Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Tag

La cruna e l’Orso

Beth Gibbons – Henryk Górecki – Symphony No. 3 “Symphony Of Sorrowful Songs”

R E C E N S I O N E


Articolo di Simone Santi

La stesura di questo articolo è stata preceduta e introdotta da un tempo discreto di riflessione, dalla preliminare considerazione di come avrei potuto approcciare, io che non sono musicista né musicologo in senso accademico, l’impegnativo lavoro e la responsabilità derivante dalla coraggiosa proposta pervenutami da questa rivista di recensire un’opera sinfonica che offre molteplici ragioni ed elementi di pregio. Dopo varie oscillazioni e un paio di settimane di studio, il mio orientamento è andato a recuperare una chiave di lettura che avevo indicato nella prefazione da me scritta per la silloge poetica di Moka (Monica Zanon) Nella mia selva sgomenta la tigre (Le Mezzelane Casa Editrice, 2018); in quella breve introduzione proponevo di privilegiare, nell’accostarsi in quel caso specifico ad un testo letterario, una domanda fondamentale per orientare la lettura in modo fecondo: ‹‹A quale livello si colloca il “dove” del poeta? In quale punto egli […] si trova rispetto alla vita […] e al proprio personale cammino di compimento scrittorio, così come nei riguardi del tempo nel quale vive?››.

Continua a leggere “Beth Gibbons – Henryk Górecki – Symphony No. 3 “Symphony Of Sorrowful Songs””

Una nuova rubrica o una “rubrica nova”?

Articolo di Simone Santi

La letteratura, al cospetto delle altre forme di “narrazione” e di “fictio” a nostra disposizione, si direbbe che oggi fatichi a stare tra quelle riconosciute come più “convincenti” dal pubblico; del resto da alcuni decenni essa pare aver perduta la capacità, se non anche l’aspirazione, a suscitare e farsi portatrice di significati “forti” e di una visione dell’essere umano capace di coglierlo in modo non riduttivo nella sua complessa totalità esistenziale, così com’era stato invero per la “grande letteratura” che nel passato aveva saputo rappresentare e dare conto delle istanze e delle grandi domande che accompagnano il viaggio “di senso” dentro la vita degli uomini di ogni epoca e luogo: sfibrata dal minimalismo che ha finito per impoverirne insieme alla lingua anche l’orizzonte ideale, la letteratura di oggi sembra non possedere più la vivificante tensione verso la dimensione spirituale dell’esistenza (e dell’arte, che simbolicamente la traduce), sostituendo quei valori che le sono stati propri con i miti occasionali della cultura attuale e appiattendo la propria rappresentazione dell’uomo alla sola dimensione psicologica e storico-sociale.

Continua a leggere “Una nuova rubrica o una “rubrica nova”?”

WordPress.com.

Su ↑