Articolo di Iolanda Raffaele

A volte basta poco per creare tanto: alcune idee, una buona squadra che ti supporta e qualcuno che guardi nella tua stessa direzione.
Questa è la storia di On Air/On Art – Festival delle Radio Estensioni, progetto musicale e artistico creato da Mattia Canino, responsabile degli eventi del direttivo di Umg Web Radio, portato avanti con entusiasmo e sacrificio, dall’appassionato staff della web radio catanzarese, sotto la supervisione di Giulia Salustro, esperta di organizzazione e gestione di eventi.

Il festival, tenutosi nelle tre giornate del 15, 16 e 17 maggio, realizzato grazie all’appoggio della Fondazione Umg, di cui la radio è uno dei tanti progetti, presso l’Edificio delle Bioscienze, Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro, ha voluto dare spazio alle arti figurative, performative ed audiovisive per esaltare le potenzialità e le doti di alcuni dei tanti talenti di cui la Calabria è piena.

Il mondo della fotografia, della pittura e della scultura ha accompagnato tutta la rassegna con le esposizioni degli artisti intervenuti ed aderenti.
Così la realtà e l’immaginazione sono state immortalate negli scatti suggestivi dell’Associazione fotografica Cromatica; di Michela Greco; di Luce Catanzariti; di Arianna Celi; di Giovanni Morrone, docente del Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell’Università Magna Graecia di Catanzaro; di Walter Ieraci; di Guido Guglielmelli; di Michele Sansone; di Emily Pot e di Stefania Sammarro; nelle tele e nei disegni di Ilario Parentela; di Nicola Marotta; di Francesco Trunfio e dell’Associazione Altrove; di Giulia Buccafurni; di Giuseppe Marinaro; di Silvia Fasiello; di Delia Francesca Carbotti; di Luca Lioi e di Graziano Marascio che, tra tecniche e stili differenti, hanno rappresentato il loro modo personale di concepire l’arte.

Questa prima edizione si è tinta non solo di parole dette, ma anche scritte con gli interessanti libri degli scrittori: Roberta Cinaglia e “Il Risveglio della Fenice”; Giuseppe Todaro e “Il demone di Praga”; Fabrizio Massimilla e “Una vita per tre”; Elvira FrattoElly Ikurandji” e “Resalio”; con Nuria Vadalà e Debora Tammè, ideatrici insieme a Roberto Rizza del progetto di scambio e condivisione dei libri “Booksharing Catanzaro”, nonché Nunzio Belcaro, esponente di spicco della cultura libraria di Catanzaro.
Manifestare se stessi significa anche ritrovarsi nel fumetto come è accaduto al fumettista, scrittore e docente Danilo Sirianni alias Das e a Carlo Borsani, responsabile del Comicult; in creazioni più manuali come per Francesco Ferragina e le sue statuette, simpatiche riproduzioni di personaggi politici della scena attuale e non e del pontefice, tra umorismo e verità; in colorati live paintings come nel caso di Giuseppe Longo che, negli schizzi liberi e nei volti, ha saputo dimostrare tutto il fascino dell’arte dal vivo, che prende forma dal magico incontro di pannello, pennello e colore o addirittura nell’arte della cucina raffinata con i trucchi e le mille fantasie culinarie dello chef Valentina Amato.

Scandito da interviste, dirette in filodiffusione e dj set, il festival è stato un’occasione utile per discutere sul tema attuale e preoccupante delle fake news o bufale informative durante l’incontro, moderato da Giulia Salustro, con i docenti dell’Università Magna Graecia di Catanzaro: Tullio Barni, professore di Anatomia Umana; Donatella Malanga, professoressa di Biologia, e Antonio Cerasa, professore di Psicologia delle Comunicazioni, con cui si è inteso evidenziare la pericolosità e le possibili strategie per arginare questo problema, spesso mimetizzato e confondibile, ma tangibile negli effetti.
On air /On art – Festival delle Radio Estensioni ha aperto, inoltre, le porte alla musica, quella made in Calabria, che non teme rivali e di cui andare fieri per grinta, bravura e studio.


Hanno accolto con piacere l’invito a partecipare al giovane progetto: il duo LawrencePAD e StaiSereno, formato da Lorenzo Papasodero e Alessio Catanzariti, che ha presentato, tra l’altro, in anteprima il singolo “Confusione”, uscito il 18 maggio in vista dell’imminente album di debutto “Ali di Carta” (primo album di LawrencePAD); la bellissima e dolce rossa Roberta Castellano, in arte Roberta Cleo, che ha emozionato sulle note coinvolgenti di “Non ti perdere” e “Senz’anima”, in compagnia del musicista Luigi Greco, e i fantastici Nimby (Tommaso La Vecchia (voce, chitarra, synth), Aldo Ferrara (chitarra, cori), Francesco La Vecchia (chitarra, cori), Stefano Lo Iacono (basso, cori), Simone Matarese (batteria) e Raffaele De Carlo (flauti, cori) che hanno ripercorso alcune canzoni di“Nimby II”, secondo LP prodotto da Lumaca Dischi e Overdrive Rec, “un disco dal suono autentico e sincero, figlio della musica alternativa anglosassone degli anni ’90 e dei primi del 2000, ma che crea una linea di congiunzione con la cultura musicale italiana grazie a liriche surreali, visionarie e contemplative” – come definito dalla stessa band.

L’ultima tappa della rassegna è stata caratterizzata dal teatro con la presenza di esponenti del panorama calabrese che hanno illustrato i progetti e le attività artistiche di cui si occupano sul territorio e oltre: l’antropologa ed attrice Emi Bianchi, fondatrice dell’Associazione Confine Incerto; Giorgia Boccuzzi referente del Collettivo “ZTL – Zona Transitoriamente Libera”, composto dalla stessa, da Emi Bianchi, da Luigi Lacquaniti e da Teresa Zumaglini, progetto culturale e teatrale di rivitalizzazione e di riappropriazione del territorio urbano; Mariarita Albanese, attrice e rappresentante dell’Associazione culturale “Teatro di Calabria – Aroldo Tieri”; Francesco Passafaro, attore di teatro e responsabile del Cinema Teatro Comunale di Catanzaro e Pietro Monteverdi, curatore insieme a Gianmarco Saurino di Divina Mania, “bottega di cinema, teatro e videoclip, “l’embolo al cervello del teatro, che scalcia, strilla, strepita: resiste”.

Infine, Rosa Libero e Cristian Conforti hanno parlato di doppiaggio e di “Voice Over Academy”, un’opportunità importante per i giovani del Meridione per apprendere l’uso dei vari mezzi espressivi legati all’industria cinematografica, attuata mediante corsi di formazione, incontri con personaggi di esperienza, workshop a tema e altre iniziative allo studio; mentre il cinema ha concluso la manifestazione prima con la proiezione dei tre cortometraggi del regista catanzarese Alessandro GrandeMargerita, “In my prison” e “Bismillah”, pellicola con la quale ha vinto l’ultimo David di Donatello, del cortometraggio “Al giorno d’oggi il lavoro te lo devi inventare” del regista lametino Mario Vitale, infine con la proiezione del film “La La Land”, vincitore di ben sei premi Oscar.
In attesa di conoscere cosa ci attende per la seconda edizione, buona lettura e buona visione di alcune immagini di On air/On Art- Festival delle Radio Estensioni.

*Immagini di Iolanda Raffaele, Lucia Rao, Mattia Canino, Marco Trocino, UMG WEb Radio