’angolo o comunque sul web o scrivendogli direttamente scoprirete veri tesori. Perissinotto è affascinato dal crossover creato dal Miles Davis di Bitches Brew che aveva tracciato nuovi percorsi, nuove vie, free-jazz, rock e improvvisazione. Da qui l’idea di artisti e progetti da lui diligentemente creati che sposassero la sua causa e lo possiamo dire, i risultati non sono mancati.

In questa occasione però vi voglio segnalare e consigliare una magnifica triade, un progetto degli ultimi quattro anni con l’esito di tre dischi eccellenti:

The J. & F. Band (Jaimoe & Joe Fonda) – From The Roots To The Sky (novembre 2018). Doppio CD.

The J. & F. BandCajun Blue (febbraio 2020).

The J. & F. BandMe And The Devil (aprile 2021).

Continua a leggere “The J. & F. Band – Me And The Devil (Long Song Records, 2021)”

WordPress.com.

Su ↑