Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Audioglobe

Don Antonio – La bella stagione (Santeria / Audioglobe, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Roberto Bianchi

Antonio Gramentieri è un apprezzato chitarrista, oltre che giornalista, scrittore, produttore e compositore. È stato il fulcro dei Sacri Cuori, gruppo prevalentemente strumentale con influenze blues, folk e psichedeliche. Ha collaborato con moltissimi artisti di valore come Dan Stuart, Alejandro Escovedo, Hugo Race, Robyn Hitchcock, Richard Buckner, Marc Ribot, Steve Wynn, Nada, Massimiliano Larocca, Giulio Casale e i Pan Del Diavolo.
Con il nome d’arte Don Antonio nel 2017 ha completato il suo primo disco solista, miscelando la musica mediterranea con sonorità magrebine e ritmi caraibici; ha poi rafforzato il sodalizio con il musicista texano Alejandro Escovedo pubblicando l’ottimo The Crossing.
Dopo tre anni di apparente calma il camaleontico Artista ci sorprende con La Bella Stagione, un disco di canzoni, farcite di belle parole e suoni inaspettati. Questa volta Don Antonio è tornato nella sua Romagna, descrivendoci il suo mondo, le proprie radici: ci ha messo la faccia, e anche la voce!
Se questo non bastasse Don Antonio ha scritto in contemporanea un libro omonimo di brevi racconti; due operazioni non cumulative ma legate da un sottile filo conduttore: il legame con il passato, che segna il nostro cammino e inevitabilmente ritorna, quando meno te lo aspetti. L’interessante libro merita un dedicato approfondimento, che potrete leggere a breve sulle nostre pagine.

Continua a leggere “Don Antonio – La bella stagione (Santeria / Audioglobe, 2021)”

l’Albero – Solo al Sole (Santeria Records/Audioglobe, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Stefania D’Egidio

l’Albero nasce dal progetto solista di Andrea Mastropietro, in precedenza già componente del gruppo The Vickers con il quale aveva solcato i palchi di mezza Europa, compreso quello del Primavera Sound Festival di Barcellona nel 2014. Dopo l’album di debutto Oltre quello che c’è, accolto favorevolmente dalla critica, e l’EP Allegria del marzo scorso, è uscito in novembre Solo al Sole, edito da Santeria Records, registrato da agosto a dicembre 2019 tra Lari, Bologna e Firenze.

Continua a leggere “l’Albero – Solo al Sole (Santeria Records/Audioglobe, 2020)”

Deadburger Factory – La Chiamata (Snowdonia/Audioglobe, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Stefania D’Egidio

A sette anni da La Fisica delle Nuvole, il prossimo 20 novembre uscirà il nuovo album di Deadburger Factory, La Chiamata, edito da Snowdonia/Audioglobe; una pausa lunga, ma ricca di collaborazioni che hanno dato vita a diversi progetti paralleli.
Da quel lontano 1996 in cui la band esordì, vincendo, Arezzo Wave, la Deadburger è sempre stata un work in progress, capace di passare da una formazione a due ad un vero e proprio open ensemble, a seconda delle esigenze artistiche, alternando periodi di intensa produzione in studio a numerose esibizioni live. Questa bipolarità ha reso possibile mantenere fede alla loro missione: quella di sperimentare e reinventarsi continuamente senza cedere alla tentazione di ripetersi a solo scopo commerciale.

Continua a leggere “Deadburger Factory – La Chiamata (Snowdonia/Audioglobe, 2020)”

Pasquale Aprile – Crossing My Mind (Il Popolo del Blues/Audioglobe, 2018)

Articolo di Antonio Spanò Greco

Quando al proprio esordio un musicista ci propone nove canzoni cariche di energia pura, rock, blues e funk con tale e tanta forza comunicativa, tale musicista merita la nostra attenzione. Pasquale Aprile, classe 1980 di Nola (Na), fin da giovane si appassiona di musica: “mi sono avvicinato alla musica alle scuole medie, notando subito una forte passione per gli strumenti a fiato, per poi a quattordici anni passare al sax tenore affascinato dal suo suono”.

Continua a leggere “Pasquale Aprile – Crossing My Mind (Il Popolo del Blues/Audioglobe, 2018)”

Amerigo Verardi – Hippie Dixit (The Prisoner Records/Audioglobe-Believe, 2016)

Articolo di Roberto Bianchi

Amerigo Verardi, da Brindisi, è un esponente storico della psichedelia rock italiana. Nella seconda metà degli anni ottanta fondò gli Allison Run, che furono un fulmine a ciel sereno: due Ep e un album stellare, testi in inglese e composizioni di grande qualità. Le recensioni furono ottime sia in Italia sia all’estero, così come il successo commerciale. Con lui suonavano Alessandro Saviozzi a chitarra, voce e tastiere, Mimo Rash a batteria, percussioni e voce, Umberto Palazzo al basso e Sabo Sabbetta alle tastiere.
Una piccola parentesi personale: Alessandro Saviozzi è stato il mio grande amico d’infanzia, dai sette ai tredici anni abbiamo condiviso tutto il nostro tempo libero, la nostra spensieratezza, i sogni e le grandi speranze. Con lui ho cominciato ad ascoltare Beatles, Pink Floyd e Rolling Stones. Un giorno si è trasferito da Gallarate a Brindisi e i nostri contatti si sono pian piano diradati, ho però seguito con affetto la sua carriera e colgo l’occasione per salutarlo con tanto affetto!


Continua a leggere “Amerigo Verardi – Hippie Dixit (The Prisoner Records/Audioglobe-Believe, 2016)”

WordPress.com.

Su ↑