Funzionalità di ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

Antonio Sebastianelli

Lana del Rey – Chemtrails Over The Country Club (Virgin Records, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Antonio Sebastianelli

Cosa si intende per modernità oggi, soprattutto in ambito musicale? Difficile rispondere; nell’ultimo decennio almeno, al di là di una notevole quantità di buoni artisti e band, si è rimasti travolti da un perpetuo ritorno al passato. Un richiamo a forme e stilemi che se in un primo momento si limitava al recupero degli anni Ottanta, anche quelli meno nobili, ha poi cominciato a inglobare anche referenze ad altri decenni. E se presto avremo il disco anni Settanta di sua maestà St Vincent, ecco arrivare, lungamente rimandato e atteso, il nuovo lavoro di Lana Del Rey, omaggio a Joni Mitchell, in particolare a quella di Lady From the Canyon.
Con questo non si vuol lasciare intendere che Lana sia priva di personalità o talento, anzi, il suo revisionismo e aderenza a certi modelli passati è di certo più genuino e sentito di quello di molte colleghe. E riesce a stupire e lasciare il segno. Pur senza canzoni davvero destinate a durare, Chemtrails Over the Country Club si rivela sin dai primi ascolti opera di pregio e qualità, ipnotico, notturno quasi, immerso in quel languore da cui è facile farsi sedurre. Una voce evanescente, sottile, ottima per veicolare segreti e palpiti di un cuore tradito ma ancora affamato di vita e che si appoggia sovente su tasti e corde sfrigolanti. Si può criticare la facilità di alcune melodie ma l’intensità e il sentimento che muovono l’intero lavoro sono fuori discussione.

Continua a leggere “Lana del Rey – Chemtrails Over The Country Club (Virgin Records, 2021)”

Smashing Pumpkins – Cyr (Sumerian, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Antonio Sebastianelli

“Time is never time at all
You can never ever leave
Without leaving a piece of youth
And our lives are forever changed
We will never be the same”

[Smashing Pumpkins – Tonight Tonight (1985)]

Venti anni tondi. Tanti ne sono passati dal primo addio dei Pumpkins. Che sembrava definitivo: un’epoca gloriosa e disperata che si chiudeva; tante figure di primo piano cadute lungo la strada (Jeff e Kurt) e mille incertezze su quello che sarebbe stato il futuro della musica e del mondo. Lungo tutti gli anni Novanta Billy Corgan è stato per me, come per molti altri coetanei, una sorta di faro luminoso. Arrogante, individualista e strafottente come pochi altri. Ma anche coraggioso e indomito; il vero depositario di quel cuore di tenebra che batteva forte negli Smashing. Un cuore gonfio di speranza, di desiderio e di riscatto, non solo di oscuro nichilismo. A reggere tutta la baracca poi era un Sogno, lo stesso che aveva portato quattro sconosciuti, dal suburbio chicagoiano ai vertici delle classifiche di mezzo mondo.

Continua a leggere “Smashing Pumpkins – Cyr (Sumerian, 2020)”

Moltheni – Una Bellezza Senza Eredità

I N T E R V I S T A


Articolo di Antonio Sebastianelli

1999. Un anno cruciale per il sottoscritto, sia dal punto di vista musicale che personale, capace di evocare un’onda lunga di sensazioni ed emozioni che non si è ancora spenta. Lo stesso anno, incidentalmente ma neanche troppo, debuttava quello che sarebbe diventato uno dei cantautori più raffinati e significativi della canzone italiana: Umberto Maria Giardini in arte Moltheni. In grado di restituire l’intensità di personaggi come Nick Drake e Tenco, ma al contempo di incidere la stessa materia musicale sino a renderla qualcosa di nuovo, personale e unico. Un’esperienza artistica e umana durata dieci anni che oggi trova degna conclusione e quadratura del cerchio con questo ultimo album Senza Eredità. Raccolta di canzoni “perdute” amate e richieste dal pubblico ma che sinora non avevano trovato collocazione su un album ufficiale. Dopo la fine del progetto Moltheni, nel 2009, il nostro ha pubblicato con il suo vero nome ben quattro album; dall’intenso La Dieta dell’Imperatrice nel 2012 al furore elettrico di Forma Mentis dello scorso anno.

Continua a leggere “Moltheni – Una Bellezza Senza Eredità”

Francesco Bianconi – Forever (Ponderosa/BMG, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Antonio Sebastianelli

Sull’ultimo splendido numero di Linus dedicato a Battiato, Francesco Bianconi parla dell’incontro in giovanissima età con il maestro siciliano e la sua musica. Quello che ci racconta nelle ultime righe è esemplare del suo processo creativo e risulta perfettamente inserito nel canone artistico moderno; di chi tende sempre più ad emulare, che si tratti di stile musicale o anche di estetica, riproducendo all’infinito schemi e stilemi di un’altra epoca. Un tempo ci si distanziava dai maestri e si cercava una propria strada, oggi si accetta senza condizioni né tentennamenti il paragone e la sudditanza intellettuale.


Continua a leggere “Francesco Bianconi – Forever (Ponderosa/BMG, 2020)”

Bruce Springsteen – Letter To You (Columbia Records, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Antonio Sebastianelli

“E tu, padre mio, là sulla triste altura maledicimi, Benedicimi, ora, con le tue lacrime furiose, te ne prego. Non andartene docile in quella buona notte. Infuriati, infuriati contro il morire della luce.” Dylan Thomas

C’è un momento, nello splendido spettacolo teatrale/concerto Springsteen On Broadway, in cui Bruce con voce rotta dalla commozione parla di suo padre. Un irlandese, forte bevitore, gran lavoratore che ha fatto da vera e propria fonte di ispirazione per storie e personaggi che popolano i quasi cinquant’anni di musica del Boss. Poco dopo la morte, nel 1998, il padre sarebbe venuto a visitarlo in sogno, a un concerto, in mezzo alla folla di migliaia di persone venute ad ascoltarlo. Bruce si sarebbe diretto sino a lui inginocchiandosi al suo fianco e “… per un momento guardiamo entrambi l’uomo su di giri sul palco e gli dico guarda papà, quel tipo sul palco… è così che ti vedo.

Samuele Bersani – Cinema Samuele (Sony Music, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Antonio Sebastianelli

“In assoluto la mia penna è più feroce/ Di quanto prima avesse fatto mai/ Che schifo l’artista supremo/ Io lo distruggo vedrai.”
(L’intervista – Samuele Bersani)

Il modo migliore per rendere un buon servizio a chi legge la recensione di un disco, un film o uno spettacolo è lasciarsi alle spalle qualsiasi tipo di simpatia o preconcetto si abbia sull’oggetto o sull’artista trattato. Con Samuele è difficile. Confesso di non aver mai avuto un buon rapporto con la musica italiana di qualsiasi genere e latitudine e di aver poco praticato in gioventù le patrie vallate musicali. Ho trascorso la mia adolescenza, come molti coetanei penso, tra Smashing Pumpkins, Cure, Brit Pop e quanto di meglio in quei gloriosi ‘90 si presentasse all’orizzonte. Unica eccezione italiana: Samuele Bersani.

Angel Olsen – Whole New Mess (Jagjaguwar, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Antonio Sebastianelli

La musica di Angel Olsen è stata in grado di catturarmi sin dal primo ascolto. Era il 2012 e il disco lo splendido Half Way Home. In quelle canzoni sembrava rivivere l’intensità e lo spirito di Roy Orbison e una certa tradizione americana, rivista però con una sensibilità fuori dal comunque, figlia anche di quello che era accaduto nei ‘90 e nel primo decennio di questo secolo. Con il disco del 2019 All Mirrors la maturazione di questa giovane sirena giungeva a compimento. Un disco una volta ancora intenso, ma anche poliedrico, sfaccettato, in grado di inglobare momenti folky ad altri più elettronici e sperimentali e raggiungendo la quadratura del cerchio con la splendida Chance, senza se e senza ma una delle canzoni più belle degli ultimi venti anni. All Mirrors era anche un viaggio doloroso ma necessario verso la solitudine intesa come riscoperta di sé.

Paul Weller – On Sunset (Polydor, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Antonio Sebastianelli

Il tempo a volte sa essere galantuomo. Nonostante le mille rughe che solcano il viso del Mod Father e lo rendono sempre più simile a una sorta di fratello leggermente più savio dell’Iguana Iggy, la sua musica pare non aver patito un invecchiamento particolare. Merito di un’incredibile sapienza compositiva e interpretativa ma soprattutto dalla percezione esatta di quella che è l’ossatura della Pop Song perfetta: ritmo e melodia, intensità e leggerezza.

Continua a leggere “Paul Weller – On Sunset (Polydor, 2020)”

Benjamin Biolay – Grand Prix (Polydor / Universal, 2020)

R E C E N S I O N E


Articolo di Antonio Sebastianelli

«La route, c’est aussi mon métier. »
B. Biolay

Un disco per l’estate. Non suoni irrispettoso verso il grande chansonnier francese, ma è di questo che andremo a parlare. Biolay, titolare di un numero considerevole di album e di almeno un paio di capolavori, confeziona il disco pop perfetto con questo Grand Prix.

Continua a leggere “Benjamin Biolay – Grand Prix (Polydor / Universal, 2020)”

WordPress.com.

Su ↑