Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

[Pias]

Dropkick Murphys – This Machine Still Kills Fascists (Dummy Luck Music /[PIAS], 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Giuseppe Grilli

A ottobre è uscito il nuovo album dei Dropkick Murphys, la celtic punk band americana attiva dal 1996, che mescola folk irlandese con sano punk rock americano; a molti boomers ricordano i Pogues, ma anche gli Stiff Little Fingers o The Real MacKenzies. L’undicesimo album dei Dropkicks Murphy (da qui in poi DKM), è un omaggio a Woody Guthrie il menestrello della working class americana. Il titolo prende il nome dal motto scritto sulla sua chitarra “This machine kills fascists”, con l’aggiunta di “Still”.
Con l’assenza temporanea del cantante Al Barr, il gruppo si è lanciato in un progetto che giaceva nel cassetto già da un pò di tempo: riprendere testi inediti di Woody Guthrie, dare un nuovo suono e farne un album.
Con l’aiuto della figlia, Nora Guthrie, il cantante/bassista/autore Ken Casey e gli altri membri della band, hanno potuto avere accesso all’archivio dei testi e scegliere tra diversi inediti.
Anche se, a dire la verità, nel 2004 i Dropkick Murphys avevano già cantato un altro inedito di Woody Guthrie: la famosa “Shipping Up To Boston” arrangiata in chiave celtic punk, il sound tipico della band.

Continua a leggere “Dropkick Murphys – This Machine Still Kills Fascists (Dummy Luck Music /[PIAS], 2022)”

Röyksopp – Profound Mysteries ([PIAS], 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Claudia Losini

The inevitable end dei Röyksopp sembrava un dichiarazione di intenti, e di fine. Uscito nel 2014, era quasi un commiato alla musica così come l’abbiamo sempre intesa. Avevano infatti affermato che quello sarebbe stato l’ultimo lavoro pubblicato con la “classica forma di disco”. Otto anni dopo Svein Berge e Torbjørn Brundtland tornano sulle scene con Profound Mysteries, un lavoro che abbraccia la nuova filosofia del duo norvegese: è stato infatti anticipato da un corto intitolato Nothing but ashes e da un portale dove si invitava a “premere R” per ascoltare stralci musicali differenti. Dallo stesso portale si può accedere inoltre a una serie di cortometraggi, tutti accompagnati dai nuovi brani. Un progetto audio visuale a tutti gli effetti, non un’idea innovativa nel genere, ma sicuramente un mezzo efficace per il concept del disco, ossia quello di raccontare la fascinazione per il mistero, l’infinito e l’impossibile. Per questo, il portale si apre su un nuovo simbolo, una sorta di triscele intrecciato come se fosse un triangolo di Penrose: un chiaro richiamo a un immaginario mistico, a un altro universo e alla magia.

Continua a leggere “Röyksopp – Profound Mysteries ([PIAS], 2022)”

White Lies – As I Try Not To Fall Apart ([Pias], 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Andrea Notarangelo

I White Lies pubblicano il loro sesto album ed è tempo di bilanci. Alcune band sperimentano una crescita esponenziale, altre, come nel caso specifico, debuttano con un disco clamoroso e negli anni a venire restano alla mercé di un pubblico pronto a paragonare ogni nuova uscita con quel primo vagito, ormai considerato pietra angolare di ogni giudizio. La band non se ne cura e questo è un bene, ma resta concentrata sulla costante ricerca dello sviluppo del proprio sound, che volente o nolente, è figlio legittimo della new wave inglese. Si alza il sipario, le tastiere di Am I Really Going To Die si mescolano ai toni di voce profondi di Harry McVeigh e come in una macchina del tempo sonora, veniamo trasportati direttamente negli anni ’80. Persi nella ripetizione disperata del verso “Sto davvero andando a morire?” Con As I Try Not To Fall Apart, la title track, si ribadiscono una volta di più quelle che sono le coordinate nelle quali si muovono i White Lies, con una predilezione per band quali Sound e The Cahemeleons. Si tratta infatti di un suono che non è più dark, anzi che non lo è mai stato, ma che fatica ad andare a nozze con il new romantic, restando pertanto in sospeso in un limbo dolceamaro pulsante e ricco di tensione.

Continua a leggere “White Lies – As I Try Not To Fall Apart ([Pias], 2022)”

EELS – Extreme Witchcraft (E Works Records / [Pias], 2022)

R E C E N S I O N E


Recensione di Andrea Notarangelo

Tornano gli EELS, progetto personale di Mark Oliver Everett. Classe ’63, dal 1996, da quel diamante grezzo che rispondeva al nome di Beautiful Freak e dopo la consacrazione avvenuta due anni dopo con Electro-Shock Blues, disco che lo portò alla ribalta a livello mondiale, ne è passata di acqua sotto i ponti. Mr. E, l’eclettico frontman, tra alti e bassi ha vissuto situazioni ai confini della realtà che lo hanno forgiato nello spirito e nel carattere. La sua valvola di sfogo è la musica, più precisamente il rock in tutte le sue sfaccettature e tra alti e bassi ha raggiunto oggi con Extreme Witchcraft il traguardo del quattordicesimo album in studio.

Continua a leggere “EELS – Extreme Witchcraft (E Works Records / [Pias], 2022)”

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑