Cerca

Off Topic

Voci fuori dal coro

Tag

Stefania D’Egidio

Patrizia Laquidara @ Teatro Fontana – Milano, 17 aprile 2019

L I V E – R E P O R T


Articolo di Simone Nicastro e immagini sonore di Stefania D’Egidio

Ogni volta che scrivo una recensione o un report di un concerto, ma anche esprimo semplicemente un commento o una battuta sull’argomento “musica”, il mio intento principale è, in qualche modo, cercare di trasmettere a chi mi legge come e quanto valga nella mia vita l’ascolto di alcune canzoni o la partecipazione ad un’esibizione dal vivo. Un intento, direi, piuttosto banale e nella maggior parte dei casi, tra l’altro, anche fallimentare. Il punto è che ci sono poi alcune esperienze per cui il fardello di questa mal riuscita trasmissione mi risulta anche più gravoso del solito perché tanto e tale e la bellezza sperimentarla che vorrei che almeno tutti quelli che mi “conoscono” riuscissero a provarla.

Una di queste esperienze è stata assolutamente il concerto di Patrizia Laquidara dell’altra sera al Teatro Fontana di Milano. Patrizia Laquidara è una artista che seguo fin dai suoi esordi e penso di averla vista dal vivo almeno sette o otto volte. La sua discografia è di qualità sopraffina oltre ad essere quasi un unicum nel panorama nazionale: Patrizia Laquidara è una “equilibrista” che asseconda una visione artistica ricercata e personale sempre in divenire ed eccezionalmente “pura” nel formarsi/trasformarsi davanti al suo pubblico.

Continue reading “Patrizia Laquidara @ Teatro Fontana – Milano, 17 aprile 2019”

Wild Nothing @ Santeria Social Club, Milano – 7 marzo 2019 [opening Old Fashion Lover Boy]

L I V E – R E P O R T


Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Stefania D’Egidio

Era passato un po’ in sordina Indigo, quarto disco dei Wild Nothing. Un po’ perché era uscito ad agosto, un po’ perché forse, almeno secondo la vulgata, a Nocturne, il capitolo della consacrazione, non era seguito qualcosa di altrettanto immediato e roboante. Eppure non ci voleva molto ad accorgersi che Life of Pause era di fatto anni luce avanti in quanto a varietà stilistica e perizia compositiva, mostrando Jack Tatum padroneggiare più che mai i mezzi della propria scrittura, oltre che rifiutarsi di ripetere fino all’eccesso la formula vincente del suo Jangle Pop velato di atmosfere Dream.

Il quarto capitolo della saga dell’artista di Blacksburg, Virginia, di fatto unico depositario dell’universo creativo Wild Nothing, è un ideale compendio di tutto quanto espresso in passato, più diretto di Life Of Pause ma allo stesso tempo sempre indulgente ad un certo gusto retromaniaco, tra Synth pomposi ed avvolgenti e atmosfere smaccatamente New Romantic. Un disco che forse non contiene hit sfolgoranti, capaci da sole di fare la differenza, ma che nel complesso raggiunge un livello medio più che discreto, testimonianza ideale di un gruppo che, non sarà più sulla bocca di tutti gli appassionati come 7-8 anni fa, ma è ancora più che mai degno di rimanere nel novero di quelli che contano.

Continue reading “Wild Nothing @ Santeria Social Club, Milano – 7 marzo 2019 [opening Old Fashion Lover Boy]”

Skunk Anansie – 25Live@25 (Carosello Records, 2019)

R E C E N S I O N E

Articolo di Stefania D’Egidio

Pochi giorni fa gli Skunk Anansie hanno pubblicato un doppio album live che celebra i 25 anni di carriera della band, ripercorrendone le tappe fondamentali, dai tempi dello Splash Club di King’s Cross fino ai giorni d’oggi, conservando immutata quella carica di adrenalina che li ha sempre contraddistinti. La prima volta che mi sono imbattuta nella band era il lontano 1994, facevo l’ultimo anno di liceo, a pochi mesi dall’esame di maturità, mi sembrano passati secoli: erano appena arrivati i cd, ma noi compravamo ancora le musicassette da un celebre ingrosso di Bologna, non esisteva internet né c’erano gli mp3, se volevi ascoltare le novità dovevi stare come me sintonizzato sulle frequenze di Rai Stereo Notte, di nascosto dei genitori, perché l’indomani si andava a scuola e a mezzanotte dovevamo essere tutti sotto le coperte, altro che musica! E così indossavi il tuo bel pigiamino, salutavi tutti, ti chiudevi in camera e a mezzanotte in punto sotto il piumone, ma con le cuffie per non farti sgamare.

Continue reading “Skunk Anansie – 25Live@25 (Carosello Records, 2019)”

Vanarin @ Circolo ohibò – Milano, 26 gennaio 2019 [opening Baseball Gregg]

Articolo e immagini sonore di Stefania D’Egidio

Sabato 26 i Vanarin sono passati al Circolo Ohibò di Milano per l’ultima tappa del loto tour; attorno a loro si sono create grandi aspettative, dato l’esordio scoppiettante  e l’importante collaborazione con una vecchia conoscenza del rock italiano, Roberta Sammarelli dei Verdena, che dopo averli ascoltati ne è diventata la manager.  

27012019-039a9965

Continue reading “Vanarin @ Circolo ohibò – Milano, 26 gennaio 2019 [opening Baseball Gregg]”

I Hate My Village – I Hate My Village (La Tempesta, 2019)

Articolo di Stefania D’Egidio

I Hate My Village è l’ultimo ambizioso progetto di Adriano Viterbini, chitarrista tra i più talentuosi ed eclettici del panorama musicale italiano, già membro dei Bud Spencer Blues Explosion e di Milano Elettrica, in collaborazione con Fabio Rondanini, batterista di Calibro 35 e Afterhours, ai quali si è aggiunto in un secondo momento una vecchia conoscenza del rock nostrano, Alberto Ferrari dei Verdena.

Continue reading “I Hate My Village – I Hate My Village (La Tempesta, 2019)”

Ash @ Legend Club – Milano, 03 dicembre 2018

Articolo e immagini sonore di Stefania D’Egidio

Lo avevo detto mesi fa, facendo la recensione di Islands (puoi leggerla qui) che era tra gli album  più belli, se non addirittura il più bello in assoluto tra quelli pubblicati nel corso del 2018, segnando un ritorno sulle scene in grande stile per la band irlandese degli Ash.

Un album in grado di soddisfare tutti i palati, da quello punk a quello rock e pop: per questo non vedevo l’ora di assistere al loro live, per tastare con mano la loro carica esplosiva anche dal vivo.

Dopo un’attesa durata mesi, finalmente arriva la data fatidica del 03 dicembre, apertura porte anticipata rispetto al solito, non che mi dispiaccia, visto che il giorno dopo si lavora, quindi giusto il tempo di mangiare un panino con un’amica e subito si corre a ritirare l’accredito per accedere al pit.

Intorno alle 21.00 si spengono le luci e sale sul palco la band di supporto, gli Indoor Pets, gruppo di giovanissimi provenienti dal Kent, con alle spalle un paio di EP e freschi di pubblicazione di un paio di nuovi singoli.

Facce da bravi ragazzi, propongono un poprock vivace e spensierato, l’ideale per scaldare l’atmosfera del Legend in vista degli headliner; saranno pure giovanissimi, saranno pure allegri e in buona salute, ma cavoli se picchiano! Per nulla intimoriti dal grande pubblico, non soldout la serata, ma locale quasi pieno, divorano il palco nel poco tempo che è loro concesso, per un totale di otto brani. Da seguire con attenzione negli anni a venire.

INDOOR PETS

Pochi attimi per scambiare qualche impressione con i colleghi ed ecco salire sul palco Tim Wheeler e soci; ne è passata di acqua sotto i ponti, da quando questi tre eterni ragazzi iniziarono la loro avventura insieme a Charlotte Haterley. Aspetto decisamente più maturo rispetto agli anni ’90, gli anni degli eccessi in stile Gallagher in giro per l’Europa, a seminar scompiglio nei locali e negli alberghi, la vita è andata avanti, lungo la strada hanno perso un pezzo, per l’appunto Charlotte, ma la voglia di esprimersi con la musica è rimasta intatta.

Si parte col botto, iniziano lo show con True Story, dall’ultimo lavoro, di cui suoneranno alla fine ben sette brani, procedendo dritti come un treno, senza un attimo di sosta e senza cali di tensione: appare subito chiaro che non è una serata per pigri, non ci si risparmia né sul palco né in sala perché la parola d’ordine è “cantare e sudare!” e così si fa.

Mark Hamilton ha solo quattro corde, ma battono sui timpani come fossero otto, tanto è corposo e di sostanza il suo basso, in più ha una presenza scenica che non guasta mai, altissimo rispetto ai suoi colleghi, cattura le attenzioni del pubblico, specie di quello femminile.

03122018-039A7824

L’esibizione raggiunge il picco con Confessions In The Pool, il brano più allegro e pop di Islands, di cui circola in rete anche un video molto divertente, ma c’è tempo per soddisfare davvero tutti: si passa da canzoni scatenatissime, come Buzzkill, che riportano indietro nella Londra dei Sex Pistols, a lenti strappalacrime, la splendida Incoming Waves, per poi ripercorrere nel finale i primi successi con Burn Baby Burn.

In totale ventuno brani in circa due ore, intense, emozionanti, al cardiopalmo proprio come mi aspettavo: saranno pure passati ventisei anni dall’esordio, ma lo smalto è rimasto intatto come il primo giorno, solo due minuti di pausa separano la prima parte dello spettacolo dal bis, chiuso con Did Your Love Burn Out? e Lose Control.

Il finale lascia un pò di tristezza nei cuori perché avremmo voluto andare avanti così per tutta la notte, ma l’indomani si lavora e prima o poi bisogna pur rincasare.

Setlist completa:

Indoor Pets
Hi
Electrify
Mean Heart
Teriyaki
Heavy Thoughts
Being Strange
Barbiturates
Pro Pro

Ash
True Story
Kung Fu
Cocoon
Annabel
Oh Yeah
Confessions In the Pool
A Life Less Ordinary
Goldfinger
Walking Barefoot
Shining Light
All That I Have Left
Incoming Waves
Orpheus
Cantina Band
Jesus Says
Numbskull
Buzzkill
Girl From Mars
Burn Baby Burn
Did Your Love Burn Out?
Lose Control

03122018-039A7601
03122018-039A7930
03122018-039A7871
03122018-039A7869
03122018-039A7841
03122018-039A7758
03122018-039A7655
03122018-039A7367
03122018-039A7397
03122018-039A7392
03122018-039A7590
03122018-039A7438
03122018-039A6736
INDOOR PETS
03122018-039A6759
INDOOR PETS
03122018-039A7011
INDOOR PETS
03122018-039A6807
INDOOR PETS
03122018-039A6707
INDOOR PETS

Il Muro del Canto @ Circolo Ohibò – Milano, 29 novembre 2018

Articolo e immagini sonore di Stefania D’Egidio

Ci sono muri che dividono popoli e muri che uniscono nel nome della musica, raccontando storie di cui nessuno vuole parlare, storie di amori non corrisposti, di degrado cittadino, vita di tutti i giorni.
Giovedì 29 novembre sono stata all’Ohibò per ascoltare dal vivo Il Muro del Canto, gruppo indiefolk romano ormai sulla strada da ben otto anni, forti di una vena cantautoriale che affonda le sue radici nella musica popolare.
Per la prima volta in due anni faccio fatica a trovare parcheggio vicino al Circolo, giro e rigiro per le viuzze intorno a p.le Lodi per oltre mezzora, segnale che la serata sarà più animata del solito, quando sono prossima allo sconforto ecco che trovo un posticino in un vicoletto laterale.

Continue reading “Il Muro del Canto @ Circolo Ohibò – Milano, 29 novembre 2018”

KuTso @ Circolo Ohibò – Milano, 23 novembre 2018

Articolo e immagini sonore di Stefania D’Egidio

Qualche giorno fa i KuTso sono passati all’Ohibò per presentare il loro ultimo album, Che Effetto Fa, uscito lo scorso settembre, con un sound  nuovo rispetto ai lavori precedenti e una line up del tutto rinnovata.
Si scrive KuTso, ma si pronuncia Katzo, un nome, una garanzia, per l’irriverente gruppo romano che ha fatto tappa nel capoluogo lombardo in occasione della Milano Music Week.

Continue reading “KuTso @ Circolo Ohibò – Milano, 23 novembre 2018”

Nothing @ Ohibò, Milano – 26 novembre 2018

Articolo di Luca Franceschini, immagini sonore di Stefania D’Egidio

C’è qualcosa di meraviglioso e di consolante insieme nel farsi frantumare le orecchie dal muro di suono delle chitarre dei Nothing. L’Ohibò è pieno zeppo, i corpi ammassati attutiscono il rimbombo, i volumi sono sparati come se si fosse in uno stadio, io sono davanti al palco e posso quasi sentire i timpani che mi abbandonano. I quattro di Philadelphia ci danno dentro come matti, l’inizio con Brandon Setta da solo sul palco a ricamare qualche leggero accordo acustico mentre una voce registrata fuori campo funge da intro, è solo la quiete prima della tempesta, solo un’illusione che le atmosfere più aperte e distese dell’ultimo “Dance on the Blacktop” sarebbero state riprese anche dal vivo. Se anche la setlist di questa sera è zeppa di brani nuovi, a conti fatti cambia davvero poco: veniamo spazzati via senza troppi complimenti.

Continue reading “Nothing @ Ohibò, Milano – 26 novembre 2018”

WordPress.com.

Su ↑