Ricerca

Off Topic

Solo contenuti originali

Tag

International Anthem

Angel Bat Dawid – Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology (International Anthem, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Riccardo Talamazzi

La musica di Angel Bat Dawid si ascolta non senza qualche significativo turbamento. La quarantenne clarinettista, cantante, tastierista di Chicago si espone da sola nel suo ultimo lavoro, il terzo se non erro, con questo particolarissimo Hush harbor mixtape vol.1 – Doxology. C’è, in questo disco, qualcosa che non è facile raccontare. Si tratta, infatti, di un omaggio parlato e cantato – doxologico, appunto – dedicato ad una divinità o com’è in questo caso ad una santa brasiliana mai accolta ufficialmente nell’ambito cattolico. Parliamo di Escrava Anastacia, una schiava condotta dall’Africa in Brasile, all’epoca delle drammatiche traduzioni forzate di popolazione nera, che ha raccolto proprio in sud America un culto diffuso, anche se non propriamente ortodosso. L’immagine che la ritrae in copertina la mostra con quella speciale maschera di ferro che ne copriva parzialmente il volto, obbligata ad indossarla a causa, si dice, della sua conturbante bellezza. L’hush harbor a cui si fa riferimento nel titolo equivale al “porto di silenzio”, cioè un luogo boschivo e nascosto dove gli schiavi si riunivano per leggere la Bibbia e i Vangeli trovando conforto, almeno nella religione, alla loro vita disgraziata. Dove sta il turbamento di cui parlavo all’inizio, al di là della storia in sé dello schiavismo, già particolarmente drammatica da par suo? In primis nelle dichiarazioni della stessa Angel che insegue lo “sradicamento sonoro del sistema di supremazia bianca”. Cioè, se leggo in modo giusto e dando per autentica la suddetta citazione, la possibilità di svincolarsi dal sistema armonico e strutturale della musica tipicamente bianca e occidentale, anche se certi passaggi di accordi sulla tastiera mi ricordano Messiaen. Oppure l’autrice intendeva forse alludere al valore politico dei suoi suoni? Probabilmente sono vere entrambe le cose anche se la Bat Dawid non fa proclami di rivolte né si lancia in filippiche da comizio politico. Anzi, spesso i suoi parlati sono una via di mezzo tra accenni solidali, incoraggiamenti e orazioni – doxologie, appunto.  

Continua a leggere “Angel Bat Dawid – Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology (International Anthem, 2021)”

Damon Locks Black Monument Ensemble – Now (International Anthem, 2021)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

“Il tempo è solo la differenza tra il conoscere ora e non conoscere. Perché se conosci tutto ora, significa che è trascorso presente e futuro”. È con questa citazione “sessantottina” di Mattie Humphries, che Damon Locks, “sound and visual artist from Chicago Illinois” apre il comunicato stampa che accompagna questo interessantissimo lavoro intitolato Now e realizzato con il collettivo BME, acronimo di Black Monument Ensemble. Disco di difficile narrazione (e questo è un male) e assolutamente non etichettabile (e questo è un bene). Se c’è qualcosa di facilmente riconoscibile in questo lavoro musicale è certamente il suo “brodo di coltura”, che altro non poteva essere che la scena jazz-sperimental-transgressive di Chicago. Artista poliedrico, più che musicista puro, Damon Locks propone un lavoro denso di emozioni, pulsioni, concetti a cominciare proprio dalle parole (suoi i testi), dal loro significato e dal loro suono, spina dorsale di tutto il disco, magistralmente fuse e con/fuse, in un flusso sonoro dalle mille suggestioni che vanno dal jazz di ricerca, all’underground, al punk. Cosa ci raccontano le parole? Le dominanti tematiche del disco sono certamente le proteste e le rivendicazioni, suscitate dagli ultimi episodi di violenza poliziesca nei confronti dei cittadini afro-americani, che molto spesso si sono configurate come violenze di stampo razziale. Questa è la materia concettuale del disco, coniugata e declinata attraverso una vena musicale di altissimo livello, che fa del “collage sonoro” e del linguaggio di molte avanguardie, lo strumento di trasformazione poetica e musicale di una materia tanto scottante.

Continua a leggere “Damon Locks Black Monument Ensemble – Now (International Anthem, 2021)”

Rob Mazurek Exploding Star Orchestra – Dimensional Stardust (International Anthem, 2020)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

La musica colta di Rob Mazurek assomiglia molto alla musica e poco alla musica colta. Della musica colta non ha tutta la boriosa presunzione che spesso ha il mondo della musica colta. Eppure è fuori di dubbio che di musica colta si tratti e, come ogni musica colta che si rispetti, è pregna di una forte dose di sperimentazione, minimale e, spesso, piacevolmente melodica. Registrato nel giugno 2020, Dimensional Stardust è un lavoro che vede impegnati, sotto la direzione di Rob Mazurek (autore delle composizioni e tromba ottavino, rendering elettronici, synth modulare), un nutrito ed affiatato gruppo di musicisti che formano la mirabolante Exploding Star Orchestra e che vado a ricordare: Damon Locks voce, elettronica, Nicole Mitchell flauti,  Macie Stewart violini,  Tomeka Reid violoncelli, Joel Ross -vibrafono, Jeff Parker  chitarra, Jaimie Branch  tromba,  Angelica Sanchez piano acustico e  piano elettrico, Inghebrit Håker Flaten basso, Chad Taylor, Mikel  Patrik Acery batterie e  percussioni,  John Herndon  drum machine.

Continua a leggere “Rob Mazurek Exploding Star Orchestra – Dimensional Stardust (International Anthem, 2020)”

Irreversible Entanglements – Who Sent You? (International Anthem/Don Giovanni, 2020)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

Camae Ayewa con i suoi “messaggi” un po’ sconclusionati, ma suggestivi, Keir Neuringer al sax e alle percussioni, Aquiles Navarro alla tromba e percussioni, Luke Stewart al contrabbasso e percussioni, Tcheser Holmes alla batteria e alle congas, sembrano essere molto convinti del loro jazz-punk-rock ed effettivamente il suono è molto ben amalgamato, piuttosto originale, anche godibile, soprattutto per quel sottofondo continuo, ma mai invasivo di percussioni coniugate in mille maniere. Bella, cristallina e ficcante la tromba di Aquiles Navarro, un contrabbasso pieno di personalità quello di Luke Stewart che sa far vibrare anche il silenzio, atonale e rumoristico quanto basta il sax di Keir Neuringer, insomma gran bella musica. 

Continua a leggere “Irreversible Entanglements – Who Sent You? (International Anthem/Don Giovanni, 2020)”

Jaimie Branch – Fly or Die II: Bird Dogs of Paradise (International Anthem, 2019)

R E C E N S I O N E


Recensione di Mario Grella

Non credo che la metafora del volo e la simbologia degli uccelli sia legata “solo” all’evocazione della libertà. L’uccello è un essere poco addomesticabile, è un essere a suo modo misterioso, chiuso nella sua impenetrabile individualità. Come sono gli uccelli dell’ultimo lavoro di Jamie Branch che si intitola Fly or Die II: Bird Dogs of Paradise? Strani; e forse che i cani “da uccello” siano proprio i musicisti? del resto, se non fossero stati strani, non avrebbero nemmeno popolato il disco della trombonista di Brooklyn, che ho avuto la fortuna di ascoltare a NovaraJazz giusto un anno fa.

Continua a leggere “Jaimie Branch – Fly or Die II: Bird Dogs of Paradise (International Anthem, 2019)”

WordPress.com.

Su ↑