Antonio Spanò Greco

Stolen Apple – Trenches (Audioglobe, 2016)

Postato il Aggiornato il

Articolo di Antonio Spanò Greco

Lavoro d’esordio del gruppo fiorentino Stolen Apple, fondato nel 2008, composto da quattro elementi, tutti provenienti da precedenti esperienze, e uscito nel settembre del 2106. A dire il vero nel 2015 sul loro sito pubblicarono When We Rise album composto da 11 tracce ma purtroppo non riuscirono a distribuirlo materialmente. Si definiscono alternative indie rock post punk rock psychedelic e il loro nome prende spunto dalla vicenda di Ernst Lossa, ragazzo tedesco di etnia Jenisch, ucciso a soli 14 anni nel 1944 a seguito della demenziale eutanasia selvaggia operata dal regime nazista, portata in scena in uno dei suoi spettacoli teatrali da Marco Paolini. Ernst nel suo ultimo periodo in vita aiutava i detenuti più bisognosi di cure rubando loro delle mele.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Bellinzona Blues Sessions 2017 – The Blues is back in a New Town!

Postato il Aggiornato il

Articolo e fotografie di Antonio Spanò Greco

Per il terzo anno consecutivo, dalle ceneri del famoso Piazza Blues Festival, una combriccola di amici che va sotto il nome di Coopaso Music Events riporta in Piazza del Governo, nella splendida cittadina ticinese di Bellinzona, il Blues. The blues is back…in a new town! è la dichiarazione scelta per presentare l’edizione 2017 delle Bellinzona Blues Sessions perché la rassegna si è rinnovata e migliorata sia dal punto di vista organizzativo che da quello artistico e logistico, sia perché questa è la prima edizione nella nuova città di Bellinzona frutto dell’aggregazione di 13 comuni. Non a caso quindi saranno 13 i concerti che, nell’arco di tre giornate dal 22 al 24 giugno, animeranno il centro storico della città.

Leggi il seguito di questo post »

Paolo Bonfanti & Fabio Marza Band – Nightmare a Cantù

Postato il Aggiornato il

1

Articolo di Giuseppe Spanò Greco Immagini sonore di Antonio Spanò Greco

Il 20 gennaio nel locale dello storico “all’1,35 circa…” in quel di Cantù, in una gelida notte di un inverno, per molti, da incubo, si sono fuse le gesta di un pezzo di storia del blues italico e di un brandello di quella fucina di giovani ed eclettici musicisti del più recente blues nostrano.

Paolo Bonfanti, frequente ospite dell’amico Carlo, noto ed apprezzato conduttore di questo anfiteatro notturno, ha incrociato le note delle corde della sua chitarra con quelle del nuovo amico, Fabio Marzaroli, mescolando le proprie sonorità e sensibilità a quelle della Marza Blues Band.
Leggi il seguito di questo post »

The Gutbuckets – Gasfire Rag

Postato il

the-gutbuckets-gasfire-rag

Articolo di Antonio Spanò

The Gutbuckets vuol dire letteralmente “secchi di budella”, ma non è questo il significato che ci interessa. Il secchio di interiora chiesto di straforo al macellaio, rappresenta il pasto principale e una delle materie prime più utilizzate dai musicisti meno abbienti, soprattutto neri, della tradizione proto jazzistica americana. Questo termine è infatti diventato sinonimo di jazz delle origini (vedi ad esempio GutBucket Blues di Louis Armstrong con gli Hot Five). Formazioni così, definite anche jug band, eseguivano materiale folklorico o anche jazzistico a partire dalla metà degli anni Dieci, sostituendo i costosi ottoni con strumenti di fortuna. Il jug al posto della tuba o del sassofono, il mandolino e la chitarra al posto del piano, il kazoo al posto della tromba. Leggi il seguito di questo post »

Bayou Moonshiners – Living Live (Autoproduzione, 2016)

Postato il Aggiornato il

1

Articolo di Antonio Spanò Greco 

Immagini sonore di Antonio Spanò Greco e Adriano Siberna

Gioioso, sincero, emozionante e coinvolgente: questo è Living Live lavoro d’esordio del progetto a nome Bayou Moonshiners.

Dietro questo nome originale si cela il duo formato da Stephanie Ghizzoni e Max Lazzarin, nomi ormai consolidati nel panorama blues italiano, che da poco hanno deciso di unire le forze e celebrare in musica il proprio amore sconfinato per la città e soprattutto la musica di New Orleans.
Leggi il seguito di questo post »

Mora & Bronski – 2 (Autoproduzione, 2016)

Postato il Aggiornato il

mora-bronski-2

Articolo e immagini sonore di Antonio Spanò Greco

Le luci si spengono, i commensali si allontanano e gli artisti, reduci dal palco di un concerto rock, si ritirano nel camerino ancora fradici di sudore, carichi di adrenalina e immensamente stanchi, ma non per la musica. Ed è così che dopo essersi rifocillati si ritrovano seduti impugnando una chitarra, le mani e i piedi che tengono il tempo: le canzoni che amano prendono così forma in un dietro le quinte a notte inoltrata.
Leggi il seguito di questo post »

Una serata con gli Ardy Blues Band – Teatro San Michele – Bregnano (Co) – 3 Dicembre 2016

Postato il

img_1232

Articolo di Giuseppe Spanò Greco Immagini sonore di Antonio Spanò Greco

Una serata d’inverno può essere scaldata in molti modi, ma nessuno è economico come una serata di blues. Già. Quando ci si incammina per andare ad ascoltare gli Ardy Blues Band  non sai mai cosa faranno, ma sei sicuro che ti scalderanno l’anima, il cuore e fin anche il corpo perché, ne puoi star certo, ci sarà ottima musica. Loro non fanno il solito blues e non sempre fanno blues. La loro musica, qualunque sia, è sempre impregnata di blues e anche quando affrontano una cover, non è mai scontata e soprattutto, non è mai uguale all’originale anche quando la riconosci. C’è sempre qualcosa che la contraddistingue, che la personalizza, che…non ti fa star fermo anche quando caschi dal sonno o dalla stanchezza. Ma quella sera ci avrebbero sorpreso.
Leggi il seguito di questo post »