R E C E N S I O N E


Recensione di Claudia Losini

Libera, pubblicato per l’etichetta inglese The sound of everything è l’ep di esordio di Le Marina, compositrice e cantautrice toscana, che ha vissuto per 10 anni a Londra. La sua narrazione è secca e profonda: l’ep chiede all’ascoltatore di addentrarsi nell’animo dell’autrice, in un costante dialogo tra io e ego, alla scoperta di ogni sfaccettatura che compone la sua persona. Non ci sono fronzoli in questa produzione, non è una pillola per edulcorare la solitudine o perdersi in un sogno. È l’incontro con una realtà, con il disagio di sentirsi soli, con la depressione e l’ansia, raccontate attraverso l’unico modo possibile per esprimersi, la musica, per poter finalmente trovare quella sensazione di libertà.

Libera è la narrazione di un percorso alla ricerca di questa libertà, cominciato con la costrizione della vita di provincia e culminato a Londra, città cosmopolita che spesso più che renderti libera ti fagocita nei suoi meccanismi e ti abbandona, lasciandoti in balìa di te stessa. E per Le Marina è soltanto quando ti trovi a confrontarti con te stessa che puoi trovare il modo di liberarti dai vincoli fisici e mentali e trovare una via d’uscita.
L’ep e i video, interamente prodotti da lei, sono quindi un’auto affermazione del sé, del proprio posto, della propria lotta.
E, in questo periodo di disagio, di forzature e abbandono a se stessi, quello che serve ora è una voce onesta, forse dura, che però parla alla rabbia, alla tristezza e alle emozioni che per la società non sono adeguate.
Forse soltanto Iosonouncane, con ‘La Macarena su Roma’ del 2010, è riuscito in modo quasi brutale a raccontare quello spaccato umano che non viene riconosciuto da un mondo che ci vuole di successo e sempre simpatici. Nel suo caso lo faceva urlando, mentre Le Marina lo fa in modo quasi subdolo, come una malattia mentale che ti attanaglia, sussurandoti parole dolci e terribili nelle orecchie.
Le Marina suona oscura e sussurrata, sensuale e ruvida, in un trip hop che richiama a Billie Eilish e FKA Twigs, affermandosi come una delle realtà più interessanti del panorama italiano.

Tracklist:
01. I Found a VHS
02. Say It Sad
03. I’ll Never Love You
04. Dead End
05. Trauma
06. You Decide