Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Hugo Race

Hugo Race – Italia, visioni cinematografiche e ricordi

I N T E R V I S T A


Articolo e immagini di Claudia Losini

Incontro Hugo Race prima del live al Blah Blah di Torino, il 26 maggio. Lui, insieme ai Fatalists, sta concludendo in questi giorni il tour che l’ha portato, dopo 2 anni, a girare l’Italia. Si avvicina con caffè e una fetta di crostata, ci sediamo e cominciamo a chiacchierare di come sia andato il concerto della sera precedente a Milano, con un pubblico molto caloroso. Parliamo dell’Italia, delle piccole differenze che si possono notare tra il pubblico proveniente dalle varie regioni e città, e del fatto che ogni luogo abbia una sua caratteristica da rivendicare e con cui abbellirsi. Mi racconta dell’Australia, delle sue distanze enormi e delle relative complessità nell’organizzare i tour che si svolgono nelle principali città, arrivando poi al ritmo lento, naturale, siciliano.
Ho sempre avuto una deferenza nei confronti degli artisti di alto livello e calibro, ma Hugo mi mette a mio agio, è una persona allo stesso tempo affascinante, umile e accomodante. Comincio con il chiedergli come mai abbia proprio deciso di trasferirsi in Sicilia, tra tutti i luoghi…

Continua a leggere “Hugo Race – Italia, visioni cinematografiche e ricordi”

Hugo Race Fatalists – Once Upon a Time in Italy (Santeria Records, 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Claudia Losini

Once Upon a Time in Italy è il nuovo disco di Hugo Race, che ci ha lavorato, insieme ai Fatalists e a Georgia Knight e TJ Howden, negli ultimi due anni. L’album contiene 10 nuove canzoni fortemente emotive e una cover – Hurdy Gurdy Man di Donovan.
Già l’anno scorso aveva pubblicato l’album Dishee, anch’esso concepito e scritto durante il lockdown, un periodo di forzatura e costrizione per il musicista, abituato a essere sempre in movimento, che l’hanno portato a esorcizzare il momento.

Continua a leggere “Hugo Race Fatalists – Once Upon a Time in Italy (Santeria Records, 2022)”

Hugo Race and The True Spirit – Star Birth : Star Death (Gusstaff Records, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Claudia Losini

Difficile al giorno d’oggi, per qualsiasi artista non lasciarsi coinvolgere dal rapido susseguirsi degli eventi. Nemmeno Hugo Race, con oltre trent’anni di attività alle spalle e quindici album, può rimanere indifferente alla contemporaneità.
Nasce così Star Birth : Star Death, un doppio album dove vengono svelate due facce della stessa medaglia, l’ombra della caduta e lo slancio della rinascita. Due antitesi costrette a vivere insieme.
Registrato a cavallo tra gli incendi che hanno devastato l’Australia e la pandemia globale, questo è un album che necessariamente riflette la realtà del momento. Race spiega che quando le stelle si allineano, tutto acquista un senso, anche questo susseguirsi di catastrofi apparentemente sadiche che si accavallano tra loro.

Hugo Race @ 75 Beat – Milano – 24 Marzo 2014

IMG_9276

Testo di ElleBi
Immagini sonore di Andrea Furlan

Ci sono uomini che hanno nel dna una classe e un magnetismo ai quali è difficile sfuggire. Osservo con occhio inizialmente distratto un gruppetto di persone che sta per entrare al 75 Beat. Il mio sguardo però si ravviva immediatamente nel momento in cui intravedo una figura elegante che, avanzando con passo lento e dinocollato, attrae inesorabilmente la mia attenzione. E’ Hugo Race, cantante, musicista e produttore australiano, giramondo per vocazione. Nella sua lunga carriera ha collaborato con centinaia di musicisti impegnandosi in decine di progetti. Dagli inizi con Nick Cave & the Bad Sees fino al recentissimo album con i Dirtmusic, progetto interculturale registrato a Bamako, Mali.

Continua a leggere “Hugo Race @ 75 Beat – Milano – 24 Marzo 2014”

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑