Adam Green – Aladdin (2016 – Rough Trade Records)

Postato il

adam green aladdin

Articolo di Roberto Bianchi

Adam Green è un artista estremamente eclettico nato nel 1981 a Mount Kisco, cittadina di 12.000 abitanti nello stato di NY.
A metà degli anni 90 ha formato con l’amica Kimya Dawson il gruppo “The Moldy Peaches”, pubblicando l’album omonimo nel 2001.
I loro brani furono successivamente utilizzati nella colonna sonora del film indipendente “Juno”. Gli spettacoli “live” del duo, molto energici e fantasiosi, contribuirono ad accrescere la notorietà degli artisti, che hanno fatto da spalla a gruppi come “The Strokes”.

Dal 2002 ha registrato nove album solisti che spaziano dall‘anti-folk alle sonorità indie, abbinando ottime melodie, una spruzzata punk e anche musica orchestrale con tanto di Viole e Violoncelli.
Le tematiche dei testi sono da sempre molto crude ed esplicite: sesso ed uso di droghe la fanno da padroni.
L’artista è molto apprezzato in Europa, in particolare in Francia, Germania e Scandinavia, dove le sue esibizioni sono spesso oggetto di culto.

Green non è solo un musicista, ma anche pittore, scultore e regista cinematografico.
Nel 2011 ha realizzato il film “The Wrong Ferarri”, completamente girato con un iPhone ed impossibile da etichettare: settanta minuti che mescolano dramma, commedia, video game, fantasy e psichedelia. Tra gli attori sono presenti alcuni musicisti amici come Devendra Banhart, Evan Dando e l’ex bambino prodigio Macaulay Culkin. La colonna sonora include brani dell’artista, tributi ad autori del passato quali Django Reinhardt, John Fahey, Scott Walker e si conclude con l’inaspettata “Mi Ritorni in Mente“ di Lucio Battisti. “The Wrong Ferarri” è visibile gratuitamente sul sito dell’artista, ed ha superato i 350.000 downloads.

Le sue opere pittoriche e le sculture sono state esposte in diverse gallerie di New York, ed in molte città europee.

“Hospital Bed” by Adam Green – Acrylic on Canvas – 36″ x 48″ – From “Cartoon And Complaint” 2012

Grazie ad una campagna di “crowdfunding”  tramite Kickstarter il suo nuovo progetto cinematografico “Aladdin” è stato portato a termine,  dopo più di tre anni di lavoro.
Il film, che prosegue il percorso surreale, visionario, simbolico ed intriso di ironica poesia, è una rivisitazione delle “Mille e Una Notte”. La trama ruota intorno alle disfunzioni familiari di Aladino, cantante indie-rock disoccupato; il tutto accade in una città media americana, dove governa un “Sultano” corrotto, che ha una figlia mondana e decadente. Lo strumento magico di Aladino è una “Lampada Stampante 3d”, che, insieme al Genio Mustafà, lo conduce in un viaggio dove si intersecano tecnologia, repressione, avidità e amore.

I set sono stati realizzati in cartapesta, utilizzando giornali, rubriche telefoniche, colle, pitture per la casa e centinaia di oggetti casuali: i colori psichedelici richiamano, ed estremizzano, lo stile di Alejandro Jodorowsky.
Adam si è, ancora una volta, circondato di amici artisti tra cui Andrew Van Wyngarden degli MGMT, Natasha Lyonne, il pittore italiano Francesco Clemente, Zoe Kravitz (figlia di Lenny), Alia Shawkat, Har Mar Superstar, Devendra Banhart, Bip Ling, Jack Dishel ed il già citato Macaulay Culkin.

La colonna sonora del film è composta da Green con la produzione è di Noah Georgeson, che suona anche le tastiere. Collaborano il cantautore brasiliano Rodrigo Amarante (piano, chitarra  e sax), Josiah Steinbrick (basso, tastiere e chitarra) e Stella Mozgawa (batteria e percussioni).

Spesso si fanno paragoni con artisti del passato, caricando sulle spalle dei nuovi autori pesanti fardelli.
Stiamo parlando di un musicista follemente originale, che spazia dalle radici fino ai suoni d’avanguardia, senza mai scordare la melodia delle canzoni. Queste caratteristiche trasportano i miei pensieri verso figure di riferimento “sacre” come Frank Zappa: i suoni sono diversi, così come i tempi, ma il concetto é molto simile, figlio di una geniale apertura mentale.

Il Cd è suddiviso in venti tracce che includono sei intermezzi narrativi. Musicalmente c’è tutto quello che ci si può aspettare dall’ex “Moldy Peach”: sezioni d’archi, suoni vintage, tristi ballate e testi opportunamente stravaganti, che riprendono una brillante giocosità già presente nei primi lavori. La profonda voce di Adam, un po’ alla Roy Orbison, riveste i suoni in modo impeccabile.

Tra i brani vorrei segnalare la calda ed avvolgente “Fix My Blues,Someone Else’s Plane”, che mescola sapientemente psichedelica e melodia, e la breve ed intensa “Never Lift a Finger”, che unisce tristezza e sorrisi con una magica alchimia. Ci sono poi l’intermezzo caraibico di “Birthday Mambo”, cantato da Rodrigo Amarante ; la divagazione cyber-surf di “Chinese Dance Theme”ed  una spruzzata di pop barocco con  “Nature Of The Clown”. Una sterzata verso gli anni ’50 e ‘60 caratterizza “Do Some Blow (With me)”, “Phoning In The Blues” e Trading Our Graves”.

Ho ascoltato più volte la colonna sonora, che ritengo piacevole e “seriamente” leggera, ma la completezza dell’opera si apprezza nel binomio “film + musica”, da non perdere assolutamente!!!

In attesa della prossima evoluzione artistica, farò di tutto per assistere ad un concerto di Adam Green, e sarà mia premura rendicontare a chi “amorevolmente” ci legge.

Tracklist

  1. Fix My Blues
  2. God=Humans
  3. The Moldy Peaches
  4. Aladdin Are You OK?
  5. Someone Else’s Plan
  6. Time Chair
  7. Never Lift a Finger
  8. TechnoFungal Insect Species
  9. Birthday Mambo
  10. Chinese Dance Theme
  11. Me From Far Away
  12. Do Some Blow (With Me)
  13. I Only Take Cocaine
  14. Phoning in the Blues
  15. Trading Our Graves
  16. Life in a Videogame
  17. No Masterpiece Policy
  18. Interested in Music
  19. What Is Dying Like?
  20. Older Man (bonus track)

Annunci

Un pensiero riguardo “Adam Green – Aladdin (2016 – Rough Trade Records)

    […] artista newyorkese di cui ho recentemente recensito la colonna sonora del film Aladdin (leggi qui […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...